La legge regionale 24/2019, articolo 5, commi 56-59, prevede la possibilità di concedere contributi per piccole manutenzioni e acquisti di beni di consumo non rivolti alla didattica.

Prorogati i termini al 30 giugno per la presentazione di domande ai sensi della legge regionale 24/2019, articolo 5, commi 56 - 59, per contributi per piccole manutenzioni e acquisti di beni di consumo non rivolti alla didattica.

BENEFICIARI

Ai sensi della legge regionale 24 del 27 dicembre 2019 articolo 5 commi 56 - 59, entrata in vigore il 3 gennaio 2020, le Scuole secondarie di secondo grado, presenti sul territorio regionale, possono beneficiare del contributo.

Ritorna all'indice

INTERVENTI E SPESE AMMESSI A FINANZIAMENTO

Vengono finanziati i costi per modeste manutenzioni ordinarie o per l’acquisto di beni di consumo finalizzati a migliorare la struttura e/o l’impiantistica dell’edificio scolastico, intendendosi quindi escluse le attrezzature didattiche, che non richiedono provvedimenti autorizzativi di enti o autorità terze (non comprendono spese professionali o tecniche che richiedano il ricorso a professionisti esterni).

Ritorna all'indice

ENTITA’ DEL CONTRIBUTO

Il contributo è annuale e per il 2020 sono stati stanziati 340.000 euro; ogni istituto scolastico può essere beneficiario di 7.500 euro nella misura massima, fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Ritorna all'indice

MODALITA’ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Le domande sono presentate esclusivamente tramite posta elettronica certificata alla struttura regionale competente in materia di edilizia scolastica (territorio@certregione.fvg.it) utilizzando il modello di domanda predisposto dagli uffici, entro il 30 aprile di ogni anno e sono corredate della fattura quietanzata attestante l’avvenuto pagamento delle spese. La struttura regionale competente istruisce le domande secondo l’ordine cronologico di presentazione delle stesse. I contributi sono concessi con procedura valutativa svolta secondo le modalità del procedimento a sportello.

Per l’anno 2020, quindi per il primo anno, si considerano ammissibili le spese sostenute dopo l’entrata in vigore della legge ( 3 gennaio 2020). 

Ai sensi dell’articolo 1 della legge 5/2020, a causa del COVID 19, i termini per la presentazione delle domande sono prorogati al 30 giugno 2020.

Ritorna all'indice