Finanziamento bancario di anticipazione dei trattamenti di CIG Straordinaria e in deroga garantito da un fondo regionale appositamente costituito per l'accesso al credito da parte dei lavoratori precari.

In cosa consiste l’iniziativa

La Regione intende facilitare l’ottenimento di un finanziamento bancario da parte di quei lavoratori che, non avendo un contratto di lavoro a tempo indeterminato, incontrano difficoltà quando si rivolgono alle banche per un prestito. Allo scopo è stato costituito presso la Banca Mediocredito del Friuli Venezia Giulia S.p.A. il Fondo regionale di garanzia per l’a ccesso al credito da parte dei lavoratori precari, che ha la funzione di concedere garanzie a fronte di finanziamenti concessi a lavoratori precari da banche appositamente convenzionatesi con il Mediocredito stesso.

Ritorna all'indice

Tipologia dei finanziamenti e ammontare della garanzia

I finanziamenti possono essere finalizzati in alternativa:

  1. all’acquisto di beni di consumo durevoli
    L’importo della garanzia che può essere concessa per tale tipologia di finanziamento varia da un minimo di euro 4.950 ad un massimo di euro 15.030.
    Per bene di consumo durevole si intende qualsiasi bene mobile che possa essere utilizzato più volte e del costo unitario minimo di 300 euro. Nella nozione di beni di consumo durevoli rientrano anche i beni mobili usati e i beni mobili registrati, anche usati.
    L’acquisto deve avvenire in data successiva a quella di presentazione della domanda e comunque entro novanta giorni dalla data di erogazione del finanziamento bancario; la documentazione comprovante l’acquisto deve essere conservata per un periodo di due anni dalla data di erogazione del finanziamento stesso;
  2. al credito al consumo non avente ad oggetto l’acquisto di determinati beni
    L’importo della garanzia che può essere concessa per tale tipologia di finanziamento varia da un minimo di euro 990 ad un massimo di euro 3.060.
  3. all’anticipazione del trattamento di cassa integrazione guadagni straordinaria ovvero del trattamento di cassa integrazione guadagni in deroga.
    L’importo della garanzia che può essere concessa per tale tipologia di finanziamento ammonta al massimo ad euro 4.320. Non è previsto un importo minimo.
     

 

Ritorna all'indice

Requisiti richiesti

Possono richiedere l’intervento del Fondo le persone maggiorenni, residenti in Friuli Venezia Giulia, che non esercitano attività d’impresa.
Per le tipologie di finanziamento di cui ai numeri 1 e 2 del precedente paragrafo, deve trattarsi inoltre di persone:

  • che alla data di presentazione della domanda siano impiegate esclusivamente con uno o più dei seguenti contratti:
  1. contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, anche parziale;
  2. contratto di lavoro intermittente;
  3. contratto di inserimento;
  4. contratto di lavoro a progetto;
  5. collaborazione coordinata e continuativa nelle ipotesi in cui è ancora stipulabile;
  6. contratto di somministrazione di lavoro a tempo determinato;
  • che abbiano prestato per almeno dodici dei ventiquattro mesi precedenti alla data della presentazione della domanda attività di lavoro dipendente o assimilata a quella di lavoro dipendente o di lavoro autonomo;
     
  • che abbiano conseguito un reddito complessivo non superiore a 24.000 euro.

ovvero, di persone:

  • che alla data di presentazione della domanda risultino essere sospese dal lavoro ovvero poste in riduzione di orario presso un’unità aziendale sita sul territorio regionale da parte di un datore di lavoro che abbia iniziato il procedimento per l’autorizzazione ovvero per la proroga del trattamento di cassa integrazione guadagni straordinaria ovvero del trattamento di cassa integrazione guadagni in deroga (alla domanda di garanzia è necessario allegare una dichiarazione del datore di lavoro a tale riguardo);

ovvero ancora, di persone:

  •            che alla data di presentazione della domanda risultino essere disoccupate, intendendosi come tali coloro che hanno acquisito lo stato di disoccupazione ai sensi del Regolamento recante indirizzi e procedure in materia di azioni volte a favorire l'incontro tra domanda e offerta di lavoro e a contrastare la disoccupazione di lunga durata, emanato con decreto del Presidente della Regione 25 luglio 2006, n. 0227/Pres. (alla domanda di garanzia è necessario allegare una dichiarazione sostitutiva rilasciata ai sensi del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000, attestante l’attuale possesso dello stato di disoccupazione);

     
    Per la tipologia di finanziamento di cui al numero 3 del precedente paragrafo, deve trattarsi inoltre di persone:
     
  • che siano state sospese dal lavoro o poste in riduzione di orario presso un’unità aziendale sita sul territorio regionale da un’impresa che abbia iniziato il procedimento per la concessione ovvero per la proroga del trattamento di cassa integrazione guadagni straordinaria ovvero del trattamento di cassa integrazione guadagni in deroga (alla domanda di garanzia è necessario allegare una dichiarazione del datore di lavoro a tale riguardo).
     
     

 

Ritorna all'indice

Come richiedere la garanzia

La domanda di intervento del Fondo è presentata dagli interessati direttamente ad una delle banche convenzionate, contestualmente alla presentazione della domanda di finanziamento. Il Mediocredito del Friuli Venezia Giulia ha stipulato apposite convenzioni con la Federazione delle Banche di credito cooperativo del Friuli Venezia Giulia, con la Banca Popolare FriulAdria, con la Banca di Cividale e con la Friulcassa – Cassa di Risparmio Regionale.
La banca convenzionata trasmette la domanda di garanzia al Mediocredito che, in presenza dei requisiti richiesti, concede la garanzia.
 

Ritorna all'indice