In cosa consiste l'iniziativa

La Regione, con la legge regionale 30/2007 (manovra strumentale di bilancio 2008), ha istituito il "Fondo regionale di solidarietà per le vittime degli incidenti sul lavoro", al fine di contribuire ad alleviare le conseguenze ed i disagi economici dei familiari delle persone che sono decedute a seguito di incidenti avvenuti per ragioni di lavoro.
Un Regolamento regionale (pubblicato sul BUR n. 33 del 13 agosto 2008) ha dato esecuzione alla previsione di legge, prevedendo la concessione di un contributo economico una tantum a favore di alcune categorie di familiari dei lavoratori e delle lavoratrici, residenti nel Friuli Venezia Giulia, che siano deceduti in conseguenza a infortuni sul lavoro avvenuti sul territorio regionale a partire dal 2007.

Ritorna all'indice

Chi sono i destinatari del contributo

Il contributo è destinato, in primo luogo, al coniuge superstite ed ai figli del lavoratore deceduto.
Nel solo caso in cui non ci siano coniuge o figli,  hanno diritto a ricevere il contributo i genitori e i fratelli/sorelle del lavoratore deceduto, a condizione che fossero a suo carico al momento del decesso e, nel caso dei fratelli/sorelle, che fossero anche con lui conviventi.

Ritorna all'indice

Ammontare del contributo

Il contributo consiste in un'unica somma di denaro erogata per una sola volta a tutti gli aventi diritto.
L'ammontare della somma varia a seconda del numero dei familiari che fanno richiesta.
Se la domanda è presentata da coniuge e/o da figli il contributo è pari a:
a) euro 10.000, se la domanda è presentata da un solo familiare;
b) euro 12.000, se la domanda è presentata da due familiari;
c) euro 15.000, se la domanda è presentata da tre familiari;
d) euro 18.000, se la domanda è presentata da più di tre familiari.
Se la domanda è presentata da genitori e/o fratelli/sorelle il contributo è pari a:
a) euro 5.000, se la domanda è presentata da un solo familiare;
b) euro 8.000, se la domanda è presentata da due familiari;
c) euro 12.000, se la domanda è presentata da tre familiari;
d) euro 15.000, se la domanda è presentata da più di tre familiari.
Nel casi in cui ci siano più aventi diritto, il contributo è suddiviso tra di essi in parti uguali. 
Il contributo è cumulabile con altri benefici eventualmente percepiti dai familiari  in conseguenza dell'infortunio mortale.

Ritorna all'indice

Come ed entro quando richiedere il contributo

La domanda di contributo va presentata al Servizio Politiche del lavoro della Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università, e deve essere redatta secondo l'apposita modulistica scaricabile da questa pagina (vedi la voce "modulistica", cliccabile a fianco).
 

Nel caso in cui vi siano più aventi diritto al contributo (es. il coniuge superstite e uno o più figli) deve essere presentata un'unica domanda, sottoscritta da tutti. Le domande presentate singolarmente vengono respinte. La domanda va presentata entro un anno dal decesso.

Ritorna all'indice