Incentivi triennali a teatri di produzione e ospitalità, a teatri di ospitalità, a teatri di produzione e ad accademie di formazione teatrale regionali non operanti all'interno di teatri.

La Regione sostiene la produzione e la promozione dello spettacolo dal vivo, fonte di valorizzazione delle proprie plurali risorse culturali, fattore di crescita civile, sociale ed economica nel contesto regionale, nazionale ed internazionale.

A tale scopo, l'Amministrazione regionale sostiene i teatri di produzione e ospitalità, i teatri di ospitalità, i teatri di produzione e le accademie di formazione teatrale regionali non operanti all'interno di teatri, tramite il finanziamento annuale a progetti o a programmi d'iniziative e attività triennali di rilevanza regionale.

Con Regolamento Regionale 199/Pres. di data 18 ottobre 2016, pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione n.44 del 2 novembre 2016, come modificato dai Regolamenti di modifica approvati con D.P.Reg. n. 257/2017 e D.P.Reg. n. 157/2018, scaricabile dal menù a destra, sono definiti i requisiti dei beneficiari, le modalità di presentazione della domanda di finanziamento e del rendiconto, le modalità di selezione dei soggetti da ammettere a finanziamento, la composizione e i compiti della commissione valutativa, le modalità di quantificazione della quota delle risorse da assegnare per ciascun progetto, le tipologie di spese ammissibili ai fini della rendicontazione del finanziamento e le tipologie e la percentuale di spese generali di funzionamento ammesse, le modalità di verifiche e controlli, le modalità di concessione ed erogazione del contributo e di eventuali anticipi, nonché eventuali ulteriori effetti dell'ammissione al finanziamento. Con il medesimo regolamento sono altresì fissati i termini del procedimento.

Il termine per la presentazione della domanda di finanziamento da parte dei soggetti ammessi all’incentivo per il triennio 2017-2019, è scaduto in data 15 novembre 2018. 

Il rendiconto dell’annualità 2018 va trasmesso, esclusivamente via PEC, entro il 30 giugno 2019 con le modalità stabilite dal Regolamento. Poiché il termine scade in un giorno non lavorativo, è prorogato al 1 luglio 2019, primo giorno lavorativo seguente.