Il Piano stralcio per la difesa idraulica del torrente Corno è stato predisposto dall’Autorità di bacino regionale, in attuazione dell’articolo 12 della legge regionale 3 luglio 2002 n. 16 che disciplina il riassetto organizzativo e funzionale in materia di difesa del suolo e di demanio idrico nell’ambito delle competenze attribuite alla Regione Friuli Venezia Giulia dal decreto legislativo 25 maggio 2001, n. 265.
 
Il torrente, che, a valle, è collegato al sistema del fiume Stella, attraversa una zona densamente urbanizzata e produttiva del Friuli Centrale e la protezione idraulica del territorio è di fondamentale importanza per la sicurezza dei centri abitati, gli insediamenti produttivi e per le infrastrutture dell’Alta e della Bassa Pianura Friulana.
  
Il Piano stralcio per la difesa idraulica del torrente Corno è lo strumento operativo previsto dal D.Lgs. 152/2006, e s.m.i., per attuare una politica coerente e sostenibile della difesa del suolo, attraverso un approccio integrato dei diversi aspetti gestionali ed ecologici a scala di bacino idrografico. Il Piano, per la sua natura e per i contenuti trattati, rientra nel campo di applicazione della Valutazione Ambientale Strategica, ai sensi del decreto suddetto che recepisce la Direttiva 42/2001/CE concernente la valutazione degli effetti sull’ambiente di determinati piani e programmi. La fase di valutazione del progetto di Piano è stata avviata contestualmente al procedimento di elaborazione del Piano stesso e ne ha seguito la predisposizione in ogni sua fase. Il progetto di Piano è stato aggiornato, quindi, sulla base delle osservazioni pervenute e, in fase finale, sono stati, inoltre, predisposti ai sensi dell’articolo 17, del D.Lgs. 152/2006, la “ Dichiarazione di Sintesi” della VAS, e le “Misure di monitoraggio ambientale”.
 
Il Piano stralcio per la difesa idraulica del torrente Corno è stato approvato con decreto del Presidente della Regione n. DPReg 047/Pres del 17 febbraio 2012 pubblicato sul I supplemento ordinario n. 8 del 29 febbraio 2012 del Bollettino Ufficiale della Regione Friuli Venezia Giulia n. 9 del 29 febbraio 2012.