Contributi regionali per sostenere i programmi di promozione della cooperazione e dell’associazionismo delle imprese della pesca e dell’acquacoltura.

Il nuovo Regolamento, che indica i criteri e le modalità per la concessione di contributi alle associazioni del settore della pesca professionale e dell'acquacoltura, prevede il finanziamento di interventi mirati a sostenere i programmi di promozione della cooperazione e dell’associazionismo delle imprese, come previsto dagli articoli 16 e 17 del decreto legislativo 26 maggio 2014, n. 154, e conformi alle priorità definite nel “Programma nazionale triennale della pesca e dell’acquacoltura 2013-2015” emanato con Decreto del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali del 31 gennaio 2013.

Le domande di contributo dovranno essere presentate entro il termine fissato annualmente con decreto del Direttore del Servizio caccia e risorse ittiche, il quale verrà pubblicato sul sito web della Regione.

Il Regolamento, emanato con D.P.Reg. 16 ottobre 2015, n. 220, recepisce le nuove disposizioni del Regolamento (UE) n. 1388/2014 della Commissione, del 16 dicembre 2014 (concernente gli aiuti in esenzione a favore delle piccole e medie imprese attive nel settore della produzione commercializzazione e trasformazioni dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura) e consente alla Regione di poter continuare a supportare le associazioni del settore della pesca professionale e dell'acquacoltura operanti in regione, attraverso l’erogazione di aiuti finanziari che, per la loro natura ed entità, sono considerati compatibili con il mercato interno dell’UE e quindi esentati dall’obbligo di notifica di cui all’articolo 108, paragrafo 3 del Trattato sul funzionamento dell'Unione europea.

Il Regolamento è stato pubblicato sul BUR n. 43 del 28 ottobre 2015, è entrato in vigore il 29 ottobre 2015 e si applicherà fino al 31 dicembre 2020.