Incentivi per interventi di manutenzione ordinaria di sale teatrali

La Regione favorisce gli interventi di manutenzione ordinaria, di miglioramento funzionale, di messa in sicurezza, nonché l'adeguamento tecnologico della dotazione strutturale e delle attrezzature tecniche delle sale teatrali, diverse da quelle di cui al comma 2 dell'articolo 10, della Legge regionale 11 agosto 2014, n. 16 (Norme regionali in materia di attività culturali), e riconosce lo sviluppo delle tecnologie quale fattore indispensabile per la produzione e la rappresentazione delle opere teatrali.
L'Amministrazione regionale sostiene gli interventi indicati tramite incentivi, fino all'ammontare del 100 per cento della spesa ammissibile, previa procedura valutativa delle domande. Gli incentivi sono concessi e liquidati in un'unica soluzione anticipata.

I soggetti beneficiari degli incentivi sono individuati tra gli enti pubblici del Friuli Venezia Giulia, soggetti privati, diversi dalle persone fisiche, senza finalità di lucro o con obbligo statutario di reinvestire gli utili e gli avanzi di gestione nello svolgimento delle attività previste nell’oggetto sociale, parrocchie e diocesi della Chiesa cattolica e degli enti ecclesiastici delle confessioni religiose diverse dalla cattolica che abbiano stipulato intese con lo Stato italiano approvate con legge, società cooperative che per statuto svolgono attività esclusivamente o prevalentemente culturali o artistiche.
I soggetti in questione devono avere, al momento della liquidazione dell’incentivo, la propria sede legale o una sede operativa in Friuli Venezia Giulia.

Con D.P.Reg. n. 051/Pres. del 7 marzo 2018, sono state approvate alcune modifiche ,  al Regolamento (vedi testo coordinato); in particolare sono state introdotte tre fasce di contributo in relazione alla capienza della sala teatrale (15.000,00 - 30.000,00 euro per una capienza sino a 300 posti / 15.000,00 - 60.000,00 euro per una capienza da 300 a 800 posti / 15.000 - 300.000,00 euro per una capienza superiore agli 800). Ogni anno sarà una delibera della Giunta regionale a determinare le quote dello stanziamento da riservare a ciascuna fascia di capienza .

Ai sensi dell’articolo 4, comma 2 bis, della Legge, non possono beneficiare dei finanziamenti disciplinati dal presente regolamento:
a) abrogata;
b) l’Ente regionale Teatrale del Friuli Venezia Giulia (ERT) e i soggetti proprietari di sale teatrali oggetto di convenzione con l’ERT stesso per la gestione delle relative strutture e la programmazione di rassegne e spettacoli, ai sensi dell’ articolo 17, comma 1, della Legge regionale 16/2014;

b bis) gli enti locali associati all’ERT;
c) gli enti e le organizzazioni iscritti all'albo regionale delle organizzazioni della minoranza linguistica slovena di cui all'articolo 5 della legge regionale 16 novembre 2007, n. 26 (Norme regionali per la tutela della minoranza linguistica slovena), in quanto destinatari degli interventi previsti dall’articolo 6, commi 69-72, della legge regionale 14/2016;
d) i soggetti individuati puntualmente agli articoli 12 bis, 27 bis, e 28 della Legge;
e) le scuole statali e/o paritarie appartenenti al sistema nazionale di istruzione ai sensi dell’articolo 1 della legge 10 marzo 2000, n. 62 (Norme per la parità scolastica e disposizioni sul diritto allo studio e all’istruzione) ed enti di formazione professionale;
f) le università.

Le istanze di incentivo debbono essere presentate esclusivamente a mezzo PEC all’indirizzo cultura@certregione.fvg.it , entro il termine perentorio del 31 marzo di ogni anno.

Il testo del Regolamento e la modulistica necessaria sono pubblicati nella sezione documentazione nel menù a destra di questa pagina.