Si informa che con L.R. 24 dd. 27.12.2019, pubblicata sul supplemento ordinario n. 3 del 3.01.2020 al BUR n. 1 del 2.01.2020, è stato rifinanziato, nella misura di € 119.622,55, il fondo per la repressione degli abusi edilizi e per la riqualificazione urbanistica, di cui all’art. 11 della L.R. 26/2004.

Forma di agevolazione

Contributo a fondo perduto

Ritorna all'indice

Beneficiari

Comuni

Ritorna all'indice

Iniziative finanziabili e ripartizione delle risorse

Le risorse disponibili sono ripartite tra gli Enti istanti come segue:
a) 30% delle risorse disponibili per la progettazione o realizzazione di interventi aventi ad oggetto la riqualificazione urbanistica di aree urbane e rurali interessate da fenomeni di abusivismo edilizio proposti dai Comuni di rilevanza regionale e sovraccomunale di cui all’Allegato A) del DPGR 20 aprile 1995 n. 0126/Pres e s.m. (Revisione degli standard urbanistici regionali);
b) 20% delle risorse disponibili per la progettazione o realizzazione di interventi aventi ad oggetto la riqualificazione urbanistica di aree urbane e rurali interessate da fenomeni di abusivismo edilizio proposti dai Comuni diversi da quelli di cui alla precedente lett. a);
c) 30% delle risorse disponibili per la demolizione delle opere e degli interventi realizzati in assenza di permesso di costruire e il ripristino dello stato dei luoghi;
d) 20% delle risorse disponibili per la demolizione delle opere e degli interventi realizzati in totale difformità o con variazioni essenziali dal permesso di costruire e il ripristino dello stato dei luoghi.

Ritorna all'indice

Termini e modalità di presentazione della domanda di contributo

Il termine per l’inoltro delle domande di contributo tramite Posta Elettronica Certificata scade il giorno 31 marzo 2020.

Le domande, da inviare alla Direzione centrale infrastrutture e territorio (territorio@certregione.fvg.it), dovranno essere corredate da una descrizione dettagliata dell’intervento da realizzare, da un quadro economico di spesa, da un cronoprogramma comprensivo delle fasi di progettazione e di esecuzione dei lavori, e da una dichiarazione attestante l’inclusione dell’opera nel programma triennale dei lavori pubblici del Comune.

In caso di abuso dovrà essere evidenziata la tipologia di illecito ed allegato il verbale di accertamento dell’inottemperanza all’ingiunzione a demolire, previsto dall’art. 31 del DPR n. 380 dd. 06.06.2001 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di edilizia).

L’istanza in questione dovrà inoltre evidenziare la copertura finanziaria dell’i ntervento.

Ritorna all'indice

Intensità dell’aiuto

100% della spesa ammissibile.

Ritorna all'indice

Procedura di concessione

La graduatoria è predisposta in base ai criteri di priorità indicati all’art. 4 del DPReg n. 0390/2007.

Il procedimento contributivo prevede che la concessione e l’erogazione degli incentivi per la realizzazione delle opere e l’utilizzo dei medesimi avvengono secondo quanto stabilito dalla L.R. 14/2002 (Disciplina organica dei lavori pubblici) e s.m.i.

Gli incentivi concessi per interventi di progettazione sono erogati in via anticipata nella misura del 60% contestualmente alla concessione e il restante 40% a consuntivo; tali interventi devono concludersi entro due anni dalla data del provvedimento di concessione dell’incentivo, fatta salva la possibilità di proroga in presenza di richiesta motivata.

La rendicontazione degli incentivi avviene secondo quanto stabilito dall’art. 42 della L.R. 7/2000 e s.m.i.

Per ulteriori dettagli sulla disciplina si rimanda alla L.R. 26/2004 art. 11 e al DPReg n. 390/2007.

Ritorna all'indice

Riapertura termini

Si informano gli Enti interessati che, con L.R. 5 del 01.04.2020 (Ulteriori misure urgenti per far fronte all’emergenza epidemiologica COVID-19), pubblicata sul supplemento ordinario al BUR n. 15 del 01.04.2020, il termine per la presentazione delle domande per l’o ttenimento del finanziamento in questione è stato prorogato al 30.06.2020.

Ritorna all'indice