Sovvenzioni a fondo perduto per aspiranti imprenditori e nuove imprese per l’anno 2018.

Sovvenzioni a fondo perduto per aspiranti imprenditori e nuove imprese

In che cosa consiste l'iniziativa

Il bando disciplina i criteri e le modalità di accesso a sovvenzioni a fondo perduto da parte di aspiranti imprenditori e nuove imprese (microimprese, piccole e medie imprese) che abbiano sviluppato un’idea progettuale con la definizione di un business plan al fine di promuovere l’imprenditorialità, in particolare facilitando lo sfruttamento economico di nuove idee e promuovendo la creazione di nuove aziende, a valere sul Programma Operativo Regionale FESR 2014-2020, Asse II – Promuovere la competitività delle piccole e medie imprese, attuando l’Azione 2.1 Interventi di supporto alla nascita di nuove imprese sia attraverso incentivi diretti, sia attraverso l’offerta di servizi, sia attraverso intervenuti di micro-finanza, nell’ambito dell’Attività 2.1.a Supporto alle nuove realtà imprenditoriali

Ritorna all'indice

Chi sono i beneficiari dell’iniziativa:

Possono beneficiare dei contributi di cui al presente bando:
1) Aspiranti imprenditori
2) Nuove imprese
Gli aspiranti imprenditori e gli imprenditori devono avere sviluppato un’idea progettuale con la definizione di un business plan.
Le nuove imprese devono essere regolarmente iscritte nel Registro delle Imprese presso la CCIAA competente per territorio da non più di 24 mesi alla data dei presentazione della domanda di contributo.
Ai fini del bando si intendono equiparati alle PMI anche i lavoratori autonomi come previsto dal comma 2 dell’articolo 12 della L. 81/2017 (Misure per la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e misure volte a favorire l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato).
Per quanto riguarda i lavoratori autonomi, il termine dei 24 mesi decorre dalla data di comunicazione all’Agenzia delle entrate che attesta l’avvenuto ricevimento della dichiarazione di inizio attività.
 

Ritorna all'indice

Progetti ammissibili

E’ ammissibile a finanziamento un’unica idea progettuale per beneficiario.
Sono ammissibili i progetti realizzati esclusivamente all’interno del territorio della Regione Friuli Venezia Giulia.
 

Ritorna all'indice

Spese ammissibili

Sono ammissibili a contributo le seguenti spese strettamente funzionali all’attività dell’impresa, come risultanti dal business plan:

a) spese per la costituzione relative alle prestazioni notarili e del commercialista (finalizzate alla costituzione);
 

b) spese per consulenze specialistiche finalizzate all’avvio dell’attività di impresa, non relative all’ordinaria amministrazione;
 

c) spese di consolidamento e primo impianto per:
1) realizzazione di opere per adeguamento e ristrutturazione funzionale dei locali per l’attività di impresa o necessarie all’installazione di impianti, macchinari e attrezzature;
2) progettazione, direzione lavori e collaudo e altre spese tecniche relative alle opere di cui sopra;
 

d) realizzazione o ampliamento del sito internet;
 

e) spese relative a operazioni di credito effettuate dalle imprese ai fini dell’ottenimento di finanziamenti destinati alla realizzazione dell’attività aziendale: spese di istruttoria per l’ottenimento di garanzie in forma di fideiussione o di garanzie a prima richiesta, rilasciate nell’interesse dell’impresa beneficiaria da banche, istituti assicurativi e confidi di cui all’articolo 13 del Decreto legge 30 settembre 2003, n. 269” Disposizioni urgenti per favorire lo sviluppo e per la correzione dell'andamento dei conti pubblici” convertito con modificazioni dalla Legge 24 novembre 2003, n. 326;
 

f) spese per investimenti relativi all’acquisto e installazione dei seguenti beni strettamente funzionali all’esercizio dell’attività produttiva:
1) impianti specifici, consistenti nei beni materiali che singolarmente o in virtù della loro aggregazione funzionale costituiscono beni strumentali all’attività di impresa;
2) arredi (mobili funzionali all’attività di impresa con esclusione di suppellettili e complementi di arredo);
3) macchinari e attrezzature, impianti, strumenti;
4) hardware e software;
5) acquisizione di brevetti concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, know – how o altre forme di proprietà intellettuale, diritti di licenza di sfruttamento o di conoscenze tecniche anche non brevettate;
6) certificazione di qualità, deposito di marchi e registrazione di brevetti;
7) veicoli, limitatamente a:
i. automezzi destinati al solo trasporto di cose, compresi i pick–up con non più di tre posti;
ii. mezzi di trasporto di persone qualora costituiscano il mezzo attraverso il quale si esplica l’attività principale svolta dall’impresa;
g) spese per il pagamento di canoni per l’utilizzo di software a partire dal mese successivo a quello della data di presentazione della domanda e fino alla conclusione del progetto;
h) spese per acquisizione di servizi e prestazioni specialistiche finalizzate all’individuazione di eventuali finanziatori dell’attività di impresa a partire dal mese successivo a quello della data di presentazione della domanda e fino alla conclusione del progetto;
i) spese per acquisizione di servizi e prestazioni specialistiche finalizzate all’attuazione di campagne promozionali e pubblicitarie;
j) spese di pubblicità e attività promozionali, anche per la partecipazione a fiere ed eventi, legate all’avvio ed allo sviluppo dell’impresa. In particolare sono ammissibili costi relativi ad acquisizione e attuazione di campagne promozionali, stampa e realizzazione di marchi, loghi, immagini coordinate, brochure, newsletter, il costo dell’affitto di stand e relativo allestimento;
k) organizzazione di eventi anche per attività promozionali, compresa la previsione di incontri con potenziali investitori, finanziatori, altre imprese, associazioni di categoria, enti di ricerca e altri potenziali partner;
l) locazione dei locali adibiti all’esercizio dell’attività di impresa anche in coworking e relative spese per la fornitura di energia elettrica, riscaldamento e spese di gestione a partire dal mese successivo a quello della data di presentazione della domanda e fino alla conclusione del progetto;
m) spese per l’utilizzo di locali ad uso ufficio, laboratorio, postazioni di lavoro oppure spazi coworking, nonché strumentazione di lavoro e servizi quali fornitura di energia elettrica, riscaldamento e relative spese di gestione a partire dal mese successivo a quello della data di presentazione della domanda e fino alla conclusione del progetto;
 

Le spese di cui alle lettere a), b), c) punto 2, e), g), h), i), j), k), l) e m) non possono essere di importo superiore al 30% del totale delle spese ammissibili.
 

Sono ammissibili i costi relativi a oneri accessori quali spese di trasporto e di installazione.
 

Sono ammissibili le sole spese relative all’acquisizione di beni che risultino nuovi di fabbrica o per espressa dicitura riportata nel documento di spesa o attraverso dichiarazione rilasciata dal venditore.
 

Ritorna all'indice

Intensità degli incentivi

L’importo massimo del contributo a fondo perduto non deve essere superiore a euro 100.000,00 e corrisponde al 60% della spesa ritenuta ammissibile.
I contributi sono concessi in regime di de minimis ai sensi del regolamento (UE) n. 1407/2013.
 

Ritorna all'indice

Risorse finanziarie

La dotazione finanziaria del bando è pari ad euro 8.577.652,09.

Ritorna all'indice

Come si presenta la domanda

Le domande vengono presentate con modalità a sportello con chiusura intermedia. Lo sportello del primo periodo si chiude il 30 giugno, il secondo il 30 settembre e l’ultimo il 21 dicembre 2018. 
 

La domanda potrà essere presentata dalle ore 10:00 del giorno 19 aprile e fino alle ore 12:00 del giorno 21 dicembre 2018.
 

La domanda è predisposta e presentata solo ed esclusivamente per via telematica tramite il sistema FEG a cui si accede dalla presente sezione del sito (colonna sulla destra) previa autenticazione con una delle modalità previste dall’art. 65 co. 1 lett. b) del Codice dell’Amministrazione digitale (SPID – Sistema pubblico di identità digitale, CIE – Carta di identità elettronica, CNS – carta nazionale dei servizi) o con firma digitale qualora contenente un certificato di autenticazione CNS compatibile (secondo le linee guida).

La domanda si considera sottoscritta e inoltrata, al termine della compilazione e del caricamento degli allegati, all’atto della convalida finale.

Ritorna all'indice

A chi chiedere informazioni

Regione Autonoma FVG
Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università
Area Agenzia regionale del lavoro
Servizio politiche del lavoro
 

Alessandra MIANI (responsabile del procedimento) telefono: 0403775151 mail: alessandra.miani@regione.fvg.it
Vittoria RINALDO (responsabile dell’istruttoria) telefono: 0481386603 email: vittoria.rinaldo@regione.fvg.it
Monica D’ANTONI(responsabile istruttoria rendicontazione) telefono : 0432279961 email monica.dantoni@regione.fvg.it
 

pec: lavoro@certregione.fvg.it
 

Ritorna all'indice

Assistenza tecnica

E’ possibile richiedere assistenza tecnica a Insiel ai seguenti recapiti:


email: assistenza.gest.doc@insiel.it  (le richieste inviate via email verranno evase solo se inviate entro il giorno antecedente la scadenza del bando).
 

Il nuovo numero verde unico gratuito per l’accesso ai servizi di supporto telefonico di Insiel è 800 098 788.
Per chiamate* da telefonici cellulari o dall’estero, il numero da contattare è 040 06 49 013.

*costo della chiamata a carico dell’utente secondo la tariffa del gestore telefonico.

Ritorna all'indice