AVVISO:

Sarà possibile caricare le domande di contributo - previa registrazione - dalle ore 8:00 del 1 febbraio fino alle ore 18:00 del 1 marzo 2021 (termine prorogato ai sensi dell'art. 6 comma 2 della L.R. 7/2000) utilizzando l'applicativo FEGC .

Come accedere alla piattaforma FEGC

All'applicazione FEGC si accede tramite SPID (Sistema Pubblico d'Identità Digitale) oppure registrandosi con LoginFVG. Se decido di accreditarmi con LoginFVG, posso scegliere tra la registrazione (account):
- “ Base”: l’utente può registrarsi in modo autonomo indicando nome utente, e-mail e scegliendo una password;
- “Standard”: bisogna recarsi presso uno degli Uffici relazioni con il pubblico regionali (URP) che forniranno le credenziali per l’accesso;
- ”Avanzato”: che può essere utilizzato da chi ha la Carta Regionale dei Servizi (CRS) attivata. 
 

L'applicativo FEGC consente già adesso di creare in modo autonomo l'account base che permetterà - a partire dal 1 febbraio - di accedere nel sistema per compilare e spedire la domanda.
Si precisa che l'accesso all'applicazione con l'account LoginFVG standard o avanzato e con SPID (= tutti e tre i tipi di account equivalgono ad un'autenticazione forte) consente di sottoscrivere la domanda con mera convalida finale, mentre chi accede con LoginFVG base (= accesso anonimo) dovrà, una volta finita la compilazione, stampare, firmare, scansionare la domanda e ricaricarla a sistema. A tal proposito si specifica che l'accesso con autenticazione forte - che equivale all'apposizione della firma in calce alla domanda - va effettuato solo dal titolare avente diritto a presentare la domanda , quindi dal:
- proprietario dell'immobile oggetto dell’intervento,
- locatario, comodatario, usufruttuario o titolare di altro diritto reale di godimento sull’immobile oggetto dell’intervento
- dall'amministratore del condominio o soggetto a ciò delegato nel caso di condomini per i quali non è stato nominato un amministratore
 

Per maggiori dettagli sul caricamento e sulla compilazione della domanda si possono consultare le mini guide disponibili su questa pagina.

 

Ritorna all'indice

Presentazione della domanda

Le domande vanno presentate dalle ore 8:00 del 1 febbraio fino alle ore 18:00 del 1 marzo 2021 (termine prorogato ai sensi dell'art. 6 comma 2 della L.R. 7/2000) esclusivamente on line, previa registrazione, attraverso l'applicativo informatico FEGC.  (a partire dal 1 febbraio: cliccando sulla parola FEGC nel testo oppure passando attraverso il link a destra (LINK PER LA COMPILAZIONE DELLE DOMANDE CONTRIBUTI ON LINE).


Prima di iniziare con la compilazione della domanda assicurarsi di avere la seguente documentazione che andrà allegata alla domanda:
a) preventivo dettagliato di spesa con evidenza degli importi relativi a ciascuna spesa ammissibile e l'indicazione della quantità di materiale contenente amianto da rimuovere;
b) almeno due fotografie attestanti la presenza dell'amianto;
c) documentazione attestante il pagamento dell' imposta di bollo (pagamento con il modello F23 o marca da bollo con dichiarazione disponibile nella sezione modulistica);
d) autorizzazione alla realizzazione dell'intervento da parte di eventuali comproprietari o del proprietario (nel caso la domanda sia presentata dal locatario, comodatario, usufruttuario o titolare di altro diritto reale di godimento sull’immobile oggetto dell’intervento) e copia del documento d'identità di chi firma l'autorizzazione;
e) verbale dell'assemblea condominiale che autorizza la realizzazione dell'intervento (nel caso in cui il richiedente sia un condominio);
- copia del documento d'identità del richiedente;
- i dati catastali necessari per la localizzazione dell'intervento, se la pertinenza o l'immobile è
soggetto all'obbligo di accatastamento;
- Si precisa che nel caso di più comproprietari, la domanda di contributo è presentata da uno solo di essi previa autorizzazione degli altri alla realizzazione dell'intervento oggetto della domanda.

Ritorna all'indice

Assistenza tecnica Insiel

Si può richiedere l'assistenza tecnica Insiel ai seguenti recapiti:

Nella telefonata o nella e-mail va precisato il nome dell'applicativo per cui si chiede assistenza (FEGC o, se in merito al sistema di accredimento, LOGIN FVG)

Ritorna all'indice

Beneficiari

Possono beneficiare del contributo:

a) il proprietario o comproprietario dell’immobile oggetto dell’intervento

b) il locatario, comodatario, usufruttuario o titolare di altro diritto reale di godimento sull’i mmobile oggetto dell’intervento

c) i condomini costituiti per la maggioranza (calcolata in base ai millesimi di proprietà) da unità abitative a uso residenziale

Ritorna all'indice

Linee guida per l'autorimozione dell'amianto

Per garantire una corretta organizzazione della microraccolta comunale e dell’autorimozione in sicurezza di manufatti contenenti amianto di piccole entità da parte dei privati cittadini, la Regione FVG ha definito, in modo puntuale, le quantità e le procedure operative necessarie a salvaguardare sia i soggetti direttamente che indirettamente interessati.

Nel caso di microraccolta comunale e di autorimozione si raccomanda quindi di prendere visione, preventivamente alla presentazione della domanda, delle "LINEE GUIDA FINALIZZATE ALLA MICRORACCOLTA DI AMIANTO DA PARTE DEI COMUNI E DEI PROPRIETARI DI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE" con particolare riferimento alle quantità ed alle procedure operative.
 

  

Ritorna all'indice

Spese ammissibili a contributo

Sono ammissibili a contributo le seguenti spese da sostenere successivamente alla presentazione della domanda:

a) spese necessarie alla rimozione, al trasporto e allo smaltimento dei materiali contenenti amianto

b) spese necessarie per le analisi di laboratorio

c) costi per la redazione del piano di lavoro di cui all’articolo 256 del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 (Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro)

d) le spese inerenti l'approntamento delle condizioni d lavoro in sicurezza nella misura massima del 10% dell'importo relativo alla sola rimozione del materiale contenente amianto

e) IVA

Per consentire una corretta istruttoria all'ufficio competente, si invita a formulare il preventivo utilizzando lo schema di preventivo che specifica distintamente ciascna spesa ammissibile a contributo.

Ritorna all'indice

Spese non ammissibili a contributo

Non sono ammissibili a contributo le spese relative alla sostituzione del materiale rimosso, ad interventi di incapsulamento o confinamento dei materiali con presenza di amianto.

Ritorna all'indice

Importo del contributo

Il contributo è concesso nella misura del 50% della spesa ammissibile e per un massimo di 1.500 euro.

Nel caso in cui il beneficiario sia un condominio, fermo restando il limite del 50% della spesa ammissibile, l'importo massimo concedibile è dato dal prodotto di 1.500 euro per il numero di unità abitative a uso residenziale presenti nel condominio.

Ritorna all'indice

Erogazione del contributo

Per ricevere il contributo il beneficiario entro 12 mesi dalla data del decreto di concessione deve presentare la seguente documentazione giustificativa della spesa:

a) fatture quietanzate intestate al beneficiario;

b) almeno due fotografie attestanti lo stato dell'immobile dopo l'intervento;

c) documentazione attestante l'avvenuta convalida del piano di lavoro, ove previsto, attraverso l'applicativo Me.L.Am. (Medicina del Lavoro Amianto)

d) nel caso di rimozione in proprio o di solo smaltimento, in luogo della documentazione di cui alla lettera c), copia del formulario di identificazione del rifiuto contenente amianto attestante l'invio dei rifiuti ad impianti autorizzati al loro smaltimento.

Il beneficiario con la presentazione della documentazione di rendicontazione comunica anche le modalità di pagamento del contributo.

 

I contributi già concessi alla data del 31 gennaio 2019 sono rendicontati ai sensi del regolamento previgente, pertanto i beneficiari che hanno ottenuto il contributo prima di tale data, presentano la seguente documentazione:

a) fatture quietanzate intestate al beneficiario;

b) due fotografie attestanti lo stato dell'immobile dopo l'intervento;

c) copia del formulario di identificazione del rifiuto contenente amianto attestante l'invio dei rifiuti ad impianti autorizzati al loro smaltimento.

 

Ritorna all'indice