Le leggi regionali per la tutela della lingua e della cultura friulana

Con la legge regionale 15/1996 per la prima volta la Regione Friuli Venezia Giulia norma una tutela globale della lingua e della cultura friulana dotandosi anche di un Osservatorio regionale della lingua e della cultura friulane (OLF) e di una unità amministrativa specifica per le comunità linguistiche. Nel 2004 l'OLF è stato sostituito dall' Agenzia Regionale per la Lingua Friulana (ARLeF).

Il lavoro del Comitato tecnico scientifico dell'ARLeF è fondamentale per la politica linguistica friulana: il compito assegnatogli è di programmare e di coordinare tutte le iniziative a favore della lingua friulana. Di importanza strategica in tale senso è in particolare il compito di sovrintendere al processo per la grafia unitaria della lingua friulana e di favorire la produzione di dizionari e di ogni altro strumento atto a diffondere e a facilitare l'uso di tale grafia (art. 16).

Quindi dall'esercizio 1996, cioè prima dell'entrata in vigore della legge statale 482/1999 di tutela delle minoranze linguistiche storiche, la comunità friulana ha potuto usufruire di finanziamenti regionali specifici per la tutela e lo sviluppo della lingua e della cultura, sia ai sensi della legge regionale 15/1996, sia in base a norme integrative successive. Gli interventi avvengono in particolare in alcuni settori strategici e innanzitutto nell'ambito del “settore scolastico” e dell'insegnamento della lingua e della cultura friulane (con soggetti beneficiari scuole materne e dell'obbligo e Comuni) per la promozione di corsi sperimentali di lingua e cultura friulana nelle scuole. Il friulano, infatti, non era oggetto precedentemente di insegnamento nella scuola dell'obbligo per cui la popolazione pur parlando il friulano, nelle sue varianti, non era stata alfabetizzata in tale lingua.

Si è intervenuti altresì, sempre con la legge regionale 15/1996, nel campo dei “ mass media”, sia con convenzioni con emettenti radiofoniche e televisive per programmi in lingua friulana (art. 29), sia con contributi da parte del Comitato tecnico scientifico dell'ARLeF alla stampa, all'editoria e per campagne di promozione della lingua friulana.

Ampio spazio è stato dato dall' art. 19 della legge regionale 15/1996 all'attività di Comuni, enti e associazioni nel campo della lingua e della cultura friulana, finanziando sia il settore degli studi e ricerche, sia il settore della stampa e dell'editoria, sia il settore scolastico e quello dello spettacolo e, per i Comuni, quello della toponomastica. Questi interventi sono affidati alle rispettive Amministrazioni provinciali di Udine, Gorizia e Pordenone, che predispongono programmi annuali da sottoporre alla Amministrazione regionale.


Nel 2007 sono state approvate le " Norme per la tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana" (legge regionale 18 dicembre 2007, n. 29) che sostituiscono ed integrano la precedente normativa regionale.

Lis leçs regjonâls pe tutele de lenghe e de culture furlane

Cu la leç regjonâl 15/1996 pe prime volte la Regjon Friûl – Vignesie Julie e regole une tutele globâl de lenghe e de culture furlanis indotantsi ancje di un Osservatori regjonâl de lenghe e de culture furlanis (OLF) e di une unitât aministrative specifiche pes comunitâts linguistichis. Tal 2004 l’OLF al è stât sostituît de Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane (ARLeF).

La norme regjonâl si ispire in mût esplicit (art. 4) ai principis afermâts te Cjarte europeane des lenghis regjonâls e minoritariis.

Il lavôr dal Comitât tecnic sientific de ARLeF al è fondamentâl pe politiche linguistiche furlane: il compit che i è assegnât al è chel di di programâ e di coordenâ dutis lis iniziativis in pro de lenghe furlane. Di impuartance strategjiche in cheste direzion al è soredut il compit di sorintindi al procès pe grafie unitarie de lenghe furlane e di favorî la produzion di dizionaris e di ogni altri imprest par slargjâ e a facilitâ l’ûs di chê grafie (art. 16).

Duncje dal esercizi 1996, ven a stâi prime de jentrade in vore de leç statâl 482/1999 di tutele des minorancis linguistichis storichis, la comunitât furlane e à podût gjoldi di finanziaments regjonâi specifics pe tutele e pal disvilup de lenghe e de culture, sedi daûr de L.R.15/1996, sedi su la fonde di normis integrativis seguitivis.

I intervents a son fats massime in cierts setôrs strategjics e prin di dut te suaze dal “setôr scolastic” (art. 27) e dal insegnament de lenghe e de culture furlanis (cun scuelis maternis e dal oblic e Comuns tant che sogjets beneficiaris) (L.R. 4/1999) pe promozion di cors sperimentâi di lenghe e culture furlane tes scuelis. Il furlan di fat prime nol jere insegnât te scuele dal oblic, si che duncje la popolazion, pûr fevelant il furlan, tes sôs variantis, no jere stade alfabetizade in cheste lenghe.

Si interven ancje, simpri cu la L.R. 15/1996, tal cjamp dai “mass media”, sedi cun convenzions cun emitentis radiofonichis e televisivis par programs in lenghe furlane (art. 29), sedi cun contribûts di bande dal Comitât tecnic sientific de ARLeF ae stampe, ae editorie e par campagnis di promozion de lenghe furlane.

Un grant spazi, insom, al è dât dal art. 19 de L.R. 15/1996 ae ativitât di Comuns, ents e associazions tal cjamp de lenghe e de culture furlane, finanziant sedi il setôr dai studis e des ricercjis, sedi il setôr de stampe e de editorie, sedi il setôr scolastic e chel dal spetacul e, pai Comuns, chel de toponomastiche. Chescj intervents a son dâts aes Aministrazions provinciâls di Udin, Gurize e Pordenon, che a predisponin programs anuâi di someti ae Aministrazion regjonâl.

Tal 2007 a son stadis fatis buinis lis “ Normis pe tutele, valorizazion e promozion de lenghe furlane” (leç regjonâl 18 di Dicembar dal 2007, n. 29) che a sostituissin e si zontin ae normative regjonâl di prime.