La domanda di nulla osta

Domanda di nulla osta per LAVORO SUBORDINATO.

Le Università pubbliche e private possono presentare domanda di rilascio del nulla osta per l’a ssunzione di professori universitari destinati a svolgere un incarico accademico.
 
L’orario di lavoro non può essere inferiore alle 20 ore settimanali.
 
La domanda va trasmessa telematicamente, a cura dell'Università, allo Sportello Unico per l’I mmigrazione attraverso il portale del Ministero dell'Interno.
 
Una volta accreditati sul sito del Ministero per l’inoltro di istanze di nulla osta per professori universitari va compilato il Modello F.
 
Se l’istanza di nulla osta viene accolta dallo Sportello Unico i legali rappresentanti delle Università o loro delegati sono chiamati al ritiro della comunicazione di rilascio del nulla osta.
 
Richiesta di nulla osta per LAVORO AUTONOMO.
 
Gli stranieri in possesso del titolo di docente universitario possono far ingresso in Italia anche per effettuare prestazioni di lavoro autonomo.
 
I corrispondenti ingressi per lavoro autonomo sono sempre  al di fuori delle c.d. "quote". In tali casi lo schema di contratto d'opera professionale è, preventivamente, sottoposto alla Direzione Territoriale del Lavoro del luogo di prevista esecuzione del contratto, la quale, accertato che, effettivamente, il programma negoziale non configura un rapporto di lavoro subordinato, rilascia la corrispondente certificazione.

Tale certificazione, da accludere alla relativa richiesta, è necessaria ai fini della concessione del visto per lavoro autonomo.
 
La pratica di richiesta di nulla osta per effettuare prestazioni di lavoro autonomo viene gestita direttamente dalle  Rappresentanze diplomatiche o consolari competenti italiane presenti nel Paese di provenienza del docente. 
 

Ritorna all'indice

Per quanto tempo si può richiedere il nulla osta

Il nulla osta può essere richiesto a tempo indeterminato o determinato.
Se viene richiesto a tempo determinato al massimo il nulla osta sarà concesso per 2 anni.

Ritorna all'indice

Cosa fare dopo aver ottenuto il nulla osta

Lo Sportello Unico trasmette per via telematica il nulla osta alla rappresentanza diplomatica consolare all'estero dove il professore si dovrà recare per il rilascio del visto di ingresso per l’Italia.
Una volta arrivato in Italia, entro otto giorni dall’ingresso, il professore si reca presso lo Sportello unico per la sottoscrizione della modulistica necessaria per richiedere il permesso di soggiorno.
Con la documentazione rilasciata dallo Sportello Unico il professore si reca successivamente all’ufficio postale per inviare alla Questura la richiesta del permesso di soggiorno.
Dopo esser stato in posta ed aver acquisito la ricevuta di spedizione, il professore può il lavoratore può ESSERE ASSUNTO ed iniziare a prestare la propria attività lavorativa.

Ritorna all'indice

Documentazione da produrre

  • n. 1 marca da bollo da euro 16,00 i cui estremi sono stati indicati nella domanda telematica;
  • n. 1 marca da bollo da euro 16,00 per il rilascio della comunicazione relativa al nulla osta emesso dallo Sportello Unico;
  • copia della prima pagina del passaporto del docente;
  • titolo di studio del docente e curriculum vitae (tradotti e legalizzati in lingua italiana dall'Autorità diplomatico/consolare italiana all'estero);
  • copia del documento del legale rappresentante (se straniero anche copia del titolo di soggiorno) ed eventuale delega per il ritiro della comunicazione di rilascio del nulla osta;
  • attestazione di idoneita' alloggiativa o ricevuta comprovante la consegna della richiesta di ottenimento della stessa;
  • statuto e bilancio dell’Università
  • nell’ipotesi di Università – Ente pubblico – : la delibera consiliare di approvazione della nomina e di stanziamento dei fondi;
  • nell'ipotesi di Università privata sarà verificata in back office la capacità reddituale.

Ritorna all'indice