Contributi a persone mutilate e invalide del lavoro e per minorenni audiolesi.

Beneficiari
Gli interventi si rivolgono a:
a) mutilati e invalidi del lavoro
b) minorati dell’udito e della parola minorenni

Tipologia degli interventi e ammontare dei contributi
Le prestazioni e la misura massima dell’intervento per ogni prestazione sono fissati nell’atto di indirizzo regionale

Presentazione della domanda
La domanda va presentata al Comune di residenza nelle forme e nei modi dallo stesso indicati, anche per il tramite delle Associazioni di categoria.
Le risorse regionali sono ripartite dai Comuni ai beneficiari in maniera proporzionale alle richieste presentate. I Comuni possono integrare i contributi con fondi propri fino al livello massimo previsto dall’atto di indirizzo regionale.

_______________________________________
PARTE RISERVATA AI COMUNI

Termine per la presentazione della domanda
30 settembre di ogni anno

Modalità di ripartizione dei finanziamenti
I fondi stanziati nel bilancio regionale su deliberazione della Giunta regionale vengono suddivisi in due quote, una destinata ai contributi a favore di mutilati e invalidi del lavoro e un’altra destinata ai minori audiolesi. All’interno delle due tipologie, il riparto tra i Comuni è proporzionale alle domande da essi presentate.