È lo strumento per garantire il rispetto dei valori limite degli inquinanti e l’abbassamento dei livelli di ozono.

La Giunta Regionale del Friuli Venezia Giulia nel 2000 ha approvato con la delibera numero 986 lo “Studio finalizzato all’acquisizione di elementi conoscitivi per la predisposizione del Piano regionale di risanamento e tutela della qualità dell’aria”. Questo documento, aggiornato poi nel 2004, ha permesso una prima analisi conoscitiva della situazione regionale riguardo agli inquinanti dell’aria ai sensi decreto legislativo 4 agosto 1999, n. 351 (Attuazione della direttiva 96/62/CE in materia di valutazione e di gestione della qualità dell'aria ambiente) e del decreto legislativo 21 maggio 2004, n. 183 (Attuazione della direttiva 2002/3/CE relativa all'ozono nell'aria).

La normativa che regolamenta la materia a livello regionale è la legge del 18 giugno 2007 numero 16 "Norme in materia di tutela dall'inquinamento atmosferico e dall'inquinamento acustico".  

Con la delibera numero 244 del 2009 sono stati avviati i lavori per l’elaborazione del  Piano regionale di miglioramento della qualità dell'aria e la relativa procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) ai sensi del decreto legislativo numero 152 del 2006.
Il procedimento di VAS, che ingloba le fasi di elaborazione del Piano stesso, si articola in 11 fasi, come descritto nell’allegato 1 alla delibera 244/2009. L’approvazione del Piano corrisponde alla fase 9, mentre nelle fasi successive sono previsti i procedimenti di pubblicazione e monitoraggio.

Con la delibera 537 del 2009 la Giunta Regionale ha approvato un primo documento di "Progetto di Piano regionale di miglioramento della qualità dell'aria", che rappresenta un ulteriore aggiornamento dello studio sopracitato e che anticipa i contenuti sviluppati nel Piano

 

La Giunta regionale con delibera n. 1783 d.d. 30 luglio 2009 ha preso atto dei seguenti documenti:
- proposta di Piano regionale di miglioramento della qualità dell’aria, comprensiva dello studio “La qualità dell’aria della città di Trieste con particolare riferimento alla zona di Servola”;
- rapporto ambientale di valutazione ambientale strategica;
- sintesi non tecnica del rapporto ambientale.
Su tale documentazione si sono svolte le consultazioni previste dall’articolo 14 del decreto legislativo 152/2006, a seguito delle quali sono giunti contributi e osservazioni da parte di diversi soggetti.
La Giunta regionale con delibera n. 58 d.d. 21 gennaio 2010 ha approvato il parere dd 11 gennaio 2010 del Servizio valutazione impatto ambientale della Direzione centrale ambiente e lavori pubblici, espresso ai sensi dell’art. 15 comma 1 del D.lgs 152/2006, sulla base dei citati contributi, della documentazione completa di Piano e di VAS, nonché in relazione alla Valutazione di incidenza.
A seguito di tale deliberazione il Servizio tutela da inquinamento atmosferico acustico ed elettromagnetico della Direzione centrale ambiente e lavori pubblici ha predisposto le necessarie integrazioni e  modifiche ai documenti allegati alla DGR 1783/2009.
Con delibera n. 432 dd. 11 marzo del 2010 sono stati approvati in via preliminare dalla Giunta regionale i seguenti documenti per l’acquisizione del parere del Consiglio delle autonomie locali, , ai sensi dell'art. 34, comma 2, della legge regionale 9 gennaio 2006, n. 1 (Principi e norme fondamentali del sistema Regione – autonomie locali nel Friuli Venezia Giulia):
- Piano regionale di miglioramento della qualità dell’aria;
- rapporto ambientale;
- sintesi non tecnica del Rapporto ambientale;
- La qualità dell’aria della città di Trieste con particolare riferimento alla zona di Servola;
- dichiarazione di sintesi art 17, comma 1, dlgs 152/2006.

Si precisa che, su richiesta, è sempre possibile prendere visione della documentazione completa inerente le osservazioni pervenute nell’ambito delle consultazioni sulla Proposta di PRMQA e sul relativo Rapporto ambientale presso gli uffici del Servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico ed elettromagnetico della Direzione centrale ambiente e lavori pubblici.
Con deliberazione n. 913 dd. 12 maggio 2010 la Giunta regionale ha approvato in via definitiva il Piano regionale di miglioramento della qualità dell’aria: tale documento è disponibile al link riportato nella sezione "documentazione".

Con decreto del Presidente n° 124 dd 31 maggio 2010 tale Piano è stato definitivamente approvato. 
 
A seguito del decreto legislativo 155/2010 “Attuazione della direttiva 2008/50/CE relativa alla qualità dell’aria ambiente e per un’aria più pulita in Europa” che istituisce un quadro normativo unitario in materia di valutazione e di gestione della qualità dell’aria ambiente, si è reso necessario un aggiornamento del Piano regionale di miglioramento della qualità dell’aria per adeguare alcuni contenuti ai criteri della nuova normativa. L’aggiornamento comprende l’adeguamento della zonizzazione del territorio regionale e della rete di rilevamento.
Il Piano ricade nella casistica prevista dal decreto legislativo 152/2006 in cui si prevede che per le modifiche minori di Piani e Programmi è necessario procedere alla verifica di assoggettabilità alla valutazione ambientale strategica.

Per tale motivazione la Giunta regionale ha dato avvio al procedimento di verifica di assoggettabilità a VAS dell’aggiornamento del Piano regionale di miglioramento della qualità dell’aria con la D.G.R. n. 1487 del 30 agosto 2012.

Con D.G.R. numero 36 del 16 gennaio 2013 la Giunta regionale ha concluso la verifica di assoggettabilità deliberando che l’aggiornamento del Piano - modifica minore del vigente Piano regionale di miglioramento della qualità dell’aria - non produce impatti significativi sull’ambiente e incidenze significative sui Siti della Rete Natura 2000 e pertanto non è necessario procedere alla valutazione ambientale strategica di cui agli articoli da 13 a 18 del D.lgs.152/2006 e alla valutazione di incidenza di cui all’articolo 5 del D.P.R 357.
 
 
 

Con deliberazione n. 288 del 27 febbraio 2013 la Giunta regionale ha approvato in via definitiva l’elaborato “Aggiornamento del Piano regionale di miglioramento della qualità dell’aria”, parte integrante del vigente Piano regionale di miglioramento della qualità dell’aria.

Con decreto del Presidente n. 47 del 15 marzo 2013 tale elaborato è stato definitivamente approvato.