(art. 18 della LR 41/1996)

La Regione riconosce e sostiene la funzione e l'attività dei soggetti che gestiscono centri ed istituti specializzati rispondenti al bisogno di residenzialità e di semiresidenzialità a favore dei diversamente abili, nonché l’attività di informazione sui servizi e gli ausilii presenti sul territorio regionale svolta dall'associazione "Comunità Piergiorgio" di Udine e l’attività di consulenza, documentazione orientamento e informazione effettuata da Hattiva Lab Cooperativa Sociale Onlus attraverso il Centro InfoHandicap.

Domanda di contributo

Per l’ottenimento dei contributi i soggetti interessati presentano, entro il 31 gennaio di ogni anno, apposita domanda alla Direzione centrale salute, politiche sociali e disabilità, corredata dal programma dell’attività e dal relativo preventivo di spesa.

La domanda con i relativi allegati può essere presentata con una delle seguenti modalità:

a) consegna a mano presso il Servizio integrazione sociosanitaria in Riva Nazario Sauro n. 8 a Trieste nell’orario di apertura al pubblico dell’ufficio medesimo, ovvero dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 12.30;

b) invio raccomandato (con ricevuta di ritorno) da indirizzare a: Servizio integrazione socio sanitaria - Direzione centrale salute, politiche sociali e disabilità - Riva Nazario Sauro n. 8 - 34133 Trieste;

c) invio alla casella di posta elettronica certificata del servizio: salute@certregione.fvg.it. La casella di posta elettronica certificata utilizzata per l’invio viene designata come domicilio digitale del soggetto proponente.

Ritorna all'indice

Destinatari

Possono accedere ai contributi i soggetti che gestiscono centri ed istituti specializzati rispondenti al bisogno di residenzialità e di semiresidenzialità e il cui ambito di intervento corrisponda almeno al territorio dell'Azienda per i servizi sanitari di riferimento, inseriti nell’e lenco ricognitivo periodicamente approvato dalla Giunta regionale (disponibile nella sezione documentazione); l’associazione «Comunità Piergiorgio» di Udine per l’attività di informazione sui servizi ed ausilii presenti sul territorio regionale, nazionale ed estero; la Cooperativa sociale Onlus Hattiva Lab per l'attività di consulenza, documentazione, orientamento e informazione svolta attraverso il Centro InfoHandicap.
 

Ritorna all'indice

Criteri e modalità di riparto

Le risorse disponibili sono ripartite con le seguenti modalità, secondo i criteri previsti dal relativo Regolamento di attuazione:
a) una quota pari al 80% è assegnata ai soggetti che gestiscono centri ed istituti specializzati rispondenti al bisogno di residenzialità e di semiresidenzialità, inseriti nell’e lenco ricognitivo periodicamente approvato dalla Giunta regionale, di cui:
- il 70% destinato ai centri ed istituti specializzati residenziali
- il 30% destinato ai centri ed istituti specializzati semiresidenziali;

b) una quota pari al 20% è stanziata per i servizi di informazione di cui:
- 85% destinato all'associazione "Comunità Piergiorgio" di Udine per l’attività di informazione sui servizi e ausili presenti sul territorio regionale, nazionale ed estero;
- 15% destinato alla Cooperativa Sociale Hattiva Lab Onlus per l’attività di consulenza, documentazione, orientamento e informazione svolta attraverso il Centro InfoHandicap.

I contributi sono concessi nel limite massimo del 90% della spesa ritenuta ammissibile e
NON sono cumulabili con altri contributi previsti da specifiche norme regionali a favore dei centri beneficiari per la loro attività socio-assistenziale.

 

Ritorna all'indice

Termine di concessione e conclusione del procedimento

Il contributo viene concesso ed erogato con Decreto del Direttore competente, nei limiti delle risorse disponibili, entro 90 giorni dalla data di scadenza per la presentazione della domanda, fatte salve eventuali sospensioni dei termini ai fini dell'acquisizione di ulteriore documentazione integrativa.

L’erogazione viene disposta ogni anno, in via anticipata fino all’ammontare del finanziamento concesso.

Ritorna all'indice

Rendicontazione e controlli a campione

I beneficiari sono tenuti a presentare i rendiconti ai sensi degli artt. 41, 42, o 43 della L.R. 7/00, nei termini e con le modalità indicate nel decreto di concessione, utilizzando la modulistica presente nella sezione modulistica.

Eventuali richieste di proroga dei termini di rendicontazione, debitamente
motivate, sono valutate dalla Direzione regionale della sanità e delle politiche sociali, che provvede a disporre, in caso di accoglimento, la proroga dei termini.

Ai sensi dell’art. 8 del Regolamento approvato con D.PReg. n. 0331/Pres. del 29 ottobre 2001 sono previsti controlli contabili a campione in misura non inferiore al 5% degli elenchi analitici trasmessi a rendiconto ai sensi dell’art. 43 della L.R. 7/00.
 

Ritorna all'indice