Indicazioni sulle opportunità contributive relative allo smaltimento dell’amianto.

Contributi per interventi volti alla rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici di proprietà comunale

L’articolo 3, comma 27, della LR 20/2015 autorizza l’Amministrazione regionale a concedere ai Comuni contributi per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici di proprietà comunale.

Il regolamento che stabilisce i requisiti, il termine e le modalità della presentazione  della domanda è stato approvato con decreto del Presidente della Regione n. 178 del 28 agosto 2015  ed è pubblicato nel BUR SO n. 34 del 2 settembre 2015.

La legge regionale n. 34 del 20 ottobre 2017 (Disciplina organica della gestione dei rifiuti e principi di economia circolare) all’art.11 stabilisce, inoltre, che i Comuni provvedano, per quanto di competenza, all'inserimento nell'applicativo ARAM dei dati relativi agli edifici contenenti amianto e alla georeferenziazione degli stessi e l’osservanza della predetta disposizione da parte dei Comuni è condizione necessaria per accedere ai finanziamenti regionali destinati all’attuazione di interventi nel settore dei rifiuti.

Pertanto, a partire dal 2018, non saranno più ammessi a contributo gli edifici comunali che non sono stati inseriti in ARAM.

L’attestazione dell’avvenuto inserimento nell’applicativo verrà effettuata  mediante la trasmissione del certificato prodotto dallo stesso a fine inserimento dati.  

 

Per maggiori dettagli sui  requisiti, il termine e le modalità della presentazione  della domanda vai alla pagina

Ritorna all'indice

Finanziamenti ministeriali per la progettazione degli interventi di bonifica di beni pubblici contaminati da amianto

In data 25/01/2017 è stato pubblicato sul sito del Ministero dell’ambiente il bando per l’accesso ai finanziamenti del fondo per la progettazione preliminare e definitiva degli interventi di bonifica di beni pubblici contaminati da amianto.

 

Ritorna all'indice