Contributi straordinari diretti all'acquisto di nuove attrezzature informatiche e didattiche multimediali per le scuole primarie e secondarie di primo grado - FONDI ESAURITI.

Chi può presentare la domanda

Possono presentare domanda di partecipazione all'Avviso pubblico i Comuni della regione Friuli Venezia Giulia che:
a) abbiano sul loro territorio una o più delle seguenti scuole: scuole primarie e secondarie di primo grado; 
b) intendano dotare le scuole di competenza di nuove attrezzature informatiche funzionali allo sviluppo delle competenze abilitanti all'uso degli strumenti avanzati di innovazione tecnologica e di nuove attrezzature didattiche multimediali che consentano di stare al passo con l'innovazione tecnologica e mantenere un sistema scolastico all'avanguardia.
Ciascun beneficiario può presentare un'unica domanda.
 
Si comunica che con il decreto n. 4279/LAVFORU del 20 aprile 2020, pubblicato nella sezione a destra "documentazione", è stato approvato il riparto dei contributi e prenotate le relative risorse.
Si precisa che, trattandosi di un procedimento a sportello, ai sensi dell'articolo 36, comma 4, della L.R. n. 7/2000 le domande pervenute sono state istruite solo fino al raggiungimento delle risorse disponibili. Quelle trasmesse successivamente non risultano pertanto tra quelle elencate nell'allegato A) al suddetto decreto n. 4279/2020.

 

Ritorna all'indice

Quantificazione del contributo

Il contributo massimo erogabile per ciascun Comune è di 20.000 euro.
I beneficiari hanno l'obbligo di compartecipare alle spese nella misura:
a) del 10% nel caso di Comuni con popolazione residente alla data della domanda fino a 3.000 abitanti;
b) del 20% nel caso di Comuni con popolazione residente alla data della domanda da 3.001 a 15.000 abitanti;
c) del 25% nel caso di Comuni con popolazione residente alla data della domanda superiore a 15.000 abitanti.
 

Ritorna all'indice

Modalità di presentazione della domanda

L'istanza deve essere redatta compilando l'apposita modulistica pubblicata nella sezione a destra "modulistica", sottoscritta digitalmente (oppure firma autografa apposta sulla domanda cartacea e successiva acquisizione da scanner unitamente a invio di copia leggibile di un valido documento di identità) dal legale rappresentante del Comune o da altro soggetto legittimato e munito del potere di firma ed inviata esclusivamente a mezzo PEC all'indirizzo lavoro@certregione.fvg.it.
L'istanza può essere presentata a partire dal 26 febbraio 2020 e fino all'esaurimento delle risorse disponibili.

Ritorna all'indice

Quali sono le spese ammissibili

Sono ammissibili le spese sostenute dal Comune richiedente successivamente alla data di presentazione dell'istanza ed entro quella per la presentazione del rendiconto, destinate all'acquisto di beni compresi nelle seguenti tipologie:
a) attrezzature informatiche innovative (quali computer portatili, tablet, lavagne interattive multimediali, visori per la realtà virtuale ed aumentata, strumenti di robotica educativa, stampanti 3D, droni);
b) attrezzature didattiche multimediali (quali proiettori interattivi, schermi, microfoni, casse acustiche e relativi supporti, batterie, cuffie, impianti audio, amplificatori portatili, telecamere digitali e altri dispositivi per la produzione di materiali multimediali);
c) programmi di ultima generazione (quali software per l'integrazione multimediale, web app, webware, software di programmazione per la robotica, piattaforme digitali, simulatori web);
d) collegamenti wireless, scanner, stampanti;
e) computer fissi: entro il limite del 10% della spesa complessiva.
Le spese di trasporto, installazione e collaudo dei beni sono ammissibili nel limite massimo del 10% della spesa complessiva; quelle per l'acquisto di materiale accessorio sono ammissibili nel limite massimo del 5% della spesa complessiva. La spesa si intende comprensiva di IVA, se costituisce un costo a carico del beneficiario.

 

Ritorna all'indice

Quali sono le spese non ammissibili

Sono escluse le spese per:
a) l'acquisto di beni immobili e mobili registrati;
b) il noleggio e la manutenzione dei beni;
c) l'acquisto di defibrillatori;
d) l'acquisto di arredi;
e) l'acquisto di beni destinati agli uffici;
f) l'adeguamento impiantistico o strutturale dei locali dove i beni andranno collocati.

Ritorna all'indice

Criteri di valutazione delle domande

Qualora le risorse regionali disponibili (1.000.000 euro) non fossero sufficienti a finanziare tutti i progetti ammissibili, i contributi verranno concessi secondo l'ordine cronologico di presentazione delle domande fino all'esaurimento delle risorse.

Ritorna all'indice

Rendicontazione

I Comuni risultati beneficiari del contributo nell'anno 2020 dovranno presentare il rendiconto entro il 31 dicembre 2020, secondo le modalità previste all'articolo 9 dell'Avviso.
I Comuni invece che riceveranno il contributo nell'anno 2021, dovranno rendicontare le spese sostenute entro il termine che sarà successivamente individuato con il decreto di liquidazione.

Ritorna all'indice