l'isola del lavoro

Isola del lavoro

Il colloquio di lavoro: come, dove, con chi

Come avrai capito navigando nella nostra Guida, la ricerca del lavoro può svolgersi su fronti diversi. Se per l'assunzione nel settore pubblico prevale di gran lunga il canale del concorso, nel settore privato tutto è generalmente legato agli esiti di un colloquio di lavoro.
Essere convocati per un colloquio costituisce un primo risultato della ricerca del lavoro, un successo di cui si può essere orgogliosi. Con la convocazione al colloquio si è superata la fase eliminatoria. Ma a questo punto comincia la fase centrale, dove si giocano le partite decisive. Dal confronto con gli altri pretendenti al successo (i numerosi candidati per il posto messo in palio) e da quello con l'arbitro dell'incontro (i selezionatori) si determina la possibilità di raggiungere la vittoria finale. E' in seguito al colloquio, infatti, che le aziende prendono la decisione ultima sull'eventuale assunzione. Esso permette una verifica del possesso, da parte del candidato, dei requisiti e delle qualità ritenute necessarie. Inoltre, il colloquio permette di confrontare tra loro tutti i pretendenti al posto (o ai posti) di lavoro messi in palio. In taluni casi sarà sufficiente un colloquio, ma nella maggior parte delle situazioni potrai essere convocato almeno un paio di volte, perché - dopo una prima scrematura basata sui documenti - viene organizzato un secondo turno di selezione attraverso colloqui preliminari, che portano a una rosa ristretta di candidati (in genere da 2 a 5) da incontrare per un colloquio approfondito e decisivo.

Per quanto riguarda le aziende piccole e medie, il colloquio viene spesso gestito all'interno dell'azienda da parte del titolare stesso oppure da un responsabile del personale.
Nel caso invece di aziende di maggiori dimensioni, esso è per lo più gestito da un dirigente responsabile del personale. Oppure è molto frequente il ricorso a società specializzate (Agenzie di ricerca e selezione del personale) le quali, dopo il colloquio, trasmettono all'azienda una rosa ristretta di candidati (all'azienda, di norma, spetta sempre la decisione ultima).

Più che una tappa importante nella ricerca del lavoro, il colloquio ne rappresenta il momento decisivo. Devi però armarti di pazienza: se non hai grandissime doti o non sei sfacciatamente sfortunato e ben raccomandato, difficilmente riuscirai a conquistare il posto al primo colloquio di lavoro.
Interpreta dunque il colloquio anche come un'occasione per fare esperienza, per accrescere le tue competenze di "cercatore di impiego". Annota come è andata, confrontati prima e dopo con amici e persone esperte, che ti possono aiutare a rielaborare l'esperienza e a prepararti meglio all'appuntamento successivo.



ultimo aggiornamento: Wednesday 23 May 2012