Programma di interventi per consentire l’emersione e percorsi di inserimento sociale.
Azione 1.3 del Programma Immigrazione 2019 (pagina in aggiornamento)
 
Il Progetto “Il FVG in rete contro la tratta: 3” intende realizzare il Programma unico di emersione, assistenza e integrazione sociale a favore delle persone straniere e dei cittadini di cui all’art. 18, comma 6-bis del D. Lgs. n. 286/1998, vittime dei reati previsti dagli articoli  600 e 601 del codice penale, o che versano nelle ipotesi di cui al comma 1 dello stesso articolo 18, includendo anche i richiedenti protezione internazionale, i titolari di protezione internazionale/umanitaria e le persone individuate come vittime o potenziali vittime di tratta al momento dello sbarco o presso aree di frontiera terrestre.
Le azioni del progetto, attuate in collaborazione con le Forze dell’Ordine e le Autorità giudiziarie, sono finalizzate all’emersione di potenziali vittime di tratta e/o grave sfruttamento sessuale, lavorativo, accattonaggio, economie illegali e matrimoni forzati/combinati, in collaborazione anche con la Commissione Territoriale per il riconoscimento della Protezione internazionale.
Alle vittime di tratta vengono assicurate la protezione immediata e prima assistenza sanitaria, legale, psicologica, l’accoglienza residenziale o semi-residenziale protetta, con particolare attenzione ai minori non accompagnati. E’ previsto  l’accompagnamento all’ottenimento del permesso di soggiorno, azioni di empowerment, di orientamento, formazione e reinserimento lavorativo per l’integrazione sociale oppure assistenza per il rientro volontario assistito nei Paesi d’origine
Il Progetto prevede interventi realizzati con risorse statali della dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento Pari Opportunità e regionali. I programmi di assistenza e di integrazione sociale sono rivolti alle vittime che intendono sottrarsi alla violenza e ai condizionamenti di soggetti dediti al traffico di persone a scopo di sfruttamento.
I soggetti attuatori sono il Comitato per i Diritti Civili delle Prostitute Onlus di Trieste, il Centro Caritas Arcidiocesi di Udine, la soc. coop. soc. Nuovi Vicini di Pordenone. La rete di interventi è diffusa su tutto il territorio regionale.
Il Numero Verde Antitratta nazionale 800 290 290 è  un servizio telefonico gratuito - attivo 24 ore su 24, messo in campo dal Dipartimento per le Pari Opportunità,  su tutto il territorio nazionale - in grado di fornire alle vittime, e a coloro che intendono aiutarle, tutte le informazioni sulle possibilità di aiuto e assistenza che la normativa italiana offre per uscire dalla situazione di sfruttamento. 
Per informazioni è possibile contattare il coordinamento regionale scrivendo a art.18fvg@gmail.com oppure chiamando il 331 7705906.