la Regione dalla A alla Z Chiudi

rilancimpresa

FAQ - CONTRATTI REGIONALI DI INSEDIAMENTO

Il periodo di due anni sulla base del quale vengono calcolati i costi salariali ai sensi dell’a rticolo 10, comma 1, lettera c), si riferisce ad un periodo che viene calcolato separatamente e singolarmente per ogni nuova assunzione. Resta naturalmente inteso che deve essere rispettato il limite di 36 mesi di durata dell’iniziativa (articolo 22 del Regolamento).
I costi salariali associati ai nuovi posti di lavoro creati dall’investimento si riferiscono esclusivamente a nuove assunzioni impiegate nello stabilimento sede del progetto oppure si possono includere anche i trasferimenti di personale aziendale da diversi pre-esistenti stabilimenti localizzati al di fuori delle aree ammesse a beneficio.
Le iniziative finanziabili riguardano il limite temporale di 36 mesi.

Si; infatti, ai sensi dell’articolo. 35 del Regolamento “…sono ammissibili anche le spese sostenute prima della presentazione della domanda, purchè in data successiva al 30 giugno 2016, e relativamente alle sole iniziative i cui contributi sono concessi in regime “de minimis”.

L’iniziativa indicata è ammissibile nella misura in cui le afferenti spese  rientrino negli investimenti in efficienza energetica di cui all’articolo 13 del Regolamento, con i limiti percentuali ivi previsti, pertanto non sono ammissibili le spese per la costruzione di un nuovo capannone

Con riferimento alle opere edili, rientrino tra le spese ammissibili, esclusivamente quelle riconducibili agli interventi in efficienza energetica e fonti rinnovabili, di cui agli articoli 13 e 15 del regolamento, e con i limiti percentuali ivi previsti.
 

Sì. Ai sensi dell’art.4, comma 1, del Regolamento “Le iniziative ammissibili ad incentivazione riguardano la realizzazione di nuovi insediamenti produttivi, ampliamenti o programmi di riconversione…localizzate presso una sede o unità locale negli agglomerati industriali della regione Friuli Venezia Giulia di competenza dei consorzi o ricadenti nelle aree dei distretti industriali, nonché nel territorio del comune di Cividale del Friuli;
L’art.2 del Regolamento definisce gli agglomerati industriali come agglomerati industriali di interesse regionale, individuati dagli strumenti di programmazione economica e di pianificazione territoriale regionale, così come definiti dagli strumenti urbanistici comunali vigenti e individuati nelle zone D1 dal Piano Urbanistico Regionale Generale del Friuli Venezia Giulia (v.si Allegato1 al Regolamento).

ultimo aggiornamento: Thu Aug 31 14:14:45 CEST 2017