SOSPENSIONE DEI TERMINI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO PER IL 2014 >>

 

 

 

Forma di agevolazione
Contributo a fondo perduto

 

Beneficiari
I successori d’impresa: l’imprenditore individuale che acquisisce l’impresa artigiana dal cedente, il socio o i soci che acquisiscono la quota o le quote del socio o dei soci cedenti.
Sono esclusi dai benefici per la successione dell’impresa artigiana, previsti dal titolo II, capo IX, i consorzi e le società consortili, anche in forma cooperativa

 


Iniziative finanziabili
Iniziative dirette a favorire la continuità delle imprese artigiane tramite successione tra l’imprenditore artigiano e un socio, parente o affine entro il terzo grado, collaboratore familiare o dipendente da almeno due anni al momento della successione stessa

 

Spese ammissibili
a) consulenze per l’innovazione aziendale ed in particolare per la messa a punto di nuovi prodotti, processi produttivi o per il miglioramento degli stessi, ivi compresa l’assistenza tecnico/manageriale
b) formazione del successore su argomenti attinenti l’attività dell’impresa
c) acquisto di macchinari, impianti e attrezzature nuovi di fabbrica, ivi compresi l’installazione, gli allacciamenti e le opere murarie strettamente necessari, destinati alla produzione di beni o di servizi, al settore amministrativo contabile ed alla movimentazione dei prodotti
d) acquisto di automezzi a condizione che gli stessi siano immatricolati come autocarri e dotati di non più di tre posti

 

Intensità dell’aiuto e limiti di spesa
L’intensità dell’aiuto è pari al 50% delle spese ammissibili ed è elevata al 60% qualora sussista una delle seguenti condizioni:
a) imprese artigiane appartenenti all’imprenditoria giovanile
b) imprese artigiane appartenenti all’imprenditoria femminile
c) imprese artigiane localizzate nelle zone di svantaggio socio economico
La spesa complessiva ammissibile deve rientrare nei seguenti limiti:
a) importo minimo pari a 5.000,00 euro
b) importo massimo pari a 100.000,00 euro

 

Termini e modalità di presentazione della domanda e avvio dell’iniziativa
Le domande sono presentate entro sei mesi dalla data di cessazione dell'impresa del cedente, o nel caso in cui l'impresa non cessi l'attività, entro sei mesi dalla data di modifica dell'assetto societario
Le domande sono redatte utilizzando esclusivamente la modulistica ufficiale e inoltrate alla Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura competente per territorio
L’incentivo è concesso una sola volta per ciascuna impresa e per ciascun soggetto cedente o successore.
L’iniziativa deve essere avviata in data successiva a quella di presentazione della domanda, pena l’inammissibilità a contributo

 

Procedura di concessione
Procedimento valutativo a sportello con svolgimento dell'istruttoria delle domande secondo l'ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento delle risorse finanziarie disponibili

 

Per ulteriori dettagli sulla disciplina si rinvia alle disposizioni del regolamento emanato con DPReg 33/2012