Geositi intesi come eclatanti tappe evolutive. Geositi per incuriosire, coinvolgere e affascinare. Geositi per imparare ad osservare in modo differente e nuovo quanto di più antico il territorio ci tramanda attraverso il tempo nel suo museo perpetuo sempre accessibile al pubblico. E infine geositi per incrementare la valenza del territorio stesso e stimolare, quale ricaduta indiretta, il generale rispetto e la costante tutela per l’ambiente, ricordando che quando qualcosa si capisce e comprende è più facile da apprezzare e, di conseguenza, da tutelare affinché continui a esistere.
Con tale scopo a conclusione dello studio tecnico-scientifico sui geositi che ha portato alla prima realizzazione del catasto regionale dei geositi, è stato pubblicato il volume “Geositi del Friuli Venezia Giulia”, rivolto ad un pubblico adulto. Tale volume illustra e media concetti e testi scientifici attraverso immagini, ricostruzioni e disegni di ben 184 geositi, che permettono la conoscenza e la fruizione di questo particolare patrimonio regionale.


Ma il nostro futuro è rappresentato dal pubblico più giovane a cui occorre rivolgersi con un linguaggio ed una metodologia ben diversa, così, grazie al programma nazionale INFEA (INFormazione Educazione Ambientale), per stimolare anche i più piccoli, sempre entusiasticamente meravigliati di tutta la natura, è stata proposta un’attività di educazione e conoscenza sull’evoluzione geologica e morfologica del territorio regionale attraverso la lettura dei geositi.


In particolare per gli alunni dell’ultima classe delle Scuole primarie, è stato creato un libro illustrato intitolato “Quattro passi nella geologia del Friuli Venezia Giulia” che illustra come si sia formata la nostra Regione e quali ne siano gli “indizi”, corredato da un “GeoGioco” il cui svolgimento si snoda sulla cartografia regionale e dove le diverse caselle rappresentano i vari geositi.


Per gli studenti delle Scuole secondarie di I° grado è stato realizzato il libro "Le rocce raccontano - Un viaggio nel tempo fra le meraviglie geologiche del Friuli Venezia Giulia" sui percorsi tematici geologici e geomorfologici evolutivi (es. le tracce dei ghiacciai, sviluppo di un fiume, ecc…) dove le tappe sono rappresentate da geositi significativi, il tutto completato da una carta illustrata dei geositi regionali e dall'applicazione "GEOsiti del Friuli Venezia Giulia" per smartphone e tablet.


Una collana di geoitinerari indirizzato anche alle famiglie completa l’offerta divulgativa. Sono disponibili le prime sei pubblicazioni di "Geovagando in Friuli Venezia Giulia - un viaggio geologico alla scoperta dei geositi", in formato di piccoli libricini tascabili da tenere in zaino per avere sempre con sé piccole guide geotematiche e geoturistiche della nostra regione. In particolare due di questi propongono dei geoitinerari da percorrere in mountain bike.


Tutto ciò con l’intento di proporre l’osservazione dell’ambiente naturale in una nuova ottica, più simile a quella dell’osservazione di un’opera d’arte o dell’ingegno umano, il cui fascino estetico è capace di stimolare nell’osservatore la ricerca di risposte. Così, di fronte ai multiformi caratteri ed aspetti di una successione rocciosa o di una peculiare morfologia, la ricerca di notizie sul significato, sulla genesi e sull’evoluzione, diventerà la logica conseguenza. Il territorio si trasformerà così in un museo a cielo aperto, pervaso di informazioni e schemi comprensibili al grande pubblico, capaci di fornire delle chiavi di lettura per fenomeni di grande attualità, dai microhabitat ai cambiamenti climatici globali.