Attraverso i fondi comunitari sono sostenuti gli investimenti per il rilancio del sistema produttivo e i piani di rilancio delle aree di crisi diffusa, i progetti di ricerca e sviluppo, l'innovazione e l'industrializzazione, i servizi per l'innovazione (voucher per l'innovazione), la creazione di start-up innovative.

La Regione sostiene lo sviluppo del sistema produttivo anche tramite le misure per l'innovazione e la riconversione produttiva, nel rispetto della normativa europea in materia di aiuti di Stato e di utilizzo dei fondi europei.
Al fine di massimizzare gli effetti degli interventi, in particolare per quanto riguarda le PMI del settore manifatturiero e terziario, Rilancimpresa individua ambiti tematici di intervento ben circoscritti, connessi alla competitività delle imprese e del sistema produttivo nonché alla ricerca, sviluppo e innovazione.
Nell’ambito degli obiettivi tematici indicati dal Programma Operativo FESR 2014-2020 e in linea con gli indirizzi e le filiere produttive individuati dalla Strategia di specializzazione intelligente, la Regione concede incentivi per gli interventi di seguito descritti.

Misure per l’acquisto di servizi per l’innovazione (voucher per l’innovazione):

Al fine di promuovere l’attività di innovazione da parte delle PMI del settore manifatturiero e del terziario per incidere sull’efficienza dei processi interni, individuare nuove opportunità di business, acquisire conoscenze qualificate, difendere la proprietà intellettuale, internalizzare conoscenze tecnologiche per qualificare l’attività produttiva e sviluppare nuovi prodotti ampliando la gamma della propria offerta e migliorare la qualità dei progetti e dei processi aziendali, la Regione concede incentivi, sotto forma di voucher, anche tramite contratti stipulati con università, centri ed enti di ricerca, nonché con le imprese attive nel campo dell'innovazione e della ricerca, per interventi quali:
a) acquisizione di studi di fattibilità per progetti di ricerca, sviluppo e innovazione, ivi compreso il supporto alla partecipazione ai relativi programmi dell'UE;
b) analisi di mercato e strategie di innovazione e internazionalizzazione, commercializzazione e miglioramento dell'organizzazione, per supportare:
1) l’innovazione organizzativa tramite upgrading organizzativo per lo sviluppo e la realizzazione di idee innovative;
2) l’innovazione strategica, di prodotto, di design, di processo, anche nei processi di generazione di nuove idee di prodotto e servizio, incrementale, o che possa prevedere l’inserimento nei prodotti esistenti di servizi a maggiore valore aggiunto;
3) il modello di business dell’impresa;
c) sostegno all'acquisizione e alla tutela degli strumenti di "proprietà intellettuale" quali marchi, portafoglio, brevetti, know-how esclusivi;
d) supportare il trasferimento tecnologico tramite l'acquisizione di servizi finalizzati alla prototipazione, brevettazione, nonché prove di laboratorio, valutazioni di attendibilità, sostegno ai processi di brevettazione, servizi di tipo tecnico-giuridici sull’ottenimento e l’estensione della brevettazione.

Ritorna all'indice

Misure per la valorizzazione economica dell’innovazione

La Regione concede incentivi alle imprese del settore manifatturiero e del terziario per attività di innovazione nei processi, nei prodotti e nelle formule organizzative, per l'industrializzazione e la brevettazione dei risultati della ricerca.

Ritorna all'indice

Misure per l’incentivazione alla ricerca e allo sviluppo

La Regione concede incentivi alle imprese del settore manifatturiero e del terziario per attività di ricerca e sviluppo sperimentale, favorendo la collaborazione fra soggetti economici e le strutture scientifiche, anche tramite contratti stipulati con università, centri ed enti di ricerca, nonché con imprese operanti nell’ambito dell’innovazione e della ricerca.

Ritorna all'indice

Misure per il sostegno alle start-up innovative

La Regione sostiene le start up innovative del settore manifatturiero e del terziario e concede incentivi per i seguenti interventi:
a) sostegno alla creazione di nuove start-up innovative attraverso la parziale copertura delle spese di costituzione e primo impianto e dei costi per l'accesso al credito;
b) accompagnamento dei potenziali imprenditori, anche nell'ambito degli incubatori certificati regionali, dalla concezione dell'idea imprenditoriale al suo primo sviluppo attraverso attività di formazione, coworking, sostegno operativo e manageriale, messa a disposizione di strumenti e luoghi di lavoro, previsione di momenti di contatto con potenziali investitori;
c) creazione di un fondo di venture capital per l'acquisizione di partecipazioni in imprese innovative per sostenerne la crescita e aumentare il tasso di sopravvivenza delle stesse;
d) misure di stimolo e supporto per iniziative di crowdfunding.
Inoltre attua misure di sostegno per la realizzazione degli interventi di cui alle lettere a), b), c) e d), anche a favore delle imprese di nuova costituzione che nella fase di avvio introducono una o più rilevanti innovazioni di prodotto, processo, marketing o organizzative.

Ritorna all'indice

Misure a supporto degli investimenti per il rilancio competitivo del sistema produttivo

La Regione concede incentivi per investimenti per sostenere:
a) la competitività e dell’innovazione tecnologica delle PMI nei diversi settori del sistema produttivo regionale, finanziando investimenti concernenti l'installazione di nuovi stabilimenti, l'ampliamento e la diversificazione della produzione o dei servizi mediante prodotti o processi nuovi, aggiuntivi e la radicale trasformazione del processo produttivo di uno stabilimento esistente, al fine di migliorare la capacità produttiva, la redditività delle imprese e delle reti tra imprese e di stimolare l'introduzione delle cosiddette tecnologie chiave abilitanti;
b) il consolidamento in chiave innovativa delle PMI, mediante l'introduzione di servizi e tecnologie innovative relative all'Information and Comunication Technology (ICT) attraverso investimenti per introdurre, nell'attività e nei processi produttivi delle imprese, soluzioni tecnologiche innovative per il commercio elettronico, il cloud computing, la manifattura digitale e la sicurezza informatica.

Ritorna all'indice

Misure per il rilancio delle aree di crisi diffusa delle attività produttive

Al fine di recuperare la competitività del tessuto produttivo, salvaguardare il livello occupazionale delle imprese e migliorare l'attrattività del territorio, la Regione concede incentivi per:
a) consulenze qualificate personalizzate per la riorganizzazione, il riposizionamento strategico e la riconversione industriale, anche tramite aggregazioni da attuarsi anche tramite fusioni e contratti di rete (Reti di impresa);
b) sostenere la creazione di nuove imprese, anche in forma cooperativa da parte dei lavoratori;
c) promuovere gli investimenti nell'area territoriale colpita da crisi diffusa, anche mediante servizi professionali per la ricerca di nuovi investitori e di imprese che intendono insediarsi nell'area, subentrando ad attività già esistenti;
d) altri eventuali interventi con la finalità di intervenire su fattori specifici della situazione di crisi.

Gli strumenti e le attività previsti dai singoli piani di rilancio sono individuati da appositi bandi che definiscono le modalità di coinvolgimento del partenariato.
Nel caso di finanziamento nel quadro della programmazione europea, possono beneficiare degli incentivi solo le PMI non in stato di difficoltà.

Ritorna all'indice