Contratti promossi dalla Regione con le imprese per nuovi insediamenti, ampliamenti produttivi, programmi di riconversione.

Di che cosa si tratta
La Regione promuove la stipulazione di contratti regionali di insediamento negli agglomerati industriali di competenza dei consorzi o ricadenti nelle aree dei distretti industriali, nonché nel territorio del Comune di Cividale del Friuli, rivolti a piccole  e medie imprese, nonché alle  grandi imprese, aventi per oggetto nuovi insediamenti produttivi, oppure ampliamenti o programmi di riconversione produttiva di imprese già insediate
Di seguito sono riportati gli elementi di sintesi della misura contributiva, del bando e del regolamento attuativo, emanato con decreto del Presidente della Regione 18 aprile 2017, n. 82, come modificato dal decreto del Presidente della Regione 11 luglio 2017, n. 160/Pres., ai quali si rimanda per approfondimenti e conferma dei dati di sintesi.

 

Beneficiari
Nell’ambito dei contratti è prevista la concessione di incentivi in conto capitale, nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato, a favore di:
- piccole imprese
- medie imprese
- grandi imprese.
 

Gli interventi si caratterizzano per:
- l’elevato valore degli investimenti a carico delle imprese
- l’elevato positivo impatto occupazionale
- l’aumento della capacità competitiva delle imprese e delle filiere di interesse regionale, anche con riferimento ai mercati esteri
- l’innovazione tecnologica
- la sostenibilità ambientale, sociale ed economico-finanziaria
- la sottoscrizione di impegni ambientale e sociali
- il miglioramento degli standard di efficienza energetica conseguito mediante investimenti realizzati in proprio o tramite Energy Service Company.
 

Iniziative ammissibili
- investimenti nelle zone assistite (ai sensi dell’ articolo 10 del Regolamento, per piccole, medie e grandi imprese)
- investimenti nelle zone non assistite (ai sensi dell’ articolo 11 del Regolamento, per piccole e medie imprese)
- investimenti in efficienza energetica sensi dell’ articolo 13 del Regolamento)
- investimenti a favore della cogenerazione ad alto rendimento (ai  sensi dell’ articolo 14 del Regolamento)
- investimenti volti a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili (ai  sensi dell’ articolo 15 del Regolamento)
- studi ambientali, compresi gli audit energetici (ai sensi dell’ articolo 16 del Regolamento)
- ulteriori spese in de minimis (ai sensi dell’ articolo 12 del Regolamento)
 

Presentazione delle domande e concessione degli incentivi
Le imprese interessate presentano una sola domanda di incentivo e contestuale manifestazione di interesse.
La domanda deve essere presentata all’indirizzo di posta elettronica certificata economia@certregione.fvg.itdalle ore 9.15 di giovedì 20 luglio 2017 alle ore 16.00 di venerdì 15 settembre 2017.
La domanda, e relativi allegati, deve essere presentata utilizzando il fac-simile approvato e pubblicato nella pagina modulistica accessibile da questa sezione del sito.
 

Termini del procedimento
La graduatoria delle domande presentate è definita entro 120 giorni dalla scadenza dal termine per la presentazione delle domande, fissato, con riguardo al singolo bando attivato, con decreto del Direttore centrale attività produttive commercio e cooperazione, e pertanto, dal 15 settembre 2017.
Entro 20 giorni decorrenti dalla comunicazione della deliberazione di approvazione della graduatoria sono stipulati i singoli contratti di insediamento.
Gli incentivi sono concessi entro 30 giorni decorrenti dalla stipulazione del contratto.
Gli incentivi concessi sono erogati in via anticipata, entro 60 giorni decorrenti dalla data della ricezione della relativa richiesta.
Gli incentivi concessi sono erogati a saldo entro il termine di 90 giorni decorrenti dalla  data di presentazione della rendicontazione.
I termini per l’adozione dei provvedimenti sono sospesi nei casi previsti dall’articolo 7 della legge regionale 7/2000.
 

Obblighi e vincoli dei beneficiari
Gli obblighi e i vincoli dei beneficiari sono elencati al capo VI del regolamento: in particolare negli articoli 31 e 33.