Regolamento recante disposizioni attuative in materia di commercio equo e solidale

Tipo di intervento e condizioni

Incentivi disciplinati dal regolamento emanato con DPReg. n. 036/Pres dd. 18/02/2016

Gli incentivi sono concessi a seguito dell'istruttoria con procedura valutativa a sportello, a titolo de minimis, nella misura pari al 100% della spesa ammissibile compresa tra un minimo di € 1.000,00 e un massimo di € 5.000,00.

Tipologie di intervento

Ai sensi dell’articolo 6 della legge regionale 23/2014 sono finanziate le seguenti tipologie di intervento:

a) le iniziative divulgative e di sensibilizzazione volte a diffondere la conoscenza del commercio equo e solidale e ad accrescere nei consumatori la consapevolezza degli effetti delle proprie scelte di consumo, affinché prendano in esame non solo il prodotto, ma anche gli effetti sociali e ambientali derivanti dalla sua produzione e commercializzazione;

b) le iniziative di informazione e sensibilizzazione sugli attori del commercio equo e solidale iscritti nell'elenco e sui prodotti del commercio equo e solidale di cui all'articolo 4 della legge regionale 23/2014;

c) le azioni educative nelle scuole, finalizzate a conoscere le problematiche connesse alle implicazioni delle scelte di consumo, stimolando una riflessione sul consumo consapevole e alternativo al modello economico dominante;

d) la formazione degli operatori e volontari delle organizzazioni del commercio equo e solidale;

e) le iniziative nel campo della cooperazione a sostegno e sviluppo della rete dei produttori dei prodotti del commercio equo e solidale previsti dall'articolo 4 della legge regionale 23/2014.

Ai sensi dell’articolo 7 della legge regionale 23/2014 sono finanziate:

la partecipazione alla giornata del commercio equo e solidale, nonché alla fiera per la promozione e la vendita dei prodotti del commercio equo e solidale.

Beneficiari

Le organizzazioni del commercio equo e solidale iscritte nell'Elenco regionale.

In via transitoria e fino all'istituzione dell'elenco regionale possono accedere agli incentivi per le tipologie di intervento finanziate ai sensi della legge regionale 23/2014:


- i soggetti la cui attività non persegue scopo di lucro, organizzati in forma collettiva, in possesso di uno statuto che sancisce un ordinamento a base democratica, i quali operano in forma stabile nel territorio regionale che sono iscritti nel registro italiano delle organizzazioni di commercio equo e solidale (RIOCES) o che nello statuto hanno il commercio equo e solidale come punto fondamentale e che operano nella Regione Friuli Venezia Giulia da almeno tre anni
- coloro che hanno ottenuto il riconoscimento di Bottega del Mondo

Presentazione delle domande

Le domande di incentivo, redatte secondo il modello approvato, corredate della documentazione prevista, sono presentate, a partire dal giorno 1 marzo ed entro il termine perentorio del 30 maggio, alla Direzione centrale attivita' produttive, turismo e cooperazione - Servizio commercio e cooperazione prima dell’avvio dell’iniziativa a cui si riferisce la domanda, mediante  raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite Posta elettronica certificata (PEC)

Con la medesima domanda possono essere finanziate più iniziative. Il beneficiario dell’incentivo non può presentare un’altra domanda prima che siano decorsi nove mesi dalla data di concessione dell’incentivo