L’Amministrazione regionale concede contributi straordinari ai Comuni per l’acquisizione in proprietà di immobili, parzialmente finanziata dai Comuni stessi, da destinarsi ad attività di pubblico interesse, alle condizioni stabilite dal Regolamento di attuazione n. 0115/2019/Pres. (Regolamento per la concessione dei finanziamenti di immobili da destinarsi ad attività di pubblico interesse di cui dell’articolo 5, commi da 22 a 24, della legge regionale 28 dicembre 2018. n. 29 (Legge di stabilità 2019))
Ogni Comune può presentare al Servizio edilizia della Direzione centrale infrastrutture e territorio una domanda per ogni acquisizione per la quale chiede il finanziamento.

Le domande possono essere presentate dalle ore 8.00 del 3 settembre 2019 alle ore 17.00 del 24 settembre 2019, esclusivamente attraverso l’applicativo informatico reso disponibile sulla piattaforma regionale, a pena di inammissibilità.

Beneficiari

Comuni della Regione Friuli Venezia Giulia che presentino domanda ai sensi del Regolamento n. 0115/2019/Pres. (Regolamento per la concessione dei finanziamenti di immobili da destinarsi ad attività di pubblico interesse di cui dell’articolo 5, commi da 22 a 24, della legge regionale 28 dicembre 2018. n. 29 (Legge di stabilità 2019)

Ritorna all'indice

Interventi ammissibili a finanziamento

È finanziabile l’acquisizione in proprietà di beni immobili, da destinarsi ad attività di pubblico interesse, mediante atto stipulato successivamente alla presentazione della domanda. L’a cquisizione deve essere parzialmente finanziata dai Comuni stessi.

Ritorna all'indice

Spese ammesse

Sono ammissibili a contributo il prezzo di acquisizione e le spese notarili per la redazione dell’atto, nonché gli eventuali costi per la stipula del contratto preliminare.

Ritorna all'indice

Entità del contributo

Il contributo è fissato nella misura del 10% della spesa ritenuta ammissibile e, comunque, nell’i mporto non superiore a 7.500,00 euro.

Ritorna all'indice

Criteri di assegnazione

I finanziamenti sono assegnati con la procedura valutativa a sportello di cui all’articolo 36, comma 4 della legge regionale 20 marzo 2000, n. 7, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande, desunto dal numero di protocollo più basso, come risultante dal sistema informatico utilizzato per l’invio delle stesse e nei limiti delle disponibilità finanziarie di bilancio.

Ritorna all'indice

Modalità e termini di presentazione della domanda

Le domande di finanziamento sono presentate esclusivamente online, a pena di inammissibilità, dal legale rappresentante pro tempore dell’Ente o suo delegato, utilizzando il link messo a disposizione sul portale regionale, a partire dalle ore 8:00 di martedì 3 settembre 2019 ed entro le ore 17:00 di martedì 24 settembre 2019, secondo le indicazioni contenute nelle linee guida.
Per le linee guida e per il link per la presentazione online delle domande utilizzare la sezione "Feg - sistema di inoltro domande" del menù di destra in questa pagina. 
L’accesso per la compilazione della domanda on line avviene con autenticazione “forte”, ovvero attraverso l’identificazione della persona fisica sulla base dell’identità digitale associata al codice SPID o dichiarata nei supporti dotati di certificato di autenticazione, quale la CIE (Carta d’identità elettronica), la CNS (Carta nazionale dei servizi) e la maggior parte delle firme digitali.
Ogni Comune può presentare una domanda per ogni acquisizione per la quale chiede il finanziamento.

Ritorna all'indice