L’articolo 199 del decreto legislativo 152/2006 stabilisce i contenuti generali del Piano regionale di gestione dei rifiuti ed assegna alle Regioni la competenza nella sua predisposizione ed adozione nonché l’obbligo del suo aggiornamento almeno ogni sei anni.
In funzione della molteplicità dei contenuti previsti dall’articolo 199 del decreto legislativo 152/2006 si è valutato che l’articolazione del Piano regionale di gestione dei rifiuti in documenti distinti rappresenti uno strumento più flessibile nella gestione dello specifico argomento nonché nell’adeguamento del relativo documento di pianificazione a mutate esigenze operative o di variazioni della normativa vigente.



Con delibera di Giunta regionale n. 40 del 15 gennaio 2016 sono stati definiti i contenuti del Piano regionale di gestione dei rifiuti che risulta composto dai seguenti documenti:


−    Programma regionale di prevenzione della produzione dei rifiuti, approvato con d.p.reg. n. 034/Pres del 18 febbraio 2016;


−    Criteri localizzativi degli impianti di recupero e smaltimento dei rifiuti , avviata la procedura di VAS con d.g.r. n. 1988 del 9 ottobre 2015;


−    Piano regionale di gestione dei rifiuti urbani e relativi Allegati, approvato con d.p.reg. n. 0278/Pres del 31 dicembre 2012;


−    Piano regionale di gestione dei rifiuti speciali, approvato con d.p.reg. n. 0357/Pres del 20 novembre 2006, avviata la procedura di VAS di aggiornamento con d.g.r. n. 261 del 19 febbraio 2016 ;


−    Programma regionale di prevenzione e di gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggio, approvato con d.p.reg. n. 0274/Pres. di data 12 agosto 2005;


−    Programma per la riduzione dei rifiuti biodegradabili da collocare in discarica, approvato d.p.reg. n. 0356/Pres. di data 20 novembre 2006;


−    Piani per la bonifica delle aree inquinate;


−    Programma per la gestione dell’amianto;


−    Linee guida regionali per la gestione dei rifiuti sanitari , approvate con d.p.reg. n. 0185/Pres del 30 settembre 2013;


−    Metodo per il calcolo della percentuale di raccolta differenziata dei rifiuti urbani nella regione Friuli Venezia Giulia , approvato con d.p.reg. n. 0186/Pres del 30 settembre 2013;


−    Linee guida regionali per la gestione dei rifiuti spiaggiati e da spazzamento stradale;


−    Linee guida regionali per la gestione dei rifiuti da costruzione e demolizione;


−    Linee guida regionali per la realizzazione e la gestione dei centri di riuso, approvate con d.g.r. n. 1481 del 22 luglio 2015;


−    Schema di Regolamento comunale di gestione dei rifiuti urbani e assimilati, approvato con d.p.reg. n. 0146/Pres del 15 luglio 2014.

 

 


La pianificazione regionale è inoltre completata da:


−    Programma per la decontaminazione e lo smaltimento degli apparecchi soggetti ad inventario e del PCB in essi contenuto, approvato con d.p.reg. n. 0148/Pres. del 27 maggio 2005;


−    Piano regionale per la raccolta e lo smaltimento degli apparecchi contenenti PCB non soggetti ad inventario, approvato con d.p.reg.. n. 0226/Pres. del 30 giugno 2004;


per tali documenti non vi è necessità di aggiornamento in quanto gli obiettivi di cui al d.lgs. 22 maggio 1999, n. 209 (Attuazione della direttiva 96/59/CE relativa allo smaltimento dei policlorodifenili e dei policlorotrifenili) prevedevano la dismissione entro il 2005 degli apparecchi non soggetti ad inventario ed entro il 2010 degli apparecchi soggetti ad inventario.