La domanda di nulla osta

Le istituzioni scolastiche straniere disciplinate dal D.P.R. 389/94 e dalle filiali di Università o di istituti superiori stranieri a livello universitario di cui all'art. 2 della Legge n. 4/99, operanti in Italia da almeno 5 anni che intendano assumere docenti stranieri possono richiedere il nulla osta al lavoro per l'assunzione degli stessi.
 
L’orario di lavoro non può essere inferiore alle 20 ore settimanali.

La domanda va trasmessa telematicamente allo Sportello Unico per l’Immigrazione attraverso il portale del Ministero dell'Interno.

Una volta accreditati sul sito del Ministero per l’inoltro di istanze di nulla osta per i docenti stranieri va compilato il Modello DS.

Se l’istanza di nulla osta viene accolta dallo Sportello Unico il legale rappresentante dell’i stituzione scolastica o altra persona munita di apposita procura notarile sono chiamati al ritiro della comunicazione di rilascio del nulla osta ed alla sottoscrizione del contratto di soggiorno.

Ritorna all'indice

Per quanto tempo si può richiedere il nulla osta

Il nulla osta può essere richiesto a tempo determinato al massimo per 2 anni (prorogabili) o direttamente a tempo indeterminato.    

 

Ritorna all'indice

Cosa fare dopo aver ottenuto il nulla osta

Lo Sportello Unico trasmette per via telematica il nulla osta alla rappresentanza diplomatica consolare all'estero dove il docente si deve recare per il rilascio del visto di ingresso per l’Italia.
 
Una volta arrivato in Italia, entro otto giorni dall’ingresso, il lavoratore si reca presso lo Sportello unico per la sottoscrizione della modulistica necessaria per richiedere il permesso di soggiorno (modello 209 e contratto di soggiorno).
 
Con la documentazione rilasciata dallo Sportello Unico il lavoratore si reca successivamente all’ufficio postale per inviare alla Questura competente territorialmente la richiesta del permesso di soggiorno.
 
Dopo esser stato in posta ed aver acquisito la ricevuta di spedizione, il lavoratore può iniziare a prestare la propria attività lavorativa.

Ritorna all'indice

Documentazione da produrre

  • n. 1 marca da bollo da euro 16,00 i cui estremi sono stati indicati nella domanda telematica; 
  • n. 1 marca da bollo da euro 16,00 da apporre sul nulla osta; 
  • copia del passaporto del docente; 
  • fotocopia del documento del legale rappresentante (se straniero anche copia del titolo di soggiorno) dell'Università; eventuale procura per il ritiro della comunicazione di rilascio del nulla osta; 
  • copia del decreto del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca attestante il possesso dei requisiti da parte della scuola/università ai sensi della L. 103/2002; 
  • attestazione dei requisiti professionali per l’espletamento dell’attività di docente (titolo di studio) tradotta in italiano e legalizzata dall’autorità consolare italiana all’estero; 
  • nel caso di Università quale Ente pubblico occorre la delibera consiliare di approvazione della nomina e stanziamento dei fondi; 
  • se gli istituti richiedenti sono filiazioni di istituti stranieri è necessaria la lettera di distacco tradotta in italiano e legalizzata dall’autorità consolare italiana all’estero contenente:
    1) indicazione se la retribuzione e la contribuzione (per i Paesi aderenti agli accordi di sicurezza sociale) avverranno in Italia o all’estero. In presenza di accordo di sicurezza sociale allegare attestato di copertura previdenziale rilasciato dall'Istituzione previdenziale alla quale il lavoratore è iscritto nel paese di origine con l'indicazione del periodo di copertura (tradotto e legalizzato);
    2) l'impegno a ottemperare a tutti gli obblighi contributivi, previdenziali e assistenziali previsti dalla normativa italiana, salvo che non vi siano accordi di sicurezza sociale con il Paese di appartenenza; 
  • attestazione di idoneità alloggiativa o ricevuta comprovante la richiesta di ottenimento della stessa; 
  • (nell'ipotesi di Università privata la verifica della capacità reddituale è effettuata direttamente in back office).
     

Ritorna all'indice