Anticipo termine domande di contributo al 31 luglio

Con delibera 1302 del 26 luglio 2019 la Giunta regionale, ha modificato Il termine finale di presentazione delle domande per la concessione degli incentivi per gli interventi di politica attiva del lavoro previsti dagli articoli 29, 30, 32, 33 e 48 della legge regionale 9 agosto 2005, n. 18 (Norme regionali per l’occupazione, la tutela e la qualità del lavoro), emanato con decreto del Presidente della Regione 19 dicembre 2018, n. 236 (di seguito Regolamento), per esaurimento delle risorse a disposizione, fissandolo al 31 luglio 2019.

Ritorna all'indice

In che cosa consiste l'iniziativa

Contributi a fondo perduto ai datori di lavoro per la trasformazione in contratti di lavoro subordinato a tempo indeterminato, anche parziale non inferiore al 70%, di contratti di lavoro precario (lavoro intermittente, lavoro a progetto, collaborazione coordinata e continuativa, contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, lavoro somministrato, apprendistato, tirocinio) di donne e uomini indipendentemente dall’età anagrafica.
 

Ritorna all'indice

Chi sono i beneficiari dell’iniziativa

1. imprese e loro consorzi, associazioni, fondazioni e soggetti esercenti le libere professioni in forma individuale, associata o societaria;
2. cooperative e loro consorzi;

aventi sede o unità locale in Friuli Venezia Giulia.

Ritorna all'indice

Chi sono i destinatari dell'iniziativa

I residenti nella Regione FVG, cittadini italiani, comunitari o extracomunitari in regola con la vigente normativa in materia di immigrazione, che nei 5 anni precedenti alla trasformazione abbiano prestato lavoro precario, anche a favore di diversi datori di lavoro, per un periodo non inferiore a 12 mesi .
 

Ritorna all'indice

Interventi finanziabili

Vengono incentivati:
a) la trasformazione a tempo indeterminato del contratto di lavoro subordinato a tempo determinato, con data di scadenza entro 24 mesi da tale data;
b) l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di personale che lavorava presso il soggetto richiedente in base ad uno dei seguenti contratti:
1) lavoro intermittente indeterminato
2) lavoro intermittente determinato
3) lavoro a progetto
4) contratto di collaborazione coordinata e continuativa;
c) l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di personale che lavorava presso il soggetto richiedente in base ad un contratto di somministrazione di lavoro;
d) l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di soggetti che risultano prestare la loro opera presso il soggetto richiedente in esecuzione di un contratto di apprendistato;
e) l’assunzione con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di soggetti che stanno realizzando presso il soggetto richiedente un tirocinio conforme alla regolamentazione regionale vigente in materia.

Gli interventi di cui alle lettere precedenti sono ammissibili a contributo a condizione che riguardino lavoratori che al momento della stabilizzazione risultano essere in una condizione occupazionale precaria: nei 5 anni precedenti hanno prestato la loro opera, per un periodo complessivamente non inferiore a 12 mesi, nella realizzazione di progetti di lavori socialmente utili, a condizione che l’opera sia stata prestata quali disoccupati, nella realizzazione di tirocini rientranti nell’ambito di applicazione della regolamentazione regionale vigente in materia o in esecuzione delle seguenti tipologie contrattuali:
1) contratto di lavoro subordinato a tempo determinato;
2) contratto di lavoro intermittente;
3) contratto di formazione e lavoro;
4) contratto di inserimento;
5) contratto di collaborazione coordinata e continuativa;
6) contratto di lavoro a progetto;
7) contratto di lavoro interinale;
8) contratto di somministrazione di lavoro;
9) contratto di apprendistato.

Ai fini della verifica del requisito della condizione occupazionale precaria, si prendono a riferimento i periodi di vigenza dei contratti e si sommano in termini di mesi. I periodi di vigenza contrattuale inferiore al mese e i resti di giorni risultanti da periodi di vigenza contrattuale superiore al mese concorrono a loro volta a formare un mese se la sommatoria è pari a trenta giorni.

Ritorna all'indice

Ammontare degli incentivi

IMPORTO € 7.000,00
Incremento di €1.000,00 in caso di:
1. soggetti proveniente da grave crisi occupazionale
2. soggetti con un periodo non inferiore a 18 mesi di lavoro precario.

Incremento di €2.000,00
3.soggetti con un periodo non inferiore a 24 mesi di lavoro precario con lo stesso datore di lavoro.
 

Gli incrementi sono cumulabili nel seguente modo: punto 1+2; punto 1+3.

Ritorna all'indice

Risorse finanziarie

Le risorse per l’anno 2019 ammontano complessivamente ad euro 5.600.000,00. Le istanze vengono esaminate seguendo l’ordine cronologico di inoltro, con modalità a sportello.

Ritorna all'indice

Esaurimento fondi PAL 2019

Con decreto n. 7363 del 26 luglio 2021, pubblicato sul BUR n. 31 del 4/8/21, è stato disposto il rigetto delle istanze di contributo presentate dalle ore 9.22.46 dell’11 aprile a tutto il 31 luglio 2019.
L’elenco delle domande non ammesse a finanziamento per mancanza fondi è allegato al provvedimento e costituisce parte integrante del decreto medesimo.

Nella sezione "Normativa" sono disponibili il decreto e il relativo allegato con l'elenco delle domande non ammesse

Ritorna all'indice

A chi chiedere informazioni

Mario CERNECCA  - telefono - 0432 279960 - email: mario.cernecca@regione.fvg.it
Manuel NARO - telefono 040 3775039 - email: manuel.naro@regione.fvg.it
Stefano RIGO - telefono 0432 - 279963 - email: stefano.rigo@regione.fvg.it

PEC: lavoro@certregione.fvg.it

Ritorna all'indice