La Degenerazione Maculare Legata all’Età, l’Edema Maculare Diabetico, le Occlusioni Venose Retiniche e la Neovascolarizzazione coroideale secondaria a miopia patologica sono malattie dell’o cchio che provocano disabilità visive fino a provocare in molti casi la cecità. Le patologie sopracitate rappresentano vere e proprie “malattie sociali”, di grande impatto economico. Un ritardo nella diagnosi e nella cura si ripercuote negativamente sulla funzione visiva dei pazienti, determinando gravi deficit funzionali e disturbi invalidanti quali depressione e aumento dell’i ncidenza di cadute che inesorabilmente hanno un impatto negativo sulla qualità di vita sotto vari aspetti: sociale, personale, lavorativo. Il precoce invio dallo specialista e una tempestiva diagnosi, nonché l’immediato accesso alle terapie farmacologiche intravitreali, ha profondamente modificato la prognosi visiva dei pazienti affetti da tali condizioni.

Gli oculisti della regione, sulla base delle Linee guida nazionali e internazionali e della letteratura di riferimento, hanno definito il percorso diagnostico terapeutico del paziente in materia di trattamento intravitreale delle malattie retiniche che è stato recepito con Decreto 763/ASAO 8 agosto 2014.

Il documento è finalizzato ad assicurare il massimo grado di appropriatezza degli interventi e delle prestazioni, uniformare il comportamento e le scelte cliniche, ottimizzare l’uso delle risorse garantendo equità di accesso, continuità terapeutica e il follow-up ai pazienti che presentino le indicazioni cliniche allo specifico trattamento.