Obiettivi della programmazione e dati di sintesi della programmazione degli enti locali.

Piano nazionale triennale degli interventi 2018/2020

La Regione ha approvato con deliberazione della Giunta Regionale n. 547 del 15 marzo 2018 l' avviso per la presentazione di manifestazioni di interesse finalizzate alla redazione del piano triennale regionale 2018-2020 per interventi di edilizia scolastica.

L’avviso riporta i criteri, le priorità stabiliti dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca e del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, 3 gennaio 2018, n. 47.

Gli enti territoriali dovranno inviare il fabbisogno degli interventi di edilizia scolastica entro 60 dalla pubblicazione del decreto del Ministro sulla Gazzetta Ufficiale.

Tutte le richieste saranno valutate e inserite nel Piano nazionale triennale degli interventi, che potrà essere aggiornato di anno in anno per la formazione di Piani annuali.

Il finanziamento degli interventi potrà avvenire su vari canali contributivi che dovessero rendersi disponibili nel tempo.


Modalità per l’invio del fabbisogno degli enti locali:


La manifestazione di interesse  va inviata allegando:
- scheda intervento (scaricabile da ResysWeb)
- dichiarazione sostitutiva di atto notorio (All.A)
- dichiarazione per punteggio (All. B).

Allegati:

La Programmazione regionale 2016-2018

Obiettivi della programmazione e dati di sintesi della programmazione degli enti locali

La Programmazione triennale regionale è prevista dalla LR 13/2014 art. 38 e LR 15/2014 art. 7 c.1 e seg

Con delibera 1774/2016 la Regione aveva approvato la Programmazione triennale regionale 2016 -2018 di concerto con l’Ufficio scolastico regionale, sentita la Commissione consiliare competente, come previsto dalla normativa regionale.

In particolare la Programmazione triennale regionale prevede:
a) gli obiettivi da realizzare nel triennio di programmazione e le priorità;
b) le quote delle risorse del Fondo, istituito ai sensi del comma 2, da destinare alle varie tipologie d'intervento e la ripartizione annuale in conformità ai contenuti del programma stesso;
c) i criteri di valutazione delle domande;

Per il 2016/2018 gli obiettivi che sono stati individuati sono :
- interventi urgenti e indifferibili
- interventi immediatamente cantierabili, di adeguamento sismico o di miglioramento sismico
- secondo bando per ripartire i fondi previsti dal POR FESR Friuli Venezia Giulia 2014/2020
- aggiornamento del piano regionale triennale reso necessario dal trasferimento delle competenze in materia di interventi di edilizia scolastica dalle Province ai Comuni, ai sensi della legge regionale 26/2014.