Incentivi triennali a mediateche.

La Regione promuove la costituzione e lo sviluppo nel territorio di un sistema regionale di mediateche, operanti almeno a livello di Unione territoriale intercomunale, quali organismi qualificati e tecnologicamente adeguati per la gestione di servizi per:

a) l'accesso e la fruizione delle opere e dei documenti audiovisivi da parte delle istituzioni scolastiche, universitarie e di tutti i cittadini;
b) la diffusione della cultura e del linguaggio cinematografico e audiovisivo;
c) la promozione della documentazione audiovisiva e multimediale del territorio;
d) la conservazione, digitalizzazione e catalogazione del patrimonio audiovisivo, in collaborazione con l'Istituto regionale per il patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia e con la Cineteca del Friuli, anche al fine di garantire standard di gestione del patrimonio cinematografico e audiovisivo che tengano conto in particolare degli specifici regolamenti della Federazione Internazionale degli Archivi dei Film (FIAF).

L'Amministrazione regionale sostiene l'attività delle mediateche tramite il finanziamento annuale a progetti o a programmi d'iniziative e attività triennali di rilevanza regionale.

Con Regolamento Regionale 15/Pres. di data 1 febbraio 2016, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione n.6 del 10 febbraio 2016, già modificato dai Regolamenti approvati con D.P.Reg. n. 254/2017 e con D.P.Reg. n. 157/2018, e ora nuovamente in fase di revisione a seguito dell'adozione in data 02.11.2018 del D.P.Reg. n. 213/2018 che approva un nuovo regolamento di modifica in vigore dall'8 novembre 2018, sono definiti i requisiti dei beneficiari, le modalità di presentazione della domanda di finanziamento e del rendiconto, le modalità di selezione dei soggetti da ammettere a finanziamento, la composizione e i compiti della commissione valutativa, le modalità di quantificazione della quota delle risorse da assegnare per ciascun soggetto, le tipologie di spese ammissibili ai fini della rendicontazione del finanziamento e le tipologie e la percentuale di spese generali di funzionamento ammesse, le modalità di verifiche e controlli, le modalità di concessione ed erogazione del contributo e di eventuali anticipi, nonché eventuali ulteriori effetti dell'ammissione al finanziamento. Con il medesimo regolamento sono altresì fissati i termini del procedimento.  

Il termine per la presentazione delle progettualità da finanziare nel nuovo triennio 2019-2021, è scaduto il 15 novembre 2018.

Il rendiconto dell’annualità 2018 va trasmesso, esclusivamente via PEC, entro il 30 giugno 2019 con le modalità stabilite dal Regolamento. Poiché il termine scade in un giorno non lavorativo, è prorogato al 1 luglio 2019, primo giorno lavorativo seguente.