L’ AUA (Autorizzazione Unica Ambientale) è un provvedimento che ricomprende tutti i titoli abilitativi in campo ambientale di cui un’impresa ha bisogno per iniziare e/o proseguire la sua attività.

Tutte le competenze in materia di ambiente che le norme nazionali e regionali assegnano alle Province del Friuli Venezia Giulia, sono state trasferite, dal 1 gennaio 2017, all'Amministrazione regionale.
Presso ogni capoluogo di Provincia, allo stesso indirizzo e con i precedenti numeri di telefono, sono stati mantenuti gli uffici periferici, che però ora fanno capo alla Direzione centrale ambiente ed energia della Regione, che assume la titolarità di tutti i procedimenti amministrativi pendenti.
Gli Sportelli Unici Attività Produttive (SUAP) indirizzano le istanze telematiche di autorizzazione unica ambientale alle seguenti caselle di posta elettronica certificata:
aua.go@certregione.fvg.it
aua.ts@certregione.fvg.it
aua.pn@certregione.fvg.it
aua.ud@certregione.fvg.it
in cui la sigla della provincia indica la competenza territoriale.

 
COME EFFETTUARE I VERSAMENTI: COORDINATE BANCARIE
 
CAPITOLO ENTRATA VERSAMENTO DA CITARE NELLA CAUSALE DEL VERSAMENTO: CAPITOLO
 

COS'È L'AUA

L’ autorizzazione Unica Ambientale (AUA) è un provvedimento disciplinato dal Decreto del Presidente della Repubblica n. 59 del 13 marzo 2013  che ricomprende tutti i titoli abilitativi in campo ambientale di cui un’impresa ha bisogno per iniziare o e/o proseguire la sua attività.

Il legislatore ha individuato la Provincia quale “Autorità competente” che adotta il provvedimento finale di AUA, e ha dato al procedimento di rilascio dell’AUA il carattere, di fatto, di un percorso interno (endoprocedimento) nell’ambito di quello più ampio, disciplinato dall’art. 7 del DPR 160/2010, in capo allo Sportello Unico per le Attività Produttive (SUAP) del Comune competente per territorio, che rilascia il provvedimento finale. 

A seguito del trasferimento delle competenze in materia ambientale ai sensi della L.R. 26/2014, a partire dal 1 gennaio 2017, la Regione diviene Autorità competente e Soggetto competente in tutte le materie ambientali per le quali erano competenti le Province stesse.

L'AUA incorpora in un unico atto diverse autorizzazioni ambientali previste dalla normativa di settore (Dlgs 152/2006, L. 447/1995, Dlgs 99/1992).

I titoli abilitativi assorbiti dall'AUA sono:

A) autorizzazione agli scarichi di cui al capo II del titolo IV della sezione II della Parte terza del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;

B) comunicazione preventiva di cui all'articolo 112 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, per l'utilizzazione agronomica degli effluenti di allevamento, delle acque di vegetazione dei frantoi oleari e delle acque reflue provenienti dalle aziende ivi previste;

C) autorizzazione alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti di cui all'articolo 269 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;

D) autorizzazione generale di cui all'articolo 272 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152;

E) comunicazione o nulla osta di cui all'articolo 8, commi 4 o comma 6, della legge 26 ottobre 1995, n. 447;

F) autorizzazione all'utilizzo dei fanghi derivanti dal processo di depurazione in agricoltura di cui all'articolo 9 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n. 99;

G) comunicazioni in materia di rifiuti di cui agli articoli 215 e 216 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152.

 

Ritorna all'indice

CHI LA DEVE RICHIEDERE

Devono richiedere l'AUA le piccole e medie imprese, come definite dal DM 18 aprile 2005, e gli impianti non soggetti alla disciplina dell'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) che abbiano bisogno di ottenere il rilascio, la formazione, il rinnovo o l’a ggiornamento di almeno uno dei titoli abilitativi tra quelli sopra elencati.

Pertanto un impianto produttivo non soggetto all’AIA è soggetto all’AUA anche quando il gestore sia una grande impresa.

Nel caso in cui si tratti di attività soggette solo a comunicazione ovvero ad autorizzazione generale (lettere B, D, G), è facoltà del gestore non presentare la richiesta di autorizzazione AUA, ferma restando la presentazione della comunicazione o dell'istanza per il tramite del SUAP.

 

Ritorna all'indice

SONO ESCLUSI DALL’AUA:

- gli impianti e le attività soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale;

- i progetti sottoposti alla valutazione di impatto ambientale (VIA), nel caso in cui questa comprenda e sostituisca, ai sensi dell’art.26 del D.Lgs. n. 152/2006, i titoli abilitativi e le autorizzazioni ricadenti nell’AUA; 

- il procedimento unico di cui all’articolo 208 del D.Lgs. n. 152/2006, concernente l’a utorizzazione per i nuovi impianti di smaltimento e di recupero dei rifiuti.

 

Ritorna all'indice

A CHI SI CHIEDE

L’AUA si chiede direttamente allo Sportello unico per le attività produttive (SUAP) competente per territorio, esclusivamente in modalità telematica, che la trasmette sempre in modalità telematica all'Autorità competente e alle altre Amministrazioni coinvolte nel procedimento (Soggetti competenti).

La domanda deve essere presentata in formato digitale, sui modelli presenti sul sito dello SUAP, indicando chiaramente tutti gli atti da inserire in AUA (in particolare vanno curate le informazioni sull’i mpatto acustico).

Tutte le comunicazioni Ditta/SUAP/Autorità Competente/Soggetti Competenti devono avvenire a mezzo PEC.

Per le comunicazioni verso l’Amministrazione regionale utilizzare le caselle di PEC:

aua.go@certregione.fvg.it

aua.ts@certregione.fvg.it

aua.pn@certregione.fvg.it

aua.ud@certregione.fvg.it

Ritorna all'indice

ONERI ISTRUTTORI

Per quanto riguarda le autorizzazioni allo scarico di competenza regionale, gli oneri istruttori sono stati unificati nella misura forfettaria di 200 euro per procedimento.

Per le altre fattispecie si invita a contattare direttamente il Soggetto competente al rilascio del singolo atto abilitativo.
 

Ritorna all'indice

GLI ENTI COINVOLTI

Il D.P.R. 59/2013 non ha modificato le norme di settore né i soggetti competenti al rilascio del singolo atto abilitativo. Pertanto i soggetti competenti in materia ambientale, come ad es., ARPA, i gestori del servizio idrico integrato, la Regione, etc intervengono nel procedimento AUA mantenendo il proprio ruolo e competenza.

Ritorna all'indice

DURATA E RINNOVO

L'AUA ha una durata di 15 anni decorrenti dal rilascio. Il rinnovo deve essere chiesto almeno 6 mesi prima della scadenza.

Ritorna all'indice

Contatti

Staff aua e disciplina degli scarichi

Paolo De Alti

direttore di staff

indirizzo TRIESTE - Via Giulia, 75/1
telefono 0403774189

Ritorna all'indice