Indice dei contenuti

Di cosa si tratta

La Regione Friuli Venezia Giulia, ideatrice del progetto strategico MIMOSA insieme al capofila Segretariato Esecutivo dell’Iniziativa Centro Europea (InCE), partecipa alla nuova iniziativa in materia di mobilità delle persone. Il progetto ha una durata di 36 mesi, un budget totale di circa 7 milioni di euro, di cui 718.000,00 euro a favore della Direzione centrale infrastrutture e territorio, e coinvolge complessivamente 18 partner italiani e croati.

Obiettivo principale di MIMOSA è aumentare la conoscenza e promuovere l'uso della mobilità sostenibile, migliorando le connessioni multimodali, attraverso l’uso di mezzi di trasporto sostenibili e stimolando il cambiamento nei comportamenti dei viaggiatori, sensibilizzandoli all’u so di mezzi eco-friendly.

Ritorna all'indice

Il Progetto MIMOSA

Il progetto strategico MIMOSA è l’unico approvato dal Programma di cooperazione transfrontaliera Interreg Italia-Croazia per l’azione a sostegno del trasporto marittimo dei passeggeri e coinvolge un’ampia partnership istituzionale che spazia dalle Regioni Abruzzo e Puglia, all’Autorità di Sistema portuale del mare Adriatico centrale, la Fondazione Istituto sui Trasporti e la Logistica-ITL di Bologna, l’Università Ca’ Foscari di Venezia e, per la Croazia, vede la partecipazione del Ministero dello Sviluppo regionale e Fondi UE, con il Dipartimento per l’a mministrazione delle Isole, delle Agenzie regionali per lo sviluppo delle Contee di Primorje-Goranska, Istria, Zara e Ličko-Senjska, la Facoltà di Studi Marittimi della Città di Fiume, la regione di Dubrovnik Neretva, con il Dipartimento di Economia e affari marittimi, e le Autorità portuali di Rovigno, Spalato e Sebenico.

Un progetto ambizioso che è stato pensato per promuovere un nuovo approccio transfrontaliero alla mobilità delle persone nell'area adriatica. La partnership del progetto è determinata ad affrontare la sfida comune di aumentare la multimodalità, riducendo l'impatto del trasporto sull'ambiente. Il focus di MIMOSA è avviare un cambiamento che coinvolga l’intero territorio transfrontaliero e i collegamenti regionali, rendendo più accessibile e sostenibile la mobilità dei passeggeri nell'intera area. Per farlo si vuole prima di tutto analizzare la reale domanda di trasporto e le abitudini e le esigenze dei passeggeri, e su questa base intervenire anche a livello informativo e di conoscenze per favorire il cambiamento comportamentale dei passeggeri stessi.

Con MIMOSA la Regione Friuli Venezia Giulia prevede di attivare, a partire dall’estate 2021, un nuovo servizio di connessione via mare tra le località di Lignano e Grado/Marano a favore dei turisti e dei cicloturisti e a sostegno del territorio; tale iniziativa dovrà essere ovviamente ricalibrata anche alla luce dei risultati dell’analisi sulla domanda di mobilità sul territorio e nelle aree circostanti al fine di comprendere i cambiamenti in atto post emergenza Covid-19 nel settore dei trasporti.

Ritorna all'indice