Di che cosa si tratta

Contributi a fondo perduto a valere sui fondi PAR FSC 2007-2013, concessi con le modalità disciplinate dal Regolamento di attuazione della Legge regionale 47/78, capo VII, articolo 21, comma 1, lett. a), b) e c), per progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzati alla messa a punto di nuovi prodotti, processi produttivi o servizi, o al miglioramento significativo di prodotti, processi produttivi o servizi esistenti, eventualmente con impianto o ampliamento di laboratorio funzionale alla realizzazione dei progetti; progetti congiunti di innovazione dei processi e dell'organizzazione, finalizzati all'attuazione di nuovi metodi di produzione, approvvigionamento, trasporto e distribuzione e all'introduzione di mutamenti nella gestione, nell'organizzazione e nell'esecuzione delle attività lavorative.

Ritorna all'indice

Beneficiari

Per la realizzazione di progetti di ricerca e sviluppo sono beneficiarie le imprese industriali (appartenenti alle sezioni C, D, E e F ed alla sezione K, limitatamente al codice 72.2 e ai codici 74.20.1 e 74.20.2 con determinati limiti, della classificazione ATECO 2002) di qualsiasi dimensione, loro consorzi o consorzi tra imprese industriali ed enti pubblici, le ATI industriali, nonché i centri e le società di ricerca industriale con personalità giuridica autonoma e i consorzi tra imprese industriali ed enti pubblici. Tali soggetti devono avere sede operativa attiva nel territorio regionale.
Per la realizzazione di progetti di innovazione sono beneficiari i soggetti di cui sopra con le seguenti precisazioni: le PMI (secondo le definizioni di cui al decreto del presidente della Regione 463/2005) possono realizzare un progetto congiunto in collaborazione con altre PMI o con grandi imprese, a condizione, nel secondo caso, di partecipare per almeno il 30% della spesa; le grandi imprese devono realizzare un progetto congiunto esclusivamente in collaborazione con le PMI, le quali devono sostenere almeno il 30% della spesa.

Ritorna all'indice

Avvio e durata dei progetti

I progetti devono essere avviati dopo la presentazione della domanda e comunque entro 2 mesi dalla ricezione della comunicazione di ammissione in graduatoria. La durata massima prevista del progetto, comprese eventuali proroghe, è di 30 mesi.

Ritorna all'indice

Spese ammissibili

Spese strettamente connesse al progetto, quali: personale di ricerca e manodopera, prestazioni di terzi, beni immateriali, strumenti e attrezzature, materiali, certificazione delle spese rendicontate (è obbligatoria la certificazione sulla totalità delle spese).
Le spese si intendono al netto di IVA.
 

Ritorna all'indice

Intensità degli incentivi

L'intensità degli incentivi è legata al grado di valutazione del progetto, determinato sulla base di criteri legati ai contenuti ed agli obiettivi della ricerca, ai requisiti soggettivi dell'impresa, alle collaborazioni, agli impatti del progetto sul sistema socio-economico regionale. La valutazione colloca il progetto in uno dei livelli di valore previsti (alto, medio, basso) a cui è associata una specifica intensità di incentivo, stabilita annualmente in base alle risorse disponibili.

L'intensità massima di base dell'incentivo può raggiungere una percentuale massima della spesa ammessa pari al 50% per la ricerca industriale, al 25% per l'attività di sviluppo sperimentale e al 15% per i progetti di innovazione dei processi e dell'organizzazione.

Sono previste maggiorazioni:
- del 20% per le piccole imprese e del 10% per le medie imprese, sia per i progetti di ricerca e sviluppo che per i progetti di innovazione;
- del 15% per i progetti di ricerca e sviluppo realizzati in collaborazione fra almeno due imprese indipendenti l'una dall'altra (per le grandi imprese l'incremento si applica nel caso di collaborazione con PMI) o fra un'impresa e un ente di ricerca, se l'ente sostiene almeno il 10% della spesa ammessa ed ha diritto di pubblicare i risultati della propria attività.

L'intensità massima dell'aiuto non può in ogni caso superare l'80% per i progetti di ricerca, il 60% per i progetti di sviluppo, il 35% per i progetti di innovazione.
 

Ritorna all'indice

Presentazione delle domande e concessione degli incentivi

I termini per la presentazione delle domande sono stabiliti con deliberazione della Giunta regionale. In sede di prima applicazione i termini sono stati fissati dalle ore 9.15 del 20 maggio 2013 fino alle ore 9.15 del 23 maggio 2013. Attualmente i termini sono chiusi.

Prima del termine iniziale è possibile elaborare la domanda, ed i relativi allegati, sul sistema GOLD a partire dalla data indicata nell’avviso pubblicato sul presente sito internet nelle pagine dedicate al settore industriale.

Tutte le domande validamente presentate vengono prese in carico dall’Ufficio. La Giunta, in relazione alle risorse disponibili, può disporne la preselezione che viene effettuata sulla base della “relazione sintetica” prevista tra gli allegati alla domanda. La relazione sintetica illustra (nello spazio massimo di 3 pagine contenenti complessivamente al massimo 12.000 caratteri) gli elementi significativi che caratterizzano l’impresa ed il progetto.
Le relazioni suddette vengono sottoposte al parere del Comitato tecnico consultivo che esprime parere attribuendo a ciascuna un punteggio, tenuto conto dei seguenti parametri di riferimento:
- originalità dell’iniziativa rispetto allo stato dell’arte;
- sostenibilità del progetto rispetto alle risorse finanziarie e alle risorse umane e tecnologiche interne ed esterne dell’impresa istante, nonché alle collaborazioni attivate dalla stessa;
- prospettive d’impatto sull’impresa istante.
Nel caso della preselezione vengono istruite inizialmente solo le prime 100 domande collocate nell’elenco redatto in esito alla preselezione, che vengono portate nuovamente all’attenzione del Comitato per il parere definitivo. Qualora si rendano disponibili ulteriori risorse finanziarie entro il termine di 18 mesi dal termine finale di presentazione delle domande, le domande non rientrate tra le prime 100 istruite vengono successivamente valutate a gruppi, la cui numerosità è fissata dalla Giunta regionale in relazione alle risorse disponibili,tenendo presente la collocazione delle stesse nell’elenco della preselezione.

La concessione degli incentivi segue il procedimento valutativo a graduatoria (le graduatorie comprendono anche le domande per l'affidamento di commesse di ricerca e sviluppo).

Non possono presentare domanda le imprese che al momento della presentazione hanno in corso (e non concluso) più di un progetto finanziato sui canali contributivi dedicati alla ricerca, regionale o comunitario.
Per ciascuna tornata di presentazione delle domande, sarà valutata un’unica domanda per impresa e l’impresa non potrà presentare domanda nella tornata successiva.
Per accedere al sistema è necessario richiedere le credenziali di accesso attraverso la funzione di accreditamento.
Per approfondimenti si rimanda alle linee guida pubblicate su questa pagina del sito.
 

Ritorna all'indice

GOLD Gestione On Line Domande

Le domande sono elaborate tramite il sistema di gestione on line delle domande (GOLD) ed inoltrate esclusivamente attraverso tale sistema entro i termini fissati per la presentazione delle stesse, secondo le modalità indicate nelle linee guida pubblicate in questa sezione del sito.  
Prima del termine iniziale  è possibile elaborare sul sistema GOLD la domanda ed i relativi allegati. 
Per accedere al sistema è necessario richiedere le credenziali di accesso attraverso la funzione di accreditamento. 
 

Ritorna all'indice