La variante localizzata del Piano regolatore del Porto di Monfalcone, strumento previsto dal d.lgs 169/2016, art. 22, c. 6, è stata adottata con deliberazione del Comitato di gestione dell’Autorità di Sistema portuale del Mare Adriatico orientale n. 31 del 20 dicembre 2019, su proposta della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia, avvenuta con DGR 2066 del 29 novembre 2019. È attualmente in fase di valutazione ambientale strategica.

A seguito della riforma della normativa nazionale in materia di portualità, la legge 84/1994, il Porto di Monfalcone è entrato a far parte dell’ambito di competenza dell’Autorità di Sistema portuale (AdSP) del Mare Adriatico orientale, assieme al Porto di Trieste, a seguito del DPR 57/2018.
In questo contesto il d.lgs. 169/2016, che ha modificato la citata legge 84/1994, ha ridefinito la struttura degli strumenti di pianificazione portuale, escludendo la possibilità che un porto inserito in un’AdSP possa elaborare un singolo Piano regolatore portuale, se non nell’a mbito di un Piano regolatore di sistema portuale.

Grazie all’art. 22, c. 6 del d.lgs. 169/2016, è risultato possibile, in transitorio, adottare “ varianti localizzate” ai Piani regolatori portuali vigenti, purché l’adozione di tali strumenti in Comitato di gestione dell’Autorità di sistema portuale (di seguito AdSP) avvenissero entro il 31 dicembre 2019. Questo tipo di strumento poteva essere adottato anche su richiesta della Regione, essendo soggetta al medesimo iter di approvazione delle varianti stralcio ai Piani Regolatori.

L’opportunità di tale previsione normativa è stata colta dalla Regione Friuli Venezia Giulia, la quale, d’intesa con l’AdSP del Mare Adriatico orientale, ha approvato una proposta di variante localizzata al vigente Piano regolatore del Porto di Monfalcone, con DGR 2066 del 29 novembre 2019, al fine dell’azione da parte dell’AdSP.

La variante localizzata è stata successivamente adottata con deliberazione n. 31 del Comitato di gestione dell’AdSP del 20 dicembre 2019.

I documenti di variante localizzata saranno sottoposti al parere del Consiglio superiore dei Lavori pubblici, nonché alle consultazioni pubbliche di valutazione ambientale strategica, della durata di 60 giorni a decorrere dalla pubblicazione sul BUR dell’avvenuta adozione. Al termine delle procedure di formazione e valutazione ambientale, la variante localizzata sarà approvata dalla stessa Regione, ai sensi della legge 84/1994.

Documentazione allegata

La documentazione di variante localizzata, comprensiva del relativo Rapporto ambientale, si articola nei seguenti elaborati:
- Elenco elaborati (Allegato 1)

RELAZIONI
- P.1 - Descrizione dello scenario di sviluppo e studio delle alternative (Allegato 2)
- P.1.a - Studio dei traffici (Allegato 3)
- P.2 - Relazione generale (Allegato 4)
- P.3 - Norme tecniche di attuazione (Allegato 5)

ELABORATI GRAFICI
Scenari di sviluppo e studio delle alternative:
- P.4.1.1a – Configurazione delle soluzioni alternative – soluzione A (Allegato 6)
- P.4.1.1b – Configurazione delle soluzioni alternative – soluzione B (Allegato 7)
- P.4.1.1c – Configurazione delle soluzioni alternative – soluzione C (Allegato 8)
- P.4.1.1d – Configurazione delle soluzioni alternative – soluzione D (Allegato 9)
- P.4.1.2 – Comparazione delle soluzioni alternative (Allegato 10)
Generali:
- P.4.2.1 - Planimetria stato attuale (Allegato 11)
- P.4.2.1.a - Planimetria del Piano regolatore vigente (1979) (Allegato 12)
- P.4.2.2 - Planimetria dello stato di fatto dell’area portuale e Piano regolatore vigente (1979) (Allegato 13)
- P.4.2.3 - Delimitazione dell’ambito del PRP (Allegato 14)
- P.4.2.4 - Planimetria delle aree demaniali e della cinta doganale - Stato attuale (Allegato 15)
- P.4.2.5 - Aree funzionali e destinazioni d’uso – Planimetria generale (Allegato 16)
- P.4.2.6 - Caratteri generali della Variante Localizzata (Allegato 17)
- P.4.2.6.a - Sovrapposizione della Variante Localizzata sullo stato attuale (Allegato 18)
- P.4.2.6.b - Sovrapposizione della Variante Localizzata sul PRP vigente (Allegato 19)
- P.4.2.7.a - Articolazione temporale ed evidenziazione delle fasi attuative. Fase 1 (Allegato 20)
- P.4.2.7.b - Articolazione temporale ed evidenziazione delle fasi attuative. Fase 2(Allegato 21)
- P.4.2.7.c - Articolazione temporale ed evidenziazione delle fasi attuative. Fase 3 (Allegato 22)
Opere marittime e principali strutture del Porto:
- P.4.3.1 - Planimetria ipotesi tipologiche di intervento – Opere marittime e principali strutture del Porto (Allegato 23)
- P.4.3.2 - Ipotesi tipologiche di intervento – Sezioni (Allegato 24)
- P.4.3.3.a - Schema delle opere di urbanizzazione a rete esistenti (Allegato 25)
- P.4.3.3.b - Schema delle opere di urbanizzazione a rete di progetto (Allegato 26)
Infrastrutture di collegamento:
- P.4.4.1 - Interconnessioni stradali, ferroviarie e idroviarie esistenti – Inquadramento territoriale (Allegato 27)
- P.4.4.2 - Interconnessioni stradali ambito portuale – Stato di fatto (Allegato 28)
- P.4.4.3 - Interconnessioni ferroviarie ambito portuale – Stato di fatto (Allegato 29)
- P.4.4.4 - Interconnessioni stradali, ferroviarie pianificate e programmate – Inquadramento territoriale (Allegato 30)
- P.4.4.5 - Interconnessioni stradali, ferroviarie pianificate e programmate – Ambito portuale/soluzione di Piano (Allegato 31)
Gestione dei materiali di dragaggio
- P.4.6 - Specchi acquei soggetti a dragaggi e aree destinate a colmata (Allegato 32)

ELABORATI INTEGRATIVI DEL PIANO: STUDI DI SETTORE
Aspetti meteomarini e dinamiche idriche:
- P.5.1.1 - Studio meteomarino (Allegato 33)
- P.5.1.3 - Studio della penetrazione del moto ondoso ed agitazione interna (Allegato 34)
- P.5.1.4 - Studio della circolazione idrica portuale e della qualità delle acque portuali (Allegato 35)
- P.5.1.5 - Studio della dinamica costiera (Allegato 36)
- P.5.1.6 - Studio del potenziale insabbiamento dell’imboccatura portuale (Allegato 37)
Geologia e geotecnica:
- P.5.2.2 - Inquadramento geologico e geotecnico (Allegato 38)
Gestione dei materiali di dragaggio:
- P.5.3 - Studio sulla gestione dei materiali di dragaggio (Allegato 39)
Navigabilità:
- P.5.4 - Studio della navigabilità (Allegato 40)
Ottimizzazione della soluzione di Piano:
- P.5.5 - Studio per l’ottimizzazione dell’infrastruttura portuale (Allegato 41)
Aspetti energetici:
- P.5.6 - Studio del fabbisogno energetico (Allegato 42)
Aspetti inerenti le criticità infrastrutturali:
- P.5.9 - Compatibilità dell’infrastruttura portuale con il sistema infrastrutturale stradale e ferroviario (Allegato 43)
Sostenibilità economica:
- P.5.10 - Stima economica degli interventi pianificati (Allegato 44)
Sicurezza:
- P.5.11 - Studio della sicurezza del Porto (Safety, Security e sicurezza della navigazione) (Allegato 45)

DOCUMENTI DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA
- Rapporto ambientale (Allegato 46)
- Sintesi non tecnica del Rapporto ambientale (Allegato 47)