Concessione di contributi destinati a sostenere il servizio di fornitura di libri di testo in comodato gratuito a favore di tutti gli alunni della scuola secondaria di primo grado e degli alunni iscritti alle prime due classi della scuola secondaria di secondo grado.

Qual è la finalità dell’intervento

L'intervento ha come finalità la concessione di contributi destinati a sostenere il servizio di fornitura di libri di testo in comodato gratuito.

Ritorna all'indice

Chi può beneficiare del contributo

Sono beneficiarie dei contributi le istituzioni scolastiche secondarie statali e paritarie aventi la sede legale o le sedi didattiche nel territorio del Friuli Venezia Giulia. L’intervento ha assunto carattere continuativo ed è a favore di tutti gli alunni della scuola secondaria di primo grado e degli alunni iscritti alle prime due classi della scuola secondaria di secondo grado.

I termini per la domanda di contributo per l’anno scolastico 2017/2018 sono scaduti il giorno 2 maggio 2017.


Ritorna all'indice

Determinazione del contributo

La misura massima dei contributi è fissata sulla base dei seguenti parametri:
- 175 euro per alunno nella prima classe della scuola secondaria di primo grado;
- 100 euro per alunno nella seconda e terza classe della scuola secondaria di primo grado;
- 200 euro per alunno nella prima classe della scuola secondaria di secondo grado;
- 125 euro per alunno nella seconda classe della scuola secondaria di secondo grado.
Ai fini della determinazione del contributo complessivo spettante a ciascun istituto si considera il numero degli alunni iscritti, sulla base dei dati riferiti all'anno scolastico immediatamente precedente (per l'anno scolastico 2017/2018 occorre fare riferimento, pertanto, al numero degli iscritti alle classi dell'anno 2016/2017).

Se le risorse disponibili sono inferiori all’importo complessivamente determinato con le modalità sopra indicate, il contributo viene proporzionalmente ridotto.

Ritorna all'indice

Modalità di utilizzo del contributo

Il servizio di comodato gratuito prevede le seguenti forniture:
- libri di testo anche in formato digitale in dotazione individuale pertinenti sia alle materie fondamentali che a quelle facoltative ad uso annuale e pluriennale;
- libri di testo anche in formato digitale in dotazione collettiva, compresi vocabolari e atlanti.
NON rientrano nel servizio di comodato gratuito i libri di testo e altro materiale didattico sostitutivo prodotti dalla scuola.

Le scuole possono chiedere quale garanzia, il versamento anticipato di un importo non superiore ad un terzo del prezzo di copertina dei libri di testo forniti in comodato gratuito. Tale importo viene rimborsato dalle scuole in caso di restituzione dei libri di testo o dalle stesse trattenuto in caso di mancata restituzione o di danneggiamento dei libri medesimi.

Ciascun istituto può prevedere la facoltà per gli alunni di richiedere, a conclusione del periodo d'uso didattico, l'acquisizione permanente dei libri loro affidati in comodato, dietro versamento di riscatto che non può essere superiore a un terzo del prezzo di copertina dei libri medesimi e deve essere versato secondo le modalità stabilite da ogni singola scuola.

Inoltre ciascun istituto può prevedere l'obbligo di versare una penale per gli alunni che abbiano danneggiato il libro loro affidato in comodato.

E’ obbligatorio che, nell’erogazione del servizio, le scuole beneficiarie assicurino a tutti gli alunni un trattamento uniforme.

 

Ritorna all'indice

Concessione e liquidazione

L'importo effettivo che sarà concesso e contestualmente erogato verrà calcolato dalla Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università - Servizio istruzione e politiche giovanili, solo dopo aver ricevuto tutte le domande, tenendo conto dei dati con le stesse comunicati.

NB: qualora la spesa sostenuta dalle scuole al netto delle entrate derivanti dai riscatti e dagli eventuali rimborsi delle famiglie, sia inferiore all’importo erogato dalla Regione, le scuole sono tenute alla restituzione dell’importo eccedente.

Ritorna all'indice

Rendiconto

Si precisa che da Regolamento il rendiconto va presentato alla Direzione entro il 30 settembre dell’anno successivo a quello di presentazione della domanda.
E’ ammessa la richiesta motivata di proroga del termine di rendicontazione purché presentata prima della scadenza dello stesso. Nel caso in cui tale scadenza non venga rispettata, il contributo verrà revocato.

Si fa presente che in sede di rendicontazione sarà richiesto di fornire indicazioni in ordine all'utilizzo di tutti i fondi a disposizione dell'istituto scolastico, costituiti: 
- dal contributo concesso dalla Regione; 
- da introiti legati al riscatto di libri o al rimborso per danni arrecati agli stessi.

 

Ritorna all'indice

Revoca di contributo

Il contributo concesso viene revocato nei seguenti casi:
1. inadempimento del beneficiario;
2. rinuncia del beneficiario;
3. mancato riscontro, in sede di verifiche o di accertamenti, dei requisiti di ammissibilità dichiarati;
4. mancata presentazione del rendiconto entro il 30 settembre eventualmente prorogato ai sensi del regolamento.

La revoca del contributo comporta la restituzione delle somme erogate ai sensi dell’articolo 49 della legge regionale 7/2000.

Ritorna all'indice