Come vengono calcolati gli importi a favore dei professionisti che svolgono attività di revisione.


Determinazione degli importi spettanti per le revisioni ordinarie e straordinarie degli enti cooperativi sottoposti alla vigilanza della Regione. Biennio revisionale 2016 - 2017
 

Con decreto del Presidente della Regione n. 37 del 18 febbraio 2016, pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione n. 9 del 2 marzo 2016, sono stati stabiliti gli importi spettanti per le revisioni, effettuate nei confronti degli enti cooperativi ai sensi dell'articolo 24 della legge regionale 27/2007. Gli importi sono stati confermati nella misura già fissata per il biennio precedente:


FASCIA A
numero soci: non superiore a 1.000
capitale sociale versato: non superiore a euro 1.000,00
valore della produzione: non superiore a euro 2.000.000,00
importo: euro 600,00


FASCIA B
numero soci: superiore a 1.000
capitale sociale versato: superiore a euro 1.000,00
valore della produzione: superiore a euro 2.000.000,00
importo: euro 1.100,00


Nella determinazione dei suddetti importi, fra i tre parametri (numero dei soci, capitale sociale versato, valore della produzione) prevarrà quello riferibile alla fascia più alta.
I parametri relativi al numero dei soci e al capitale sociale versato devono intendersi riferiti a quelli effettivamente risultanti all’atto della revisione, mentre il valore della produzione deve intendersi riferito all’importo rilevato dall’ultimo bilancio approvato dagli organi sociali.
Quando la revisione si conclude, per impedimenti ascrivibili all’ente revisionato, con la relazione di mancata revisione e, quindi, non risulta possibile una corretta rilevazione dei tre parametri, l’importo spettante viene determinato in 200,00 euro.
Si ricorda, infine, che i suddetti importi sono aumentati del 20 % per le revisioni straordinarie, effettuate a enti cooperativi ai sensi dell’articolo 14, comma 6, della legge regionale 3 dicembre 2007, n. 27, in ragione della complessità dell’attività di vigilanza richiesta.