Prenotazioni online, prime dosi, dosi booster e terze dosi, categorie prioritarie, modulistica e informazioni generali sul piano vaccinale.

Per prenotare la vaccinazione online entra nel portale dedicato.

Somministrazione dosi booster con vaccino bivalente per alcune categorie di cittadini – Aggiornamento

Dal 13 settembre saranno disponibili presso i centri vaccinali i vaccini bivalenti antiCOVID-19, ovvero i vaccini a mRNA che sono stati predisposti contro la variante Omicron BA.1 del virus SARS CoV-2 originale. Questi vaccini sono utilizzabili solo come dosi di richiamo, non per il ciclo vaccinale primario (prima e seconda dose).
I vaccini bivalenti anti SARS CoV-2 possono essere somministrati alle seguenti categorie di cittadini, purché siano trascorsi almeno 120 giorni dalla prima dose di richiamo o dal ciclo primario, o dall’ultima infezione (data del test diagnostico positivo):
1) seconda dose di richiamo (o quarta dose):
- cittadini di età superiore o uguale a 60 anni (nati nel 1962 o prima);
- soggetti vulnerabili di età superiore o uguale a 12 anni che abbiano una patologia compresa nella lista scaricabile dal menù a destra - Condizioni patologiche Elenco condizioni patologiche per cui è raccomandato il booster;
- operatori sanitari (qualsiasi età);
- operatori (qualsiasi età) e ospiti delle strutture residenziali per anziani;
- donne in gravidanza;
2) prima dose di richiamo (terza dose):
- cittadini di età superiore a 12 anni che siano ancora in attesa di ricevere il primo richiamo.

I cittadini potranno prenotare la vaccinazione con i consueti mezzi (call center, CUP, webapp, farmacie).
I cittadini fragili di età compresa fra 12 e 59 anni (o i loro genitori/tutori se minorenni) dovranno compilare il modulo che indica la patologia da cui sono affetti e portarlo con sé al centro vaccinale.
Le donne in gravidanza dovranno esibire un certificato del proprio ginecologo attestante lo stato di gravidanza oppure presentare una dichiarazione.

Per gli operatori sanitari del SSR che desiderano sottoporsi al richiamo, posto che il vaccino sarà disponibile anche per loro nei centri vaccinali, verrà istituito un percorso agevolato nelle sedi aziendali con la possibilità della duplice somministrazione (anti COVID-19/anti-influenzale) quando il vaccino anti- influenzale sarà disponibile.
Gli operatori sanitari* e gli operatori delle strutture residenziali** che desiderano vaccinarsi presso gli hub vaccinali dovranno compilare la dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto notorio disponibile nel menù a destra (*operatore del servizio sanitario, esercente una professione sanitaria, operatore che svolge attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali, pubbliche e private, nelle farmacie, parafarmacie e negli studi professionali; **operatori che a qualsiasi titolo svolgono attività in una residenza per anziani).

Indipendentemente dal vaccino utilizzato per il ciclo primario e il primo richiamo, considerate le indicazioni fornite dalla commissione tecnico scientifica di AIFA, sarà possibile utilizzare come dose “booster” uno qualsiasi dei due vaccini bivalenti a m-RNA autorizzati in Italia (Comirnaty di BioNTech/Pfizer e Spikevax di Moderna).

Ritorna all'indice

Somministrazione booster dopo dose addizionale

PRENOTAZIONI BOOSTER DOSE ADDIZIONALE NELLE PERSONE CON CONDIZIONI DI IMMUNODEPRESSIONE
Da lunedì 28 febbraio alle ore 12.00 è possibile prenotare il booster per le persone con condizioni di immunodepressione primaria o secondaria che abbiano già ricevuto la dose addizionale (terza dose aggiuntiva), purché siano trascorsi almeno 120 giorni da quest’ultima. Sono vaccinabili dopo questo intervallo:
- gli adolescenti dai 12 ai 17 anni in condizioni di immunocompromissione (vedi elenco), esclusivamente con vaccino Pfizer BioNTech Comirnaty;
- gli adulti dai 18 anni compiuti in condizioni di immunocompromissione (vedi elenco), indifferentemente con vaccino Moderna Spikevax o Pfizer BioNTech Comirnaty.
Condizioni di immunocompromissione per le quali è raccomandato il booster dopo dose addizionale:
- trapianto di organo solido in terapia immunosoppressiva;
- trapianto di cellule staminali ematopoietiche (entro 2 anni dal trapianto o in terapia immunosoppressiva per malattia del trapianto contro l’ospite cronica);
- attesa di trapianto d’organo;
- terapie a base di cellule T esprimenti un Recettore Chimerico Antigenico (cellule CAR-T);
- patologia oncologica o onco-ematologica in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure;
- immunodeficienze primitive (es. sindrome di DiGeorge, sindrome di Wiskott-Aldrich, immunodeficienza comune variabile etc.);
- immunodeficienze secondarie a trattamento farmacologico (esempio: terapia corticosteroidea ad alto dosaggio protratta nel tempo, farmaci immunosoppressori ad elevato dosaggio, farmaci biologici con rilevante impatto sulla funzionalità del sistema immunitario etc.).
Elenco dei principali farmaci ad attività immunosoppressiva da considerare ai fini dell’identificazione dei soggetti per i quali può essere indicata la dose addizionale di vaccino anti COVID-19 (Lista AIFA) .
- dialisi e insufficienza renale cronica grave;
- pregressa splenectomia;
- sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) con conta dei linfociti T CD4+ < 200 cellule/μl o sulla base di giudizio clinico.
I pazienti trapiantati o in attesa di trapianto, i pazienti dializzati e con sindrome da immunodeficienza acquisita saranno presi in carico direttamente nei centri specialistici o potranno rivolgersi ad uno dei Centri vaccinali presenti sul territorio.
Per tutti gli altri la prenotazione è possibile mediante tutti i canali in uso: sportelli CUP delle Aziende Sanitarie, Farmacie abilitate, Webapp e Call Center regionale allo 0434 223522 dal lunedì al venerdì dalle 07.00 alle 19.00 e il sabato dalle 08.00 alle 17.00. All’appuntamento è necessario compilare il modulo di autocertificazione attestante la condizione di immunocompromissione (vedi menu qui a destra).

Ritorna all'indice

Avvio vaccinazioni con vaccino Nuvaxovid (Novavax)

Il 22 dicembre 2021 la Commissione Tecnico Scientifica di AIFA ha approvato l’indicazione di utilizzo del vaccino Nuvaxovid (Novavax). Il vaccino è prenotabile e somministrabile a tutti i soggetti di età pari o superiore ai 18 anni solo per il ciclo primario (soggetti che non hanno effettuato alcuna vaccinazione anti COVID 19). Nuvaxovid viene somministrato per via intramuscolare come ciclo di due dosi a distanza di tre settimane (21 giorni) l’una dall’altra.

Sarà possibile prenotarsi per questo vaccino a partire da martedì 1° marzo dalle ore 12.00 mediante tutti i canali in uso: sportelli CUP delle Aziende sanitarie, farmacie abilitate, Webapp e Call center regionale allo 0434 223522 dal lunedì al venerdì dalle 07.00 alle 19.00 e il sabato dalle 08.00 alle 17.00.

Per ulteriori informazioni sul vaccino è possibile consultare, oltre il foglio informativo scaricabile dal menu qui a destra, la Banca Dati Farmaci dell'AIFA utilizzando la ricerca per nome del farmaco.

Ritorna all'indice

Prenotazioni dose "booster"

PRENOTAZIONI BOOSTER FASCIA 12-17 ANNI E AGGIORNAMENTO INTERVALLO TEMPORALE
Sono aperte le prenotazioni per il richiamo (booster) alla distanza di almeno 120 giorni dal ciclo primario per:
- tutte le persone dai 12 a 17 anni, indipendentemente da eventuali patologie presenti, esclusivamente con vaccino Comirnaty (Pfizer/BionTech). Il Modulo di consenso e la Scheda anamnestica sono disponibili qui a destra nella "Modulistica per vaccinazione di minori";
- tutti i cittadini dai 18 anni compiuti con vaccino a mRNA secondo la disponibilità delle scorte.

PRENOTAZIONE DOSE BOOSTER: AMPLIATE LE CATEGORIE AD ACCESSO PRIORITARIO AL BOOSTER  
Sono aperte le prenotazioni su liste riservate a operatori della sanità, agli appartenenti alla Scuola, all'Università e alle Forze dell'Ordine, agli over 80 e ai soggetti fragili e loro caregiver, a partire dai 12 anni di età e purché abbiano completato il ciclo vaccinale primario da almeno quattro mesi (120 giorni).
La vaccinazione può essere prenotata presso gli sportelli CUP delle Aziende sanitarie, nelle farmacie abilitate, tramite il Call center regionale allo 0434 223522, attivo da lunedì a venerdì dalle 7:00 alle 19:00 e sabato dalle 8:00 alle 17:00 e con la WebApp

CHI PUÒ PRENOTARE LA TERZA DOSE BOOSTER   
Sono aperte le prenotazioni per la dose "booster" (dose di richiamo dopo un ciclo vaccinale primario) del vaccino anti COVID-19 per tutti i cittadini che abbiano compiuto 12 anni e completato il ciclo vaccinale primario da almeno quattro mesi (120 giorni).
La disponibilità dei posti è costantemente aggiornata e rimodulata in base alle adesioni delle categorie ad accesso prioritario precedentemente indicate.
Per la dose di richiamo per i ragazzi dai 12 ai 17 anni viene utilizzato unicamente il vaccino Comirnaty di Pfizer/BionTech, per gli adulti, indipendentemente dal tipo di vaccino somministrato nel ciclo primario (mRNA, adenovirale come AstraZeneca o Janssen) viene somministrato uno dei due vaccini a mRNA secondo la disponibilità (Comirnaty di Pfizer/BioNTech e Spikevax di Moderna).
Il booster è essenziale soprattutto per coloro che appartengono a categorie a rischio (ultrasessantenni, portatori di patologie croniche che determinano fragilità, operatori sanitari o altri lavoratori a contatto con il pubblico), al fine di ottimizzare la risposta immunitaria contro il virus SARS-CoV-2, ma vista la grande circolazione virale è fortemente raccomandato per tutti.

VACCINATI ALL’ESTERO CON VACCINI NON AUTORIZZATI DA EMA
Le persone vaccinate all'estero con farmaci non autorizzati da EMA, a partire dai 12 anni di età, possono completare il ciclo con un richiamo o un ciclo completo con vaccino a mRNA.
1) i vaccinati con un vaccino non autorizzato da EMA da 28 a 180 giorni fa saranno sottoposti a una sola dose di vaccino a mRNA. Con il ciclo integrato sarà disponibile la certificazione verde;
2) i vaccinati con un vaccino non autorizzato da EMA da più di sei mesi (più di 180 giorni) saranno sottoposti a ciclo completo di due dosi di vaccino a mRNA.
Le prenotazioni possono essere effettuate in farmacia, al CUP o mediante Call center. È indispensabile portare con sé al centro vaccinale il certificato di vaccinazione estero.

Ritorna all'indice

Vaccinazioni pediatriche dai 5 agli 11 anni di età

Sono prenotabili le prime dosi con vaccino Comirnaty di Pfizer per i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni compiuti.

Nei centri predisposti sul territorio regionale dalle tre Aziende sanitarie saranno resi disponibili tremila posti fino al 31 dicembre e altri tremila settimanali nelle prime due settimane di gennaio. L'offerta sarà eventualmente incrementata sulla base dell'andamento delle prenotazioni.

I bambini con patologie che inducono vulnerabilità saranno presi in carico direttamente nei reparti specialistici che li seguono. Per tutti gli altri la prenotazione potrà essere effettuata attraverso i consueti canali: Call center, CUP, farmacie, WebApp.

Per qualsiasi dubbio sulla somministrazione del vaccino anti SARS-CoV-2 ai propri figli è sempre consigliabile consultare il proprio pediatra di fiducia.

Il Modulo di consenso, la Scheda anamnestica e la Modulistica per la vaccinazione dei minori sono disponibili qui a destra alla voce "Cosa serve per prenotare".

Per ulteriori informazioni è possibile consultare la pagina " Bambini e vaccino COVID-19: cosa c'è da sapere " sul sito della Società Italiana di Pediatria.

Ritorna all'indice

Prime dosi

Il Servizio sanitario assicura sempre la disponibilità di appuntamenti per la prima dose - dai 12 anni in su - a coloro che desiderino vaccinarsi contro SARS-CoV-2 / COVID-19.

Le prenotazioni possono essere effettuate mediante tutti i canali in uso: Call center, CUP, farmacie e WebApp. Il vaccino somministrato è a mRNA.

Il Modulo di consenso e la Scheda anamnestica (uguale per la prima e la seconda dose di tutti i tipi di vaccino) e la Modulistica per la vaccinazione dei minori sono disponibili qui a destra alla voce "Cosa serve per prenotare".

Si ricorda che la vaccinazione è obbligatoria per tutte le persone ultracinquantenni.

Ritorna all'indice

Vaccinati con vaccini sperimentali Reithera e Covid-eVax-Takis

La Circolare del 16 dicembre 2021 del Ministero della Salute dà "Indicazioni per i vaccinati nell'ambito di trial clinici con vaccini anti SARS-CoV-2/COVID-19 sperimentali in Italia".

Le persone vaccinate con il vaccino sperimentale REITHERA possono prenotare una dose di richiamo (booster) di vaccino a m-RNA a distanza di almeno cinque mesi (150 giorni) dall'ultima dose ricevuta [prenotazioni attraverso tutti i canali disponibili].

Le persone vaccinate con COVID-eVAX-TAKIS possono prenotare mediante Call center, CUP e farmacie secondo queste tempistiche:
1. immunizzati da almeno 28 giorni e fino a 180 giorni (sei mesi) prima: vaccinabili con dose unica di richiamo con vaccino a m-RNA;
2. immunizzati da più di sei mesi (180 giorni) prima: vaccinabili con ciclo primario completo con vaccino a m-RNA.

All'appuntamento il cittadino dovrà portare con sé la certificazione attestante la somministrazione del vaccino sperimentale.

Ritorna all'indice

Green Pass: aggiornamento digitalizzazione certificato

Per qualsiasi informazione su modalità di emissione, durata, tempistiche di rilascio ecc. è possibile consultare le FAQ del sito ufficiale della piattaforma Digital Green Certificate e la pagina dedicata Esenzione dalla vaccinazione anti COVID-19 .

Esenzione Green Pass

Dal 7 febbraio 2022 la certificazione di esenzione dalla vaccinazione anti COVID-19 viene rilasciata esclusivamente in formato digitale in modo da permettere la verifica attraverso la scansione del QR code e con gli altri sistemi di verifica automatizzati.
La certificazione di esenzione ha validità solo in Italia, e può essere utilizzata per accedere dove è richiesto un green pass.
La validità delle certificazioni di esenzione dalla vaccinazione è indicata nella certificazione stessa e dipende dalla specifica condizione clinica che ne ha giustificato il rilascio.

Come ottenere il codice univoco per scaricare la certificazione di esenzione digitale

Il certificato di esenzione dalla vaccinazione viene rilasciato su richiesta dell'interessato:
- se il certificato è stato rilasciato da una sede vaccinale del SSR, l'utente deve rivolgere la propria richiesta allo stesso centro dove è stata emessa l'esenzione, presentando un modulo e un documento di identificazione (menù a destra vedi facsimile).
- se il certificato di esenzione è stato rilasciato dal proprio medico curante o presso altre aziende vanno richiesti direttamente nelle medesime sedi.
I siti delle aziende sanitarie con i moduli e le istruzioni:
Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina (ASU GI)
Azienda sanitaria universitaria Friuli Centrale (ASU FC)  

La presa in carico della richiesta produrrà il codice univoco di esenzione dalla vaccinazione (CUEV) necessario per scaricare la certificazione di esenzione digitale con il QR code dalla pagina Ottieni la Certificazione verde COVID-19 o di esenzione dalla vaccinazione .

Verrà inoltre inviato dal Ministero della Salute, via SMS o email, ai recapiti indicati dall’a ssistito, un codice AUTHCODE, che può essere utilizzato in alternativa al codice CUEV per scaricare la certificazione.
Il QR code e il CUEV presenti nella Certificazione di esenzione vanno esibiti, inoltre, dagli esenti per usufruire dell'esecuzione gratuita dei test antigenici rapidi in farmacia.

Scadenza delle precedenti certificazioni cartacee

Le certificazioni di esenzione dalla vaccinazione anti COVID-19 precedentemente emesse in modalità cartacea saranno valide massimo fino al 27 febbraio 2022, poi non potranno più essere utilizzate. Chi ne è in possesso potrà rivolgersi al medico certificatore che rilascerà all’assistito una nuova attestazione. Per venti giorni, dal 7 al 27 febbraio, sarà quindi possibile usare sia le precedenti certificazioni cartacee sia le digitali. 

Ritorna all'indice

Dose addizionale vaccino SARS Co-V-2

La terza dose del vaccino anti COVID-19, riservata a coloro che, dai 12 anni in su, si trovano in situazione di immunocompromissione, allo scopo di stimolare la risposta immunitaria verso il virus SARS Co-V-2 è definita addizionale.
Al contrario del “booster” può essere somministrata a partire da 28 giorni dopo il ciclo primario.
La prenotazione può essere effettuata presso gli sportelli CUP delle Aziende sanitarie, nelle farmacie abilitate e tramite il Call Center Regionale allo 0434 223522, attivo da lunedì a venerdì dalle 7.00 alle 19.00, sabato dalle 8.00 alle 14.00. o con la WebApp .
Il tipo di vaccino che verrà inoculato con la terza dose (per tutti sarà un vaccino a mRNA) sarà preferibilmente lo stesso usato in occasione della seconda dose, ma sono possibili anche vaccinazioni con farmaci a mRNA diversi, come stabilito da AIFA.
Le persone in carico ai Centri per i trapianti, dializzate e HIV positive potranno anche effettuare la dose addizionale direttamente presso i Centri specialistici di riferimento.
Nel corso dell’appuntamento al centro vaccinale verrà richiesta un’autocertificazione della propria condizione di fragilità – il modulo è disponibile qui a destra – e sarà necessario portare la documentazione sanitaria della patologia specifica.
Condizioni di immunocompromissione per cui è raccomandata la terza dose di vaccino:
- trapianto di organo solido in terapia immunosoppressiva;
- trapianto di cellule staminali ematopoietiche (entro 2 anni dal trapianto o in terapia immunosoppressiva per malattia del trapianto contro l’ospite cronica);
- attesa di trapianto d’organo;
- terapie a base di cellule T esprimenti un Recettore Chimerico Antigenico (cellule CAR-T);
- patologia oncologica o onco-ematologica in trattamento con farmaci immunosoppressivi, mielosoppressivi o a meno di 6 mesi dalla sospensione delle cure;
- immunodeficienze primitive (es. sindrome di DiGeorge, sindrome di Wiskott-Aldrich, immunodeficienza comune variabile etc.);
- immunodeficienze secondarie a trattamento farmacologico (es: terapia corticosteroidea ad alto dosaggio protratta nel tempo – ovvero assunzione di almeno 20 mg/die di prednisone per os o e.v. o dose equivalente di altri corticosteroidi), farmaci immunosoppressori ad elevato dosaggio, farmaci biologici con rilevante impatto sulla funzionalità del sistema immunitario etc.);
- dialisi e insufficienza renale cronica grave;
- pregressa splenectomia;
- sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) con conta dei linfociti T CD4+ < 200 cellule/μl o sulla base di giudizio clinico.

Ritorna all'indice

Piano vaccinale

Vaccinazione anti COVID-19: spostamento della seconda dose tramite modulo online

È disponibile sui siti delle Aziende sanitarie una form online per l'inoltro della richiesta, cui seguirà contatto da parte del Dipartimento di Prevenzione di riferimento.
Si ricorda che lo spostamento è consentito solamente nei seguenti casi:
1) Malattia
2) Ricovero
3) Lutto
4) Gravi motivi familiari: malattia caregiver, familiare con bisogno di assistenza
5) Problematiche di lavoro o di studio non differibili
6) Isolamento/quarantena COVID-19
La possibilità di utilizzo della form online è estesa anche alle persone che non hanno fatto la seconda dose con AstraZeneca: motivazione "riprogrammazione seconda dose in Vaxzevria vd circolare ministeriale 18.06".

Modulo online per spostare la seconda dose

Ritorna all'indice

Informazioni sui vaccini

I vaccini attualmente disponibili sono quattro:

- Pfizer BioNTech e Moderna costituiti di una molecola di RNA messaggero (mRNA) avvolta in un guscio di lipidi che servono a proteggerlo;
Janssen costituito da un adenovirus modificato e inattivo;
- Nuvaxovid (Novavax) costituito dalla proteina Spike di SARS-CoV-2 con adiuvante Matrix-M; la proteina Spike è prodotta tramite tecnologia del DNA ricombinante; l’adiuvante è una sostanza che accelera, migliora e/o prolunga gli effetti protettivi del vaccino. 

Tutti i vaccini inducono la produzione di anticorpi contro la proteina Spike di SARS-COV-2. Tutti i vaccini, a eccezione di Janssen (monodose), devono essere somministrati in due dosi distanziate.

Non sappiamo ancora quanto durerà la protezione data dai vaccini, ma sappiamo che è sicuramente efficace nel proteggere dalla malattia chi si vaccina, grazie agli studi compiuti su decine di migliaia di volontari. Gli studi sull'efficacia si concluderanno tra due anni, quindi mano a mano che passa il tempo avremo sempre più informazioni sulla sua efficacia protettiva.

Chi ha già avuto la malattia COVID-19 può essere vaccinato senza pericolo, anche se verrà data priorità alle persone che non hanno mai avuto un'infezione sintomatica. Non sapendo quanto tempo durino gli anticorpi protettivi è necessario per ora continuare a rispettare le misure di prevenzione anche una volta fatta la vaccinazione.

Gli effetti collaterali dei vaccini contro SARS CoV-2 sono simili a quelli di altri vaccini e quelli più frequenti sono:
- dolore nel sito dell'iniezione;
- febbre;
- mal di testa;
- dolori muscolari;
- stanchezza.

Sono state segnalate, con frequenza diversa a seconda del vaccino (in genere non comune o rara), alcune reazioni allergiche quali eruzione cutanea, prurito, orticaria o gonfiore del viso.

I soggetti che hanno avuto in passato episodi di anafilassi (reazioni allergiche molto gravi a farmaci e alimenti) verranno valutati caso per caso ed eventualmente sottoposti a vaccinazione in ambiente protetto.

In presenza di patologie gravi le eventuali controindicazioni devono essere discusse con il medico curante o lo specialista.

Per approfondire consulta la raccolta delle FAQ (risposte alle domande più frequenti) del Ministero della Salute .

Queste informazioni sono suscettibili di modifica e verranno aggiornate periodicamente.

Ritorna all'indice