Negli ultimi anni la popolazione europea e mediterranea di anguilla ha subito un crollo drammatico, causato soprattutto dalla perdita di habitat, dall’eccessivo sforzo di pesca, dall'inquinamento delle acque e dalla diffusione di malattie parassitarie. Ad oggi gli stock di anguilla sono al di fuori dei limiti biologici che ne garantiscono la sopravvivenza, e gli attuali ritmi di pesca non sono più sostenibili. L’anguilla è stata pertanto classificata nella Lista Rossa IUCN con la categoria “In pericolo critico”.

La Comunità Europea con il Regolamento n. 1100/2007 ha previsto che ogni Stato membro elabori un Piano di gestione finalizzato a tutelare la specie e ripristinarne gli stock. In Italia, il Piano nazionale è costituito dai piani delle diverse regioni, nei quali vengono individuate le specifiche misure di gestione

Il Piano di gestione dell’anguilla in Friuli Venezia Giulia  è stato approvato con delibera della Giunta regionale del 7 ottobre 2011, n. 1848. Anche nella nostra regione l’anguilla è in forte declino. A titolo di esempio, si rileva che negli anni 80’ del secolo scorso si pescavano mediamente 300 quintali di anguille all’anno, diminuiti a 160 negli anni 90’; nel 2012 sono stati pescati meno di 30 quintali. Il rischio di perdere un’i mportante risorsa per la pesca ma anche un altro tassello di biodiversità è quindi sempre più concreto.

Nell’ambito di un iter iniziato nel 2009, le misure di gestione previste nel Piano regionale sono state definite in collaborazione con l’Ente tutela pesca del Friuli Venezia Giulia e gli operatori e le associazioni di pesca ed acquacoltura.
Le misure del Piano regionale si concretizzano sostanzialmente nelle seguenti attività:
 

Monitoraggio dello stock di anguilla nelle acque costiere

Con l’obiettivo di effettuare per la prima volta delle valutazioni sullo stock regionale, nel periodo 2009-2012 nell’ambito di una Convenzione con l’Ente tutela pesca è stata condotta un’a ttività di monitoraggio nell’area delle foci del fiume Stella, in laguna di Marano. Le metodologie di campionamento hanno visto l’impiego dei sistemi tradizionali di pesca ma anche la sperimentazione di attrezzi modificati e mirati alla verifica della eventuale presenza di novellame di anguilla.

A partire dal 2014, buona parte di questa attività viene effettuata in collaborazione con i pescatori professionali nella laguna di Marano.
 

  

Ritorna all'indice

Misure di gestione per la pesca

Il prelievo delle attività di pesca rappresenta uno dei principali fattori limitanti sullo stato di conservazione dell’anguilla. Pertanto, sulla base di quanto richiesto dalla Comunità Europea e quindi previsto nel Piano regionale, lo sforzo di pesca dell’anguilla è stato ridotto sia nelle acque interne che nelle acque marittime e lagunari. Le misure gestionali sono state concordate anche con gli operatori e le associazioni di categoria.

Ritorna all'indice

Interventi di ripopolamento

Tenuto conto della molteplicità di variabili, naturali e antropiche, che incidono sulla mortalità delle anguille nell’ambiente naturale, nella nostra regione il ripopolamento viene effettuato prevalentemente nelle valli da pesca lagunari. In queste aree arginate è infatti possibile attuare il controllo dei livelli idrici per un corretto bilanciamento dei principali parametri chimico-fisici (temperatura, salinità, ossigeno) ed è inoltre possibile gestire la gran parte delle variabili antropiche (pesca, inquinamento diffuso), ottimizzando così le condizioni ambientali e trofiche idonee all’accrescimento delle specie ittiche allevate.

A partire dal 2009, quantitativi via via crescenti di novellame di anguilla, proveniente da diverse aree di pesca del Mediterraneo, vengono rilasciati annualmente in due valli estensive della laguna di Grado che collaborano al Piano regionale. In seguito all’accrescimento e quindi alla maturazione, generalmente a partire da 5 anni dalla semina, le anguille allevate vengono rilasciate per consentire loro di migrare e riprodursi.

Parte dell’attività di ripopolamento viene condotta nel bacino del canale Brancolo (Provincia di Gorizia), dove è vietata la pesca sia professionale che sportiva dell’anguilla.
 

Ritorna all'indice