I corsi attualmente in svolgimento.

1. Corso di formazione per operatori forestali UF 3

Tipologia: piccole attrezzature forestali 
Svolgimento: in programmazione 
Costo: euro 213,36 
Docente: 
Documentazione:

DIREZIONE CENTRALE ATTIVITÀ PRODUTTIVE, COMMERCIO, COOPERAZIONE, RISORSE AGRICOLE E FORESTALI
SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E PIANIFICAZIONE FORESTALE – CeSFAM DI PALUZZA
CORSO DI FORMAZIONE PER OPERATORI FORESTALI – UF3

Utilizzo in sicurezza della motosega nelle operazioni di abbattimento, allestimento e esbosco di alberi di medie dimensioni e di lavori di manutenzione di parchi e giardini - cod. ATECO2007: A02.00 e N81.30
Valido ai sensi dell’art. 41, comma 2, lettera c), D.P.Reg. n 274/2012 - regolamento forestale regionale – per l’ottenimento del patentino forestale

 PROGRAMMA (42 ore)
I GIORNATA(aula e laboratori)
08.30 – 10.30 Cenni di tutela della salute e sicurezza sul lavoro - D.Lgs. 81/08-106/09 (Testo unico sicurezza sul lavoro); Cenni sul regolamento forestale regionale – DPReg. 28/12/2012 n. 0274/Pres
10.30 – 12.30 Principali pericoli e rischi nell’uso di motosega, trattore, verricello e principali misure di prevenzione e protezione - sono analizzate le fonti di pericolo e i rischi nel lavoro con attrezzatura forestale (lesioni varie, danni da rumore e vibrazioni) e i sistemi di prevenzione e protezione (dispositivi di protezione individuali e collettivi); Caratteristiche dei luoghi di lavoro boschivo dal punto di vista tecnico-operativo di organizzazione del lavoro e delle procedure amministrative.
 
13.30 – 14.30 Principi meccanici delle tecniche di abbattimento, sramatura e depezzatura di un albero.
14.30 – 16.30 Manutenzione ordinaria dell’attrezzatura forestale in officina, con particolare riferimento alla motosega: macro e micro struttura della macchina, pulizia, affilatura catena, carburazione motore; criteri di manutenzione giornaliera, settimanale e mensile.
II GIORNATA(in bosco)
08.30 – 16.30 (con pausa meridiana di un’ora) Impiego della motosega nel taglio e nell’allestimento di alberi.
Addestramento nell’uso di motosega ed attrezzatura accessoria per il taglio di piante di piccolo e medio diametro applicando le tecniche corrette in relazione al caso.
III GIORNATA (in bosco)
08.30 – 16.30 (con pausa meridiana di un’ora) Impiego della motosega nel taglio e nell’allestimento di alberi.
Addestramento nell’uso di motosega ed attrezzatura accessoria per il taglio di piante di medio diametro applicando le tecniche corrette in relazione al caso e con adozione del paranco a fune.
IV GIORNATA (in bosco)
08.30 – 16.30 (con pausa meridiana di un’ora) Impiego della motosega nel taglio e nell’allestimento di alberi.
Addestramento nell’uso di motosega ed attrezzatura accessoria per il taglio di piante di medio e grande diametro applicando le tecniche corrette in relazione al caso e con adozione del paranco a fune. Allestimento di piante appollaiate o schiantate.
V GIORNATA (in bosco-laboratori)
08.30 – 16.30 (con pausa meridiana di un’ora) Impiego di miniverricello e verricello forestale per il concentramento e esbosco dei tronchi.
Addestramento per l’individuazione di ancoraggi, scelta carrucole di rinvio e organizzazione del lavoro finalizzate al razionale concentramento e esbosco del legname.
VI GIORNATA (in bosco -laboratori)
08.30-12.30 Manutenzione giornaliera, pulizia e rimessaggio di macchine e attrezzature; principi relativi al maneggio di funi metalliche.
13.30 -16.30 Verifica del livello di apprendimento degli allievi attraverso un esame pratico e teorico relativo alle utilizzazioni boschive.
 
PREREQUISITI
- età maggiore di 16 anni;
- per stranieri conoscenza della lingua italiana, verificata con apposito test in entrata;
- idoneità psicofisica ai lavori boschivi attestata dal medico di base.
 
NOTE
- i partecipanti devono essere in possesso dei DPI personali (solo in caso eccezionali i PDI sono integrati da parte del CeSFAM); - il certificato di frequenza e profitto è rilasciato a coloro che garantiscono la presenza al corso per almeno il 70% delle ore e superano positivamente l’esame. - lo svolgimento dell’attività esterna è effettuato solo nelle condizioni meteorologiche giudicate idonee dall’organizzazione.