Sul Bollettino Ufficiale della Regione del 12 luglio 2017 è pubblicata la legge regionale n. 25/2017 intitolata "Norme per la raccolta e la commercializzazione dei funghi epigei spontanei nel territorio regionale" che disciplina la raccolta dei funghi nella Regione Friuli Venezia Giulia e abroga le previgenti disposizioni regionali in materia, in particolare la legge regionale 12/2000 e la legge regionale 2/2017 che aveva dettato disposizioni transitorie per l’anno in corso.
 
Le disposizioni della legge regionale n. 25/2017 si applicano dal 13 luglio 2017.
 
La nuova normativa organica in materia di funghi si è resa necessaria a seguito della riforma degli enti locali, che ha portato al superamento degli enti, Provincie e Comunità Montane, cui la previgente legge regionale 12/2000 affidava gran parte delle competenza amministrative in materia.
 
La nuova normativa ridisegna innanzitutto i requisiti per esercitare la raccolta dei funghi nel territorio della Regione prevedendo che a tal fine è necessario:
- possedere l’autorizzazione alla raccolta (si veda più sotto il paragrafo 1);
- versare un contributo il cui importo varia a seconda della zona in cui si intende esercitare la raccolta (si vedano più sotto i paragrafi 2 e 3).

Per finalità di carattere essenzialmente turistico è consentito ai non residenti in Regione esercitare la raccolta dei funghi senza autorizzazione e per periodi di tempo limitato (si veda più sotto il paragrafo 3).
 
PRINCIPALI CONTENUTI DELLA NUOVA LEGGE REGIONALE IN MATERIA DI FUNGHI

Paragrafo 1

CONSEGUIMENTO DELL’AUTORIZZAZIONE ALLA RACCOLTA DEI FUNGHI
(articolo 2 della legge regionale n. 25/2017)
 L’autorizzazione alla raccolta ha validità permanente su tutto il territorio regionale ed è rilasciata dalla Direzione centrale risorse agricole e forestali e ittiche tramite il Servizio caccia e risorse ittiche a coloro che:
- hanno compiuto sedici anni;
- hanno frequentato un corso di almeno dodici ore organizzato dalle Unioni Territoriali Intercomunali (Unioni) o dai Gruppi micologici aderenti alla Federazione regionale dei Gruppi micologici del Friuli Venezia Giulia;
- hanno superato una prova orale presso gli Ispettorati micologici regionali istituiti presso le Aziende per l’Assistenza Sanitaria.
 
La domanda per il rilascio dell’autorizzazione e sostenere la prova è presentata al Servizio caccia e risorse ittiche entro il 31 maggio di ogni anno.
 
La prova orale sarà organizzata dagli Ispettorati micologici regionali, senza oneri a carico dei richiedenti, sulla base dei nominativi di coloro che hanno presentato domanda al Servizio caccia e risorse ittiche.
L’autorizzazione è rilasciata dal predetto Servizio entro trenta giorni dalla comunicazione dell’avvenuto superamento della prova orale.
 
1.1 - NORME PARTICOLARI PER IL RILASCIO DELL’AUTORIZZAZIONE NEL 2017
(articolo 15, comma 3 della legge regionale n. 25/2017)
In via transitoria, solo nel 2017, per ottenere il rilascio dell’autorizzazione alla raccolta è sufficiente aver frequentato un corso di almeno dodici ore organizzato dalle Unioni o dai Gruppi micologici aderenti o in corso di adesione alla Federazione regionale dei Gruppi micologici del Friuli Venezia Giulia ovvero dai Gruppi micologici non aderenti.
La domanda per il rilascio dell’autorizzazione è presentata al Servizio caccia e risorse ittiche.
È possibile utilizzare l’allegato fac simile di domanda.
L’autorizzazione è rilasciata dal predetto Servizio entro 30 giorni dalla richiesta.
 
1.2 - CASI DI ESENZIONE DAL CORSO E DAL SUPERAMENTO DELLA PROVA ORALE
Per ottenere l’autorizzazione alla raccolta, alcuni soggetti sono esentati dall’obbligo di frequentare il corso e superare la prova orale. Si tratta di:
- micologi in possesso dell’attestato rilasciato ai sensi del decreto del Ministro della sanità 686/1996;
- possessori di autorizzazione alla raccolta, comunque denominata, rilasciata ai sensi della normativa vigente in altre Regioni della Repubblica italiana e subordinata al superamento di una prova.
Costoro potranno ottenere l’autorizzazione alla raccolta previa presentazione della domanda al Servizio caccia e risorse ittiche che, verificati i requisiti richiesti, la rilascerà entro 30 giorni dalla richiesta.
È possibile utilizzare l’allegato fac simile di domanda.
 
1.3 - VALIDITA’ DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA RACCOLTA RILASCIATE IN BASE ALLA NORMATIVA PREVIGENTE
(articolo 15, comma 1 della legge regionale n. 25/2017)
Le autorizzazioni alla raccolta rilasciate ai sensi della legge 12/2000 continuano ad essere valide.

Ritorna all'indice

Paragrafo 2

PAGAMENTO DEL CONTRIBUTO ANNUALE PER LA RACCOLTA (articoli 3 e 4 della legge regionale n. 25/2017)

Rispetto a quanto previsto dalla disciplina transitoria contenuta nella legge regionale 2/2017:
- l’importo del contributo da pagare per la raccolta non è più differenziato fra residenti e non residenti in regione;   
- non ci sono più distinzioni fra residenti in una Unione e non residenti nella medesima: nella norma transitoria solo il residente nel territorio dell’Unione poteva pagare il contributo per esercitarvi la raccolta, mentre ora la nuova norma lo consente anche ai non residenti.

In tutti i casi l’interessato, durante la raccolta, deve portare con sé l’autorizzazione alla raccolta, la ricevuta del versamento e un documento di identità in corso di validità.
 
L’entità del contributo  da versare, da parte di coloro che sono in possesso dell’autorizzazione alla raccolta, varia a seconda della zona in cui si intende effettuare la raccolta, come di seguito schematizzato.

 

  

ZONA DI RACCOLTA PRESCELTA

MODALITA’ DI VERSAMENTO

ENTITA’

DEL CONTRIBUTO

Tutto il territorio regionale

 

(articolo 3 della legge regionale n. 25/2017)

Versamento su conto corrente postale n. 85770709 intestato a Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Servizio di Tesoreria

Causale di pagamento:

cap. 747/E – codice fiscale della persona che vuole esercitare la raccolta

Con la delibera della Giunta Regionale del 17 luglio 2017 è stato determinato il contributo in 70,00 euro

 

Area territoriale di ciascuna Unione, comprensiva dei territori dei Comuni ancora non aderenti

 

(articolo 4, commi 1, 2, 4 e 9 della legge regionale n. 25/2017; allegato C bis della legge regionale  26/2014)

Versamento sul conto corrente postale o bancario individuato da ciascuna Unione

 

(si veda tabella successiva)

Con la delibera della Giunta Regionale del 17 luglio 2017 è stato determinato il contributo in 25,00 euro

 

 

Territorio del Comune di residenza

 

(articolo 4, comma 3 della legge regionale n. 25/2017)

La raccolta è consentita a titolo gratuito

---


 
 
MODALITA’ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO ALLE UNIONI TERRITORIALI INTERCOMUNALI
Vengono di seguito riportati i Comuni che rientrano nell’area territoriale di ciascuna Unione e le modalità di pagamento a favore delle Unioni medesime come comunicate alla Regione.

 

DENOMINAZIONE UTI

Comuni compresi nel relativo perimetro

Modalità di versamento del corrispettivo

UTI Agro Aquileiese

Aiello del Friuli, Aquileia, Bagnaria Arsa, Bicinicco, Campolongo-Tapogliano, Cervignano del Friuli, Chiopris-Viscone, Fiumicello, Gonars, Palmanova, Ruda, San Vito al Torre, Santa Maria la Longa, Terzo d’Aquileia, Torviscosa, Trivignano Udinese, Villa Vicentina, Visco.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:

 IT91J 07085 63730 000210033335

 presso la Banca CREDIFRIULI scrl

 intestato a: UTI Agro Aquileiese

 causale: Raccolta funghi 2017

UTI Carso Isonzo Adriatico

Doberdò del Lago, Grado, Fogliano- Redipuglia, Monfalcone, Ronchi dei Legionari, Sagrado, San Canzian d'Isonzo, San Pier d'Isonzo, Staranzano, Turriaco.

 

UTI Collinare

Buja, Colloredo di Monte Albano, Coseano, Dignano, Fagagna, Flaibano, Forgaria nel Friuli, Majano, Moruzzo, Osoppo, Ragogna, Rive d’Arcano, San Daniele del Friuli, San Vito di Fagagna, Treppo Grande.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:
T80X 05336 63821 000035486753
presso la Banca Crèdit Agricol Friuladria filiale di Fagagna
intestato a: Tesoreria dell' UTI Collinare
causale: Versamento annuale 2017 per raccolta funghi

UTI Collio - Alto Isonzo

Capriva del Friuli, Cormons, Dolegna del Collio, Farra d'Isonzo, Gorizia, Gradisca d'Isonzo, Mariano del Friuli, Medea, Moraro, Mossa, Romans d'Isonzo, San Floriano del Collio, San Lorenzo Isontino, Savogna d'Isonzo, Villesse.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:

IT34I 05336 12400 000035648071

 presso la Banca BANCA POPOLARE FRIULADRIA di Gorizia

 intestato a: UTI Collio - Alto Isonzo

 causale: Raccolta funghi anno 2017

UTI del Canal del Ferro - Val Canale

Chiusaforte, Dogna, Malborghetto -Valbruna, Moggio Udinese, Pontebba, Resia, Resiutta, Tarvisio.

Il versamento può essere effettuato secondo una delle seguenti modalità:
1) bonifico bancario con codice IBAN:
IT 23 T 05336 64100 000035364804
intestato a: UTI DEL CANAL DEL FERRO E VAL CANALE DI PONTEBBA
causale: RACCOLTA FUNGHI 2017
2) versamento su conto corrente postale:
n. 1035794005
intestato a: U.T.I. DEL CANAL DEL FERRO E VAL CANALE DI PONTEBBA
causale: RACCOLTA FUNGHI 2017

UTI del Friuli Centrale

Campoformido, Martignacco, Pagnacco, Pasian di Prato, Pavia di Udine, Pozzuolo del Friuli, Pradamano, Reana del Rojale, Tavagnacco, Tricesimo, Udine.

 

UTI del Gemonese

Artegna, Bordano, Gemona del Friuli, Montenars, Trasaghis, Venzone.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:
IT09L 01030 63640 000001376165
presso la BANCA MONTE PASCHI DI SIENA – FILIALE DI ARTEGNA

Intestato a: Tesoriere dell’Unione Territoriale Intercomunale (UTI) del Gemonese
causale: RACCOLTA FUNGHI 2017

UTI del Natisone

Buttrio, Cividale del Friuli, Corno di Rosazzo, Drenchia, Grimacco, Manzano, Moimacco, Premariacco, Prepotto, Pulfero, Remanzacco, San Giovanni al Natisone, San Leonardo, San Pietro al Natisone, Savogna, Stregna, Torreano.

Versamento su conto corrente postale: 
n. 41985656
intestato a: U.T.I. del Natisone
causale: Rinnovo autorizzazione permesso raccolta funghi

UTI del Noncello

Cordenons, Fontanafredda, Porcia, Pordenone, Roveredo in Piano, San Quirino, Zoppola.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:
IT96V 05336 12500 000041752824

presso la Banca Crèdit Agricol Friuladria sede di Pordenone
intestato a: UTI del Noncello
causale: Raccolta funghi anno 2017

UTI del Tagliamento

Casarsa della Delizia, Cordovado, Morsano al Tagliamento, San Giorgio della Richinvelda, San Martino al Tagliamento, San Vito al Tagliamento, Sesto al Reghena, Spilimbergo, Valvasone Arzene.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:

IT90J 08356 64789 000000051071

presso la Banca di Credito Cooperativo Pordenonese sede di Azzano X

Intestato a: UTI del Tagliamento

causale: Raccolta funghi anno 2017

UTI del Torre

Attimis, Cassacco, Faedis, Lusevera, Magnano in Riviera, Nimis, Povoletto, Taipana, Tarcento.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:

IT68L 02008 64280 000104350979

presso la Banca Unicredit S.p.a.- filiale di Tarcento

Intestato a: UTI del Torre

causale: Raccolta funghi 2017

UTI della Carnia

Amaro, Ampezzo, Arta Terme, Cavazzo Carnico, Cercivento, Comeglians, Enemonzo, Forni Avoltri, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Lauco, Ligosullo, Ovaro, Paluzza, Paularo, Prato Carnico, Preone, Ravascletto, Raveo, Rigolato, Sauris, Socchieve, Sutrio, Tolmezzo, Treppo Carnico, Verzegnis, Villa Santina, Zuglio.

Versamento su conto corrente postale:
n. 17597337
intestato a: U.T.I. della Carnia
causale: RACCOLTA FUNGHI 2017

UTI delle Valli e delle Dolomiti Friulane

Andreis, Arba, Barcis, Castelnuovo del Friuli, Cavasso Nuovo, Cimolais, Claut, Clauzetto, Erto e Casso, Fanna, Frisanco, Maniago, Meduno, Montereale Valcellina, Pinzano al Tagliamento, Sequals, Tramonti di Sopra, Tramonti di Sotto, Travesio, Vajont, Vito d’Asio, Vivaro.

Versamento su conto corrente postale:
n. 001035918356
intestato a: U.T.I. delle Valli e delle Dolomiti friulane - Maniago
causale: RACCOLTA FUNGHI 2017

UTI Giuliana

Duino-Aurisina, Monrupino, Muggia, San Dorligo, Sgonico, Trieste

 

UTI Livenza - Cansiglio - Cavallo

Aviano, Brugnera, Budoia, Caneva, Polcenigo, Sacile.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:

IT28V 08356 64789 000000051014

presso la Banca di Credito Cooperativo Pordenonese S. Coop.

intestato a: Tesoreria dell’Unione Territoriale Intercomunale Livenza Cansiglio Cavallo

causale: RACCOLTA FUNGHI 2017

UTI Mediofriuli

Basiliano, Bertiolo, Camino al Tagliamento, Castions di Strada, Codroipo, Lestizza, Mereto di Tomba, Mortegliano, Sedegliano, Talmassons, Varmo.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:
IT29X 05336 63660 000035370688
presso la BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. – FILIALE DI BASILIANO
intestato a: Tesoriere dell’Unione Territoriale Intercomunale (UTI) Mediofriuli
causale: RACCOLTA FUNGHI 2017

UTI Riviera - Bassa Friulana

Carlino, Latisana, Lignano Sabbiadoro, Marano Lagunare, Muzzana del Turgnano, Palazzolo dello Stella, Pocenia, Porpetto, Precenicco, Rivignano Teor, Ronchis, San Giorgio di Nogaro.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:
IT34M 05336 63900 000030659126
presso FRIULADRIA CREDIT AGRICOLE filiale di LATISANA

intestato a: Tesoriere dell’Unione Territoriale Intercomunale (UTI) Riviera Bassa Friulana
causale: RACCOLTA FUNGHI 2017

 

UTI Sile e Meduna

Azzano Decimo, Chions, Fiume Veneto, Pasiano di Pordenone, Prata di Pordenone, Pravisdomini.

Versamento mediante bonifico bancario con codice IBAN:
IT90L 05336 64780 000030448758

presso la Banca Crèdit Agricol Friuladria filiale di Azzano Decimo
intestato a: UTI del Sile e Meduna
causale:  Raccolta funghi anno 2017

Ritorna all'indice

Paragrafo 3

RACCOLTA PER FINI TURISTICI (articolo 4, commi da 5 a 9 della legge regionale n. 25/2017)

Al fine di incrementare l’offerta turistica la raccolta dei funghi è consentita entro l’area territoriale di ciascuna Unione ai non residenti in regione che pur non essendo in possesso dell’autorizzazione alla raccolta:
- hanno compiuto sedici anni,
- hanno versato all’Unione interessata un contributo giornaliero di  determinato con delibera della Giunta regionale del 17 luglio 2017.

Il versamento del contributo giornaliero va effettuato a favore dell’Unione corrispondente alla zona di raccolta interessata secondo le modalità riportate nella tabella precedente.

La raccolta dei funghi per fini turistici è consentita entro il limite massimo di dieci giorni all’anno.
L’interessato, durante la raccolta, deve portare con sé la ricevuta del versamento e un documento di identità in corso di validità.

Ritorna all'indice

Paragrafo 4        

NORME TRANSITORIE: VALIDITÀ DEI VERSAMENTI GIÀ EFFETTUATI NEL 2017 (articolo 15, comma 2 e articolo 16 della legge regionale n. 25/2017)

La legge regionale 2/2017, che aveva introdotto l’articolo 5bis nella legge regionale 12/2000, stabiliva le modalità transitorie di versamento, per l’anno 2017, di un corrispettivo annuale da parte di coloro che sono già in possesso dell’autorizzazione alla raccolta.

In particolare prevedeva:
- per la raccolta in tutto il territorio regionale: il versamento di 50 euro da parte dei residenti in regione e 100 euro da parte dei non residenti in regione;
- per la raccolta nell’area territoriale dell’Unione di residenza: il versamento di 25 euro.

La legge regionale 2/2017 faceva anche salvi i versamenti effettuati prima della relativa entrata in vigore.

La legge regionale n. 25/2017 stabilisce ora che:
- la legge regionale 2/2017 (e quindi anche l’articolo 5 bis della legge regionale 12/2000) sono abrogati;
- i versamenti effettuati ai sensi dell’articolo 5 bis della legge regionale 12/2000 continuano a essere validi per tutto il 2017.

Quindi:
- chi ha già effettuato il versamento prima dell’entrata in vigore della legge regionale 25/2017, non è necessario faccia ulteriori versamenti e può continuare a raccogliere nella stessa zona per cui aveva effettuato il versamento medesimo;
- chi deve ancora fare il versamento deve comportarsi così come indicato in paragrafo 2.
 

Ritorna all'indice