Indice dei contenuti

Di cosa si tratta

L’articolo 8 della Legge Regionale 29 aprile 2005, n. 9 e sue modifiche e integrazioni, autorizza l’Amministrazione regionale a concedere un contributo forfetario annuo per le attività svolte dai proprietari o conduttori per la conservazione dei prati stabili inseriti nell’apposito inventario regionale.
Il contributo forfetario annuo è fissato in 250 euro per ettaro o per frazioni inferiori all’e ttaro sino al limite massimo per unità di superficie previsto dalla disciplina comunitaria e non è cumulabile con altre sovvenzioni. Detto limite non trova applicazione per prati stabili di superficie inferiore ai 5.000 metri quadri.
Il contributo viene concesso in osservanza delle disposizioni del Regolamento UE 1408/2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea agli aiuti “de minimis” nel settore agricolo.
Il termine di presentazione delle domande è il 31 marzo di ogni anno.
La domanda va presentata utilizzando l’apposita modulistica – disponibile qui a destra – e spedendola tramite posta ordinaria, corriere o lettera raccomandata al seguente indirizzo:
Regione autonoma Friuli Venezia Giulia
Direzione centrale risorse agroalimentari, forestali e ittiche
Servizio biodiversità
Via Sabbadini 31 – 33100 Udine
La domanda può anche essere inviata con Posta Elettronica Certificata (PEC) in conformità alle normative vigenti in materia. In tal caso la domanda, sottoscritta con firma digitale, deve essere inoltrata all’indirizzo di PEC biodiversita@certregione.fvg.it
La domanda può anche essere consegnata a mano al Servizio biodiversità della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia:
in via Sabbadini 31 a Udine
in via Oberdan 18 a Pordenone
Qualora le risorse lo consentano, l’Amministrazione regionale può concedere il contributo forfetario annuo anche per gli ulteriori prati stabili identificatati nella “Banca dati regionale dei prati stabili”, ma non tutelati nell’“inventario”.
Contributi pubblici per i prati sono concessi anche in attuazione di programmi comunitari in materia di agricoltura.
 

Ritorna all'indice

Contributi 2021

Ritorna all'indice