Attività di prevenzione e difesa dai dissesti geologici ed idraulici.

Cosa sono e cosa fa la Regione

Frane, valanghe e alluvioni sono fenomeni naturali e ordinari, responsabili da sempre dell’e voluzione del territorio e del suo paesaggio. Creano e modificano le forme che tutti noi conosciamo: basti pensare che la pianura friulana altro non è se non centinaia di metri di depositi, accumulati dalle alluvioni, in decine di migliaia di anni.

La ricerca scientifica e la normativa competente hanno coniato e istituzionalizzato il termine “ dissesto idrogeologico” (dissesto geologico-idraulico), individuando con esso i processi responsabili del modellamento dei versanti, della formazione delle pianure alluvionali e delle dinamiche costiere. Tali fenomeni sono caratterizzati da una certa intensità e ripetitività: ecco perché la loro perimetrazione è fondamentale sia per l'incolumità delle persone che per la salvaguardia dei loro beni.

Il rapporto tra il dissesto idrogeologico e l'attività antropica è quanto mai delicato e biunivoco, dove spesso è l'attività dell'uomo a essere la causa innescante e/o predisponente: l'interazione tra il dissesto e l’uomo è ben nota ed è ciò che viene definito rischio.

L'Amministrazione regionale gestisce il rischio idrogeologico sia in termini di attività conoscitiva (ubicazione ed estensione areale dei fenomeni) che in termini di interventi strutturali e non-strutturali.

Gli interventi strutturali sono costituiti dal finanziamento e dalla realizzazione delle opere di difesa per la messa in sicurezza del territorio.

Gli interventi non-strutturali sono costituiti dalle attività di prevenzione quali i vincoli territoriali, dall’attività pianificatoria, dalla normativa tecnica specifica, nonché dai piani di Protezione civile in caso di eventi calamitosi.

Ritorna all'indice

MONITORAGGI GEOLOGICI - NEWS

Il Servizio geologico della Direzione centrale ambiente ed energia della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia è impegnato nel monitoraggio di vari dissesti presenti sul territorio regionale al fine della salvaguardia della vita umana.

Ritorna all'indice

VULNERABILITÀ NATURALE

La varietà fisiografica della regione Friuli Venezia Giulia e la sua posizione geodinamica, dall'arco alpino all'ambiente costiero, favoriscono la predisposizione del territorio a una molteplicità di vulnerabilità e pericolosità naturali. La loro conoscenza è essenziale per garantire la salvaguardia della vita umana.

Ritorna all'indice

FRANE

I dissesti franosi sono sicuramente tra i fenomeni naturali più eclatanti e pericolosi. La Regione si occupa del censimento di tutti questi fenomeni definendone le caratteristiche geometriche, classificandone la pericolosità e monitorandone l’evoluzione nel tempo.

Ritorna all'indice

VALANGHE

Tra gli aspetti legati alla gestione del territorio e dell’ambiente, dei quali si occupa la Regione Friuli Venezia Giulia, riveste un ruolo importante quello relativo alla prevenzione dei rischi derivanti dal pericolo di valanghe.

Ritorna all'indice

INONDAZIONI

La Regione è impegnata in questo settore su vari fronti:

- prevenzione, attraverso la progettazione e l’esecuzione di opere di difesa, nonché la promozione di studi specifici per approfondire il comportamento dei corsi d’acqua;
- pianificazione, partecipando come membro del Comitato tecnico al processo di elaborazione, consultazione e adozione degli strumenti di pianificazione di bacino (Piani stralcio per l’assetto idrogeologico e Piani stralcio per la sicurezza idraulica);
- gestione delle emergenze, attraverso il sistema di Protezione civile con il servizio di Piena.

Ritorna all'indice

SINKHOLE

I sinkhole (o doline) sono fenomeni di collasso o sprofondamento di forma sub-circolare, definiti tecnicamente come depressioni chiuse aventi un sistema di drenaggio interno, che possono manifestarsi in forma parossistica, sia temporale che areale.

Ritorna all'indice

CAMBIAMENTI CLIMATICI

Sviluppare strategie e piani d'azione per l'adattamento al cambiamento climatico significa ampliare la conoscenza e le capacità di osservazione dei dati ambientali disponibili al fine di programmare adeguati interventi di difesa a protezione del territorio.

Ritorna all'indice

OPERE DI DIFESA

La Regione pianifica, finanzia e realizza opere di difesa idrauliche, idraulico-forestali e da frana. Nei casi di imminente rischio e in situazioni di emergenza interviene per mezzo della Protezione civile.

Ritorna all'indice

PIANI TRIENNALI DEI LAVORI PUBBLICI

Il Programma triennale e l'elenco annuale dei lavori pubblici, così come previsto dalla legge regionale 14/2002, è volto ad attuare tutte le azioni di competenza che consentono di giungere alla riduzione del rischio idrogeologico nel territorio montano della regione.

Ritorna all'indice

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA MITIGAZIONE DEL RISCHIO IDROGEOLOGICO

Con l'Accordo finalizzato alla programmazione e al finanziamento di interventi urgenti e prioritari per la mitigazione del rischio idrogeologico, sottoscritto con il Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare (MATTM), la Regione Friuli Venezia Giulia ha individuato e cofinanziato la realizzazione di 32 interventi di natura idraulica e geologica sul territorio regionale.

Ritorna all'indice