Le malattie infiammatorie croniche intestinali (Inflammatory Bowel Disease, IBD) sono patologie che interessano l’apparato gastrointestinale, ad andamento cronico-recidivante, con una storia naturale caratterizzata da alternanza di periodi di remissione e di riacutizzazione. Esse comprendono la Malattia di Crohn (CD), la Rettocolite Ulcerosa (UC) e la Colite non classificata (IBDU).

Le malattie infiammatorie croniche intestinali (MICI o IBD) sono patologie multifattoriali complesse, che si sviluppano in soggetti geneticamente predisposti, e sono caratterizzate dalla natura infiammatoria cronica del processo patologico e dalla recidiva dei sintomi. Esistono differenze etniche, genetiche e geografiche nell’epidemiologia delle MICI. L’incidenza sembra aumentare nei Paesi industrializzati e questo suggerisce che i fattori ambientali siano cruciali nel determinare lo sviluppo della malattia.

In Italia ci sono circa 200.000 pazienti affetti da queste malattie con una prevalenza nella nostra Regione di 324/100.000 abitanti.

Le MICI rappresentano vere e proprie “malattie sociali”, di grande impatto economico il cui costo raggiunge valori rilevanti, con un ritardo diagnostico anche notevole, comportando alla fine non soltanto la persistenza di disturbi invalidanti, ma anche la progressione verso forme più gravi ed estese, che inesorabilmente si ripercuotono sulla qualità di vita del paziente sotto vari punti di vista (sociale, personale, lavorativo), sui costi diretti sanitari e sui costi indiretti per la società.

Il 23/04/2018 la Regione FVG, con decreto n. 634/SPS ha adottato il documento tecnico “ Percorso Assistenziale della Persona con Malattia Infiammatoria Cronica Intestinale (età adulta e pediatrica)”

Il documento nasce dalla necessità di garantire livelli equi ed appropriati di cure alle persone affette da MICI sull’intero territorio regionale, favorendo la standardizzazione nella diagnosi, terapia e assistenza.

La definizione e diffusione di un documento di indirizzo regionale sulle MICI ha inoltre l’o biettivo di orientare i comportamenti dei professionisti sanitari in linea con le raccomandazioni Nazionali ed Internazionali disponibili qualificando i livelli di assistenza e di trattamento secondo criteri di appropriatezza ed efficacia e favorendo l’integrazione tra strutture e professionisti stessi.

Il documento è stato elaborato da un gruppo di lavoro costituito da professionisti sanitari afferenti alle varie realtà sanitarie regionali in collaborazione con l’Associazione Amici Onlus del FVG.