Contributi alle imprese turistiche per interventi di costruzione, ampliamento e ammodernamento delle strutture ricettive, acquisto di attrezzature e arredi, realizzazione di parcheggi.

Misure urgenti emergenza COVID-19 - Erogazione anticipata contributi concessi fino a un massimo del 90%

I soggetti beneficiari dei contributi di cui alla legge regionale 8 aprile 2016, n. 4, articolo 38 (Disposizioni per il riordino e la semplificazione della normativa afferente il settore terziario, per l’incentivazione dello stesso e per lo sviluppo economico), ai sensi dell’articolo 2 della legge regionale 1 aprile 2020, n. 5 (Ulteriori misure urgenti per far fronte all’emergenza epidemiologica da COVID-19), possono richiedere l’erogazione anticipata del contributo fino ad un massimo del 90% rispetto all’importo concesso e impegnato alla data del 1 aprile 2020, senza la presentazione di garanzie

Modulo per la richiesta di erogazione anticipata >>

 

DI CHE COSA SI TRATTA

Contributi in conto capitale alle imprese che esercitano le attività delle strutture ricettive turistiche.

Ritorna all'indice

BENEFICIARI

Gli incentivi sono destinati alle microimprese e alle piccole e medie imprese (PMI), come definite dall’Allegato I al regolamento (UE) n. 651/2014, titolari di strutture ricettive turistiche come definite al titolo IV della legge regionale 9 dicembre 2016, n. 21 esercitate in forma di impresa turistica.

Le PMI, per beneficiare dell’incentivo, devono possedere i seguenti requisiti:

  • essere iscritte nel Registro delle imprese della Camera di commercio competente per territorio oppure avere effettuato la comunicazione unica di cui all’art. 9 del decreto legge 7/2007
  • non essere in stato di scioglimento o liquidazione volontaria e non essere sottoposte a procedure concorsuali
  • avere la sede o l’unità locale operativa oggetto dell’intervento per cui si chiede il contributo attiva nel territorio regionale, con attività effettiva codificata dai codici ATECO 55.10, 55.20 e 55.30.

Ritorna all'indice

INIZIATIVE AMMISSIBILI A CONTRIBUTO

Le iniziative ammissibili a contributo sono le seguenti:

  • lavori di ampliamento, ristrutturazione, ammodernamento e straordinaria manutenzione di strutture ricettive turistiche esistenti
  • lavori di costruzione, ristrutturazione e straordinaria manutenzione di edifici da destinare all’esercizio di struttura ricettiva turistica
  • acquisto di arredi e attrezzature
  • realizzazione di parcheggi con almeno tre posti auto a servizio delle strutture ricettive alberghiere.

Ritorna all'indice

SPESE AMMISSIBILI

Sono ammissibili le seguenti spese sostenute a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda:

1) per i lavori di costruzione, ampliamento, ristrutturazione, ammodernamento e straordinaria manutenzione:
- spese per l’esecuzione dei lavori
- oneri per le spese generali e di collaudo

2) per la realizzazione di parcheggi:
- spese per l’esecuzione dei lavori
- oneri per le spese generali e di collaudo
- prezzo d’acquisto degli immobili

3) per l’acquisto di arredi e attrezzature:
- spese per l’acquisto
- eventuali spese di trasporto e montaggio.

Sono ammesse inoltre a contributo le spese connesse all’attività di certificazione della spesa per un massimo di 1.000 euro.

Ritorna all'indice

REGIMI DI AIUTO

I contributi, su espressa indicazione dell’impresa richiedente, sono concessi in osservanza:
- del regolamento (UE) n. 1407/2013 (de minimis)
- dell’articolo 14 del regolamento (UE) n. 651/2014 (aiuti a finalità regionale agli investimenti)
- dell’articolo 17 del regolamento (UE) n. 651/2014 (aiuti agli investimenti a favore delle PMI).

Ritorna all'indice

AMMONTARE DEL CONTRIBUTO E LIMITI DI SPESA

1) Per le imprese che chiedono il contributo ai sensi del regolamento (UE) n. 1407/2013 (de minimis):
- contributo pari al 50% della spesa ammissibile per le strutture alberghiere e del 40% della spesa ammissibile per le restanti strutture ricettive turistiche
- spesa ammissibile minima di 20.000 euro; per l’acquisto di arredi e attrezzature 10.000 euro

2) Per le imprese che chiedono il contributo ai sensi dell’articolo 14 del regolamento (UE) n. 651/2014 (aiuti a finalità regionale agli investimenti):
- contributo pari al 30% della spesa ammissibile per le microimprese e piccole imprese e del 20% per le medie imprese. Gli oneri per le spese generali e di collaudo sono riconosciuti nella misura massima del 10% del totale delle spese per l’esecuzione dei lavori
- spesa ammissibile minima di 20.000 e contributo massimo concedibile di 400.000 euro

3) Per le imprese che chiedono il contributo ai sensi dell’articolo 17 del regolamento (UE) n. 651/2014 (aiuti agli investimenti a favore delle PMI):
- contributo pari al 20% della spesa ammissibile per le microimprese e piccole imprese e del 10% per le medie imprese. Gli oneri per le spese generali e di collaudo sono riconosciuti nella misura massima del 10% del totale delle spese per l’esecuzione dei lavori
- spesa ammissibile minima di 20.000 e contributo massimo concedibile di 400.000 euro.

Ritorna all'indice

DOMANDE

Al momento la presentazione delle domande è sospesa.

Ritorna all'indice

TIPO DI INTERVENTO E CONDIZIONI

Contributi in conto capitale concessi secondo la procedura valutativa a graduatoria.

Ritorna all'indice

SOGGETTO GESTORE E CONTATTI

Il soggetto delegato dalla Regione a concedere i contributi previsti dall’articolo 59 della legge regionale 9 dicembre 2016, n. 21 è il CATT FVG >>>.

Referenti
per la provincia di Gorizia
Antonietta Piacquadio - tel. 0481 285526
antonietta.piacquadio@cattfvg.it
 
per la provincia di Pordenone
Luca Rigo - tel. 0434 087044
luca.rigo@cattfvg.it
 
per la provincia di Trieste
Giada Turchino - tel. 040 2652052
giada. turchino@cattfvg.it
 
per la provincia di Udine
Dania Gomboso - tel. 0432 1745188
dania.gomboso@cattfvg.it

Ritorna all'indice