Contributi per sostenere a domicilio i malati di i malati di SLA. I contributi sono gestiti attraverso il Fondo Sclerosi Laterale Amiotrofica (SLA).

Descrizione della misura
Si tratta di un programma a sostegno della domiciliarità rivolto alle persone affette da SLA, le cui finalità principali si realizzano tramite il riconoscimento di benefici economici a favore dei malati e delle loro famiglie.

Destinatari
Sono destinatari del beneficio economico i malati di sclerosi laterale amiotrofica, residenti nella Regione Friuli Venezia Giulia, assistiti a domicilio, in possesso di documentazione diagnostica rilasciata dal Centro regionale per le malattie rare o da uno dei Presidi regionali per le malattie rare, riconosciuti per il trattamento della SLA, oppure da analogo Presidio di altra Regione.

Requisiti di accesso
Possono beneficiare del contributo i malati di SLA che si trovano in una determinata condizione di gravità, accertata con appositi strumenti di valutazione, e che hanno un ISEE non superiore a 60.000 €.

Importi
L’entità degli importi varia da un minimo di 6.259 € a un massimo di 27.500 € annui, in relazione a gravità, ISEE e numero di figli a carico minori di anni 21.

Cumulabilità
Il contributo SLA non è cumulabile con i benefici del Fondo per l’autonomia possibile (FAP) e del Fondo gravissimi, fermo restando la possibilità per gli aventi titolo di optare per questi benefici qualora più favorevoli.