Possono presentare domanda i soggetti pubblici promotori della Rete funzionale alla geodiversità e altri enti pubblici.

Finalità dei contenuti

La Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, in attuazione a quanto previsto dalla Legge Regionale 14 ottobre 2016, n. 15 (Disposizioni per la tutela e la valorizzazione della geodiversità, del patrimonio geologico e speleologico e delle aree carsiche), promuove la tutela e la valorizzazione del patrimonio geologico regionale ed in particolare preserva il patrimonio geologico, favorisce l'istituzione e la manutenzione di geoparchi regionali in un'ottica di sviluppo sostenibile del territorio, promuove la redazione di progetti per la conoscenza, la fruizione responsabile e l'utilizzo didattico dei geositi e dei geoparchi regionali, nonché per lo sviluppo sostenibile dei geoparchi regionali (per le cui definizione di geositi, geoparchi regionali e geodiversità si rimanda all’art. 2 della suddetta legge).
 

A tal fine è autorizzata, anche mediante la concessione di contributi erogati con criteri incentivanti e meritocratici, a:
a) sostenere attività di studio, ricerca o divulgazione delle conoscenze finalizzate all'individuazione, alla caratterizzazione e alla promozione dei geositi e dei geoparchi regionali;
b) promuovere la fruizione turistica dei geositi e dei geoparchi regionali;
c) allestire itinerari escursionistici in aree a elevata valenza per caratteri di geodiversità o caratterizzate dalla presenza di geositi;
d) predisporre e stampare materiale divulgativo, anche informatico, nonché pubblicazioni finalizzate alla fruizione turistica dei geositi e di itinerari escursionistici in aree a elevata valenza per caratteri di geodiversità o caratterizzate dalla presenza di geositi;
e) realizzare eventi di promozione delle attività di cui alle lettere a), b), c) e d);
f) promuovere la realizzazione di iniziative legate al patrimonio geologico;
g) sostenere la realizzazione di interventi di valorizzazione e di manutenzione dei geositi e dei geoparchi regionali. 

Questo elenco è quindi espressione delle attività finanziabili da contributo regionale.

Ritorna all'indice

Beneficiari

Con DPReg. n° 0053/Pres dd. 12 aprile 2021, pubblicato sul BUR n° 16/2021, il giorno 21 aprile 2021, è stato approvato il Regolamento per la promozione del patrimonio geologico e della geodiversità nel territorio regionale ai sensi dell’art. 18 della legge regionale 14 ottobre 2016, n. 15.

Possono presentare domanda di contributo i soggetti pubblici promotori della Rete funzionale alla geodiversità (vedi link nel menù di destra) di cui all’articolo 5bis della legge regionale 15/2016 e altri Enti pubblici. 

I soggetti pubblici promotori della Rete funzionale alla geodiversità, individuati con Decreto del Direttore del Servizio geologico n° 2086/AMB dd. 9 aprile 2021, pubblicato sul BUR n° 16/2021, il giorno 21 aprile 2021, ad oggi sono:

  • La Comunità di montagna della Carnia (ex Unione Territoriale Intercomunale della Carnia) nel settore delle le Alpi Carniche e Prealpi Carniche settentrionali, per i Comuni di Arta Terme, Cercivento, Comeglians, Forni Avoltri, Treppo-Ligosullo, Ovaro, Paluzza, Paularo, Prato Carnico, Ravascletto, Rigolato, Sappada, Sutrio, Ampezzo, Sauris, Socchieve, Preone, Enemonzo, Villa Santina, Raveo, Lauco, Tolmezzo, Cavazzo Carnico, Amaro, Verzegnis e Zuglio, nonché i Comuni di Moggio Udinese, Pontebba, Malborghetto Valbruna e la Comunità di montagna Canal del Ferro e Val Canale (per la porzione di territorio comunale corrispondente alla destra orografica del fiume Fella);
  • il Parco naturale delle Dolomiti Friulane nel settore di competenza ai sensi della legge regionale 30 settembre 1996, n. 42, per i Comuni di Andreis, Cimolais, Claut, Erto e Casso, Frisanco, Forni di Sopra, Forni di Sotto e Tramonti di Sopra;
  • il Parco naturale delle Prealpi Giulie nel settore di competenza ai sensi della legge regionale 30 settembre 1996, n. 42, per i Comuni di Chiusaforte, Lusevera, Moggio Udinese, Resia, Resiutta e Venzone e, per l’area MAB Alpi Giulie Italiane, nei Comuni di Dogna, Gemona del Friuli, Artegna, Montenars e Taipana per quanto riguarda le aree geomorfologicamente omogenee delle Alpi Giulie e delle Prealpi Giulie;
  • il Comune di Tarvisio per il Parco Internazionale Geominerario di Raibl per quanto di competenza ai sensi dell’art. 1 comma 1 bis della L.R. 2/1999 come modificato dall’art. 13 comma 1 della L.R. 22/2010 e dall’art. 13 comma 5 lettera a) e b) della L.R. 11/2011 e definito con Delibera di Giunta Regionale. n. 2577 del 22 dicembre 2011.

Inoltre qualora i geositi ricadano all'interno di aree naturali protette, di cui all’Elenco ufficiale ai sensi della legge 394/91, spetta agli enti gestori di tali aree la loro valorizzazione e gestione così come definito dal comma 2, art. 5 della legge regionale 15/2016.

Ritorna all'indice

Richiesta di contributo e termini per la presentazione della domanda

La domanda di contributo redatta esclusivamente utilizzando il modello di domanda di cui all’Allegato A e corredata da una relazione esaustiva inerente l’attività prevista con annesso cronoprogramma e un quadro economico nonché, in caso di interventi su geositi, da una ulteriore relazione geologica sull’impatto sul geosito interessato, deve essere presentata esclusivamente a mezzo posta elettronica certificata, alla Direzione centrale difesa dell'ambiente, energia e sviluppo sostenibile (ambiente@certregione.fvg.it), all’a ttenzione del Servizio geologico con indicazione nell’oggetto: “Domanda per concessione di contributi a favore della promozione e valorizzazione del patrimonio geologico”, a pena di inammissibilità, entro il 1° aprile di ogni anno.

Fa eccezione il termine per la presentazione della domanda di contributo in prima applicazione che scadrà il giorno 21 giugno 2021.

Ritorna all'indice

Spese ammissibili

Sono ammissibili a contributo esclusivamente le spese di beni, servizi e forniture (no opere e lavori) sostenute dopo la presentazione della domanda, pertinenti e imputabili direttamente ed esclusivamente all’attuazione del progetto oggetto di contributo, connesse agli interventi volti alla promozione e valorizzazione del patrimonio geologico e della geodiversità di cui all’articolo 18 comma 2 della legge regionale 15/2016, di seguito elencati:
a) attività di studio, ricerca o divulgazione delle conoscenze finalizzate all'individuazione, alla caratterizzazione e alla promozione dei geositi e dei geoparchi regionali;
b) eventi di promozione per la fruizione geoturistica dei geositi e dei geoparchi regionali;
c) allestimento di itinerari escursionistici in aree a elevata valenza per caratteri di geodiversità o caratterizzate dalla presenza di geositi;
d) realizzazione di materiale divulgativo, anche informatico, e pubblicazioni finalizzate alla fruizione turistica dei geositi e di itinerari escursionistici in aree a elevata valenza per caratteri di geodiversità o caratterizzate dalla presenza di geositi;
e) realizzazione di eventi di promozione delle attività di cui alle lettere a), b), c) e d);
f) eventi di promozione per la realizzazione di iniziative legate al patrimonio geologico;
g) realizzazione di interventi di valorizzazione e di manutenzione dei geositi e dei geoparchi regionali.

Ritorna all'indice

Concessione dei contributi e graduatoria

Per la concessione dei contributi si applica la procedura a graduatoria di cui all’articolo 36 commi 1 e 2 della legge regionale 20 marzo 2000, n. 7 (Testo unico delle norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso) nei limiti delle risorse finanziarie stanziate nel bilancio regionale per l’anno di riferimento.

I punteggi per la graduatoria delle domande di contributo saranno calcolati sulla base dei dati dichiarati in domanda, opportunamente verificati, mediante l’a ttribuzione di pesi e punteggi calcolati con le modalità e i coefficienti dettagliati nell’Allegato B.

Le domande utilmente collocate in graduatoria sono finanziate sino a disponibilità delle risorse ripartite per spese correnti e spese d’investimento.

La domanda ammissibile a contributo, ma non totalmente finanziabile a causa dell’i nsufficiente disponibilità finanziaria, sia essa per le sole spese correnti o per le sole spese d’i nvestimento o per entrambe, è finanziata solo se il richiedente presenti, entro il termine assegnato, una delle seguenti opzioni:

  • una dichiarazione di accettazione del contributo nella misura ridotta e di assunzione, a carico del bilancio del beneficiario, della spesa eccedente tale contributo;
  • una relazione dell’ intervento rimodulato sulla base della disponibilità finanziaria purché tale rimodulazione non comporti una variazione in diminuzione dei punteggi di categoria.

In caso di mancata accettazione o rimodulazione, la medesima richiesta sarà proposta alla successiva domanda in graduatoria, sino all’esaurimento della stessa. 

Ritorna all'indice

Domande e chiarimenti

Tutte le domande e/o i chiarimenti necessari, in particolare per quanto inerente i dati per la formazione della graduatoria e le spese ammissibili a rendicontazione, verranno pubblicate sulla pagina delle FAQ (Frequently Asked Questions) accessibile dal link presente nel menù laterale.

La pagina delle FAQ è mantenuta in continuo aggiornamento, via via che emergano necessità di chiarimenti di interesse collettivo.

Ritorna all'indice