Contributi a fondo perduto alle imprese dei settori manifatturiero e terziario per la brevettazione di prodotti propri e per l'acquisizione di marchi, brevetti, diritti di utilizzo, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate relative a innovazioni finalizzate al ciclo produttivo o ai prodotti (Legge regionale 3/2015 "Rilancimpresa", articolo 22 bis – DPReg. 115/2021, articolo 19).

Di che cosa si tratta

Contributi a fondo perduto alle imprese dei settori del manifatturiero e del terziario per la brevettazione di prodotti propri e per l’acquisizione di marchi, di brevetti, di diritti di utilizzo, di licenze, di know-how e di conoscenze tecniche non brevettate relative ad innovazioni finalizzate al ciclo produttivo o ai prodotti, concessi con le modalità disciplinate dall’Avviso approvato con deliberazione della Giunta regionale n. 1448 del 24 settembre 2021, emanato ai sensi dell’articolo 19 del decreto 13 luglio 2021, n. 115 del Presidente della Regione.

Di seguito sono riportati gli elementi di sintesi dell’Avviso, a cui si rimanda per approfondimenti.

Ritorna all'indice

Beneficiari

Possono beneficiare dei contributi le PMI e le grandi imprese dei settori manifatturiero e terziario, aventi sede legale o unità operativa attiva nel territorio regionale, che svolgono attività – primaria o secondaria - coerente con il progetto presentato e rientrante nelle seguenti Sezioni e Divisioni della classificazione delle attività economiche ISTAT ATECO 2007, come risultante dal Registro delle Imprese:
- sezione C: attività manifatturiere;
- sezione D: fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata;
- sezione E: fornitura di acqua, reti fognarie, attività di gestione dei rifiuti e risanamento;
- sezione F: costruzioni;
- sezione G: commercio all'ingrosso e al dettaglio, riparazione di autoveicoli e motocicli;
- sezione H: trasporto e magazzinaggio, limitatamente alle classi 52.10 (magazzinaggio e custodia), 52.24 (movimentazione merci) e 52.29 (altre attività di supporto connesse ai trasporti);
- sezione I: attività dei servizi di alloggio e di ristorazione;
- sezione J: servizi di informazione e comunicazione, limitatamente alle divisioni 58 (attività editoriali), 59 (attività di produzione cinematografica, di video e di programmi televisivi, di registrazioni musicali e sonore), 62 (produzione di software, consulenza informatica e attività connesse) e 63 (attività dei servizi d'informazione e altri servizi informatici);
- sezione M: attività professionali, scientifiche e tecniche limitatamente alle divisioni 71 (attività degli studi di architettura e d'ingegneria, collaudi ed analisi tecniche), 72 (ricerca scientifica e sviluppo) e 74 (altre attività professionali, scientifiche e tecniche);
- sezione N: noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese limitatamente alla divisione 79 (attività dei servizi delle agenzie di viaggio, dei tour operator e servizi di prenotazione e attività connesse).

Ritorna all'indice

Iniziative finanziabili

Sono finanziabili le seguenti iniziative:
a) brevettazione di prodotti propri;
b) acquisizione di brevetti e attivi immateriali (marchi, brevetti, diritti di utilizzo, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate), relativi ad innovazioni finalizzate al ciclo produttivo o ai prodotti aziendali.

Le iniziative di brevettazione di prodotti propri e di acquisizione di brevetti e attivi immateriali potranno avere una durata massima di 18 mesi, decorrenti dalla data di ricevimento del decreto di concessione.

Ritorna all'indice

Spese ammissibili

Sono considerate ammissibili a finanziamento le spese strettamente legate alla realizzazione delle iniziative finanziabili, sostenute in data successiva a quella di presentazione della domanda.
Per la brevettazione di prodotti propri, ai sensi del paragrafo 6 dell’Avviso, sono considerate ammissibili le spese dirette all’ottenimento, alla convalida ed alla difesa di brevetti, rientranti nelle seguenti voci:
a) costi per ricerche di anteriorità e/o novità riferite all’oggetto della domanda di brevetto e di registrazione;
b) le spese da sostenere prima della concessione del diritto, connesse alla preparazione, presentazione e trattamento della domanda, comprese le tasse di deposito e i diritti camerali, nonché le spese per il rinnovo della domanda prima della concessione del diritto;
c) le spese per la traduzione e altre spese da sostenere al fine di ottenere la concessione o il riconoscimento del diritto in ambito nazionale, europeo ed internazionale;
d) le spese da sostenere per difendere la validità del diritto nel quadro ufficiale del trattamento della domanda e di eventuali procedimenti di opposizione, anche se sostenute dopo la concessione del diritto.

Non sono ammissibili i costi periodici di mantenimento di brevetti già in essere.

Ritorna all'indice

Limite di spesa e di contributo

Il limite minimo di spesa ammissibile è di 5.000,00 euro.
Il limite massimo di contributo concedibile a ciascuna impresa è di 50.000,00 euro, in regime de minimis (Regolamento (UE) n. 1407/2013).

Ritorna all'indice

Intensità degli incentivi

Si applica alle spese ammissibili l’intensità di aiuto del 50%.

Ritorna all'indice

Presentazione delle domande e concessione degli incentivi

Le imprese possono presentare una sola domanda di contributo a valere sull’Avviso.
La domanda deve essere presentata per via telematica tramite il sistema dedicato on line a cui si accede dalla presente sezione del sito (colonna sulla destra). Alla domanda deve essere allegata la documentazione prevista redatta secondo i fac-simili pubblicati nella sezione “modulistica” accessibile da questa sezione del sito.
I termini di presentazione delle domande sono i seguenti:
- dalle ore 10:00 del 15 ottobre 2021
- alle ore 16:00 del 15 giugno 2022.

I contributi sono concessi entro 90 giorni dalla data di presentazione della domanda con procedimento a sportello secondo l'ordine cronologico di presentazione e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Ritorna all'indice

Obblighi e vincoli dei beneficiari

Gli obblighi e i vincoli dei beneficiari sono elencati nei paragrafi 17 e 18 dell’Avviso.
in particolare, l’attività d'impresa oggetto di finanziamento non deve cessare o essere rilocalizzata al di fuori del territorio regionale per 3 anni per le PMl e 5 anni per le grandi imprese, decorrenti dalla data di presentazione della rendicontazione.

Ritorna all'indice

Contatti

Servizio industria e artigianato
TRIESTE - Via Trento 2

Maria Beatrice Colognesi
Tel. 0434 529327
Cell. 3358455911
mariabeatrice.colognesi@regione.fvg.it

Federica Furlan
Tel. 0434 529253
federica.furlan@regione.fvg.it

Claudia Verbi
Tel. 0481 386379
claudia.verbi@regione.fvg.it

Orietta Pauluzzi
Tel. 040 3772429
orietta.pauluzzi@regione.fvg.it

Posta certificata
economia@certregione.fvg.it

Ritorna all'indice