Ai sensi dell’articolo 5, commi da 25 a 27 della legge regionale 6 agosto 2019, n. 13 (Assestamento del bilancio per gli anni 2019-2021 ai sensi dell'articolo 6 della legge regionale 10 novembre 2015, n. 26.), l'Amministrazione regionale, al fine di promuovere l'uso razionale dell'energia e delle fonti energetiche rinnovabili, nonché il contenimento dei consumi energetici, concede contributi straordinari per l'acquisto e l'installazione di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici.

Possono presentare domanda di contributo esclusivamente le persone fisiche, titolari o che saranno titolari, di un impianto fotovoltaico, per l’acquisto e l’installazione di un sistema di accumulo di energia elettrica prodotta dall’impianto fotovoltaico, a servizio dell’immobile di residenza.

Il termine per presentare le domande di contributo è scaduto alle ore 16.00 di giovedì 30 gennaio 2020.

Con decreto del Direttore del Servizio edilizia della Regione n. 964 del 5 marzo 2020 è stato approvato l'elenco delle domande ammissibili (allegato A) in relazione alle somme disponibili pari a € 200.000,00.

L'allegato B contiene l'elenco di tutte le domande ricevute attraverso l'applicativo Istanze OnLine (I.O.L.), comprendente anche le domande non ammissibili o non finanziate.

La concessione del contributo viene disposta entro 45 giorni dall'approvazione dell'elenco delle domande ammissibili.

Secondo quanto stabilito dall'articolo 26 ter della legge regionale n. 13/2019, le domande non finanziate entro il 31 dicembre 2020 sono archiviate.

Erogazione del contributo

Erogazione in via anticipata - L.R. 5/2020, art. 2

L'articolo 2 della legge regionale 1 aprile 2020, n. 5 (Ulteriori misure urgenti per far fronte all'emergenza epidemiologica da COVID-19) prevede la possibilità per i beneficiari di contributi regionali concessi entro il 1° aprile 2020 di chiedere l'erogazione in via anticipata di una somma pari fino al 90 per cento dell'incentivo concesso, al netto di eventuali erogazioni in via anticipata già ricevute.

L'istanza può essere presentata, unitamente alla copia di un documento di identità in corso di validità del sottoscrittore, usando il modello fac-simile predisposto.

Rendicontazione delle spese ed erogazione

Entro il termine perentorio di 12 mesi dal ricevimento del decreto di concessione, il beneficiario deve rendicontare le spese sostenute secondo le modalità dell'articolo 15 dell'Avviso attraverso l'applicativo Istanze online.

Si ricorda che l'accesso alla procedura di rendicontazione è consentito esclusivamente con un accesso Loginfvg di tipo Avanzato o SPID di livello 2. Qualora la domanda sia stata presentata con un accesso Loginfvg di tipo Base o Standard e non si sia dotati degli accessi sopra descritti, si invitano i beneficiari a procurarseli quanto prima. È possibile ottenere SPID presso uno dei fornitori autorizzati seguendo le istruzioni riportate alla pagina internet https://www.spid.gov.it/richiedi-spid. L'accesso con Loginfvg di tipo Avanzato si ottiene disponendo di smart card o business key usb che ottemperano allo standard Carta Nazionale dei Servizi e PIN, per esempio la Carta Regionale dei Servizi dopo la sua attivazione, che può essere effettuata presso gli sportelli pubblici abilitati, utilizzando l'apposito lettore, distribuito gratuitamente dalla Regione (informazioni dettagliate alla pagina http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/GEN/carta-regionale-servizi/).

A seguito dell'istruttoria favorevole sulla rendicontazione presentata verrà erogato il contributo spettante in base alla spesa effettivamente sostenuta e rimasta a carico.

Il beneficiario che abbia già ottenuto l'erogazione in via anticipata è comunque tenuto in ogni caso a trasmettere la rendicontazione delle spese, anche qualora la spesa effettivamente sostenuta e rimasta a carico non dia diritto a ricevere l'erogazione di ulteriori somme rispetto a quelle già ricevute. La mancata trasmissione della rendicontazione delle spese sostenute entro 12 mesi dal ricevimento del decreto di concessione comporta inevitabilmente la decadenza dal diritto al contributo stesso e, qualora sia già stato erogato l'anticipo, la restituzione delle somme già erogate comprensive di interessi ai sensi dell'articolo 49 della L.R. 7/2000.

Sono disponibili le linee guida per la trasmissione della rendicontazione e il videotutorial che evidenzia tutti i passaggi da compiere nella procedura.

Ritorna all'indice

Beneficiari

Possono presentare domanda di contributo esclusivamente le persone fisiche, titolari o che saranno titolari, di un impianto fotovoltaico installato nel territorio della Regione, per l'acquisto e l’installazione di un sistema di accumulo di energia elettrica prodotta dal medesimo impianto fotovoltaico, a servizio dell’immobile di residenza.

Sono esclusi i soggetti diversi dalle persone fisiche.

La domanda deve essere presentata esclusivamente dal proprietario dell’immobile, titolare dell'impianto fotovoltaico che sosterrà la spesa per l’acquisto e l’installazione del sistema di accumulo e sarà intestatario delle relative fatture e quietanze di pagamento.

Ogni nucleo familiare può presentare una sola domanda.

Per ogni sistema di accumulo e con riferimento ad ogni punto di connessione può essere presentata una sola domanda.

Ritorna all'indice

Interventi e spese ammessi a finanziamento

Sono ammessi a finanziamento l’acquisto e l’installazione, sul territorio regionale, di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta da un impianto solare fotovoltaico.

Sono ammesse a finanziamento le spese pagate ed in relazione ad interventi realizzati successivamente alla presentazione della domanda di contributo.

Non sono ammessi a finanziamento l’acquisto e l’installazione di sistemi di accumulo al piombo, gel di piombo e acido.

Non sono ammesse spese differenti da quelle relative all’acquisto e all’installazione del sistema di accumulo, le quali si intendono comprensive di quelle inerenti all'eventuale contatore aggiuntivo qualora prescritto dalla norma CEI 0-21.

Non sono ammissibili i sistemi di accumulo a servizio di impianti fotovoltaici incentivati dal GSE con il Primo Conto Energia in scambio sul posto (DM 28 luglio 2005).

Non sono ammissibili le spese:

  • per acquisto e installazione dell’impianto fotovoltaico
  • per interventi edilizi relativi all’installazione del sistema di accumulo
  • accessorie relative agli adempimenti richiesti dal GSE e/o dal distributore di energia elettrica, di consulenza, da parte di professionisti, per l’assistenza sul presente Avviso
  • per sistemi di accumulo realizzati e pagati prima della domanda
  • documentate da fatture riferite a prestazioni o forniture effettuate:
    • da soggetti che, rispetto al beneficiario, siano in relazione di coniugio, parentela o affinità entro il secondo grado;
    • da società con cui il beneficiario si trovi in relazione di coniugio, parentela o affinità entro il secondo grado rispetto a soci o amministratori o sia egli stesso socio o amministratore.
 

Ritorna all'indice

Entità del contributo

Il contributo è a fondo perduto ed è concesso nella misura corrispondente al 50 per cento delle spese ammissibili.
Il contributo massimo è pari a 3 mila euro per ogni intervento ammesso.
Il contributo è cumulabile con altri contributi o incentivi pubblici, comprese le detrazioni fiscali, nel limite dell’importo della spesa ammissibile sostenuta.

Ritorna all'indice

Modalità e termini di presentazione della domanda

La domanda di contributo deve essere presentata esclusivamente “on line” attraverso il sistema previsto nell’Avviso, a partire dalle ore 9.00 di lunedì 16 dicembre 2019 e, inderogabilmente, fino alle ore 16.00 di giovedì 30 gennaio 2020.
La domanda può essere compilata anche da parte di persona di fiducia del titolare della domanda, utilizzando un Account Base ottenuto tramite il sistema di accreditamento LoginFVG, purché sia intestata al beneficiario e dallo stesso sottoscritta.
Le domande pervenute con modalità difformi rispetto alla procedura on line saranno dichiarate inammissibili ed archiviate.
I contributi sono concessi secondo l'ordine cronologico di presentazione delle domande.

Per la presentazione della domanda è necessario avere:

  • almeno un Account Base ottenuto tramite il sistema di accreditamento LoginFVG. È possibile eseguire l'accesso al sistema anche con un Account Standard o Avanzato oppure con SPID, CIE o CNS. Per ulteriori informazioni si consiglia di consultare le linee guida;
  • i propri dati anagrafici, un recapito telefonico (cellulare) e un indirizzo di posta elettronica;
  • dati catastali (foglio, mappale, eventuale subalterno) dell'immobile di proprietà e di residenza;
  • importo della spesa prevista per l'intervento finanziato;
  • allegato "dichiarazione atto di notorietà del beneficiario", scaricabile nella sezione modulistica, debitamente compilato e sottoscritto;
  • un proprio documento di identità in corso di validità;
  • ricevuta F23 di pagamento del bollo.

A riguardo dell'ultimo punto, l'imposta di bollo va pagata unicamente tramite il modello F23. Il pagamento può essere effettuato presso qualsiasi concessionario della riscossione, banca o ufficio postale.
Alcune indicazioni per la compilazione del modello F23:

1) CAMPO 4: indicare i dati del soggetto beneficiario
2) CAMPO 6: indicare il codice della Direzione provinciale dell’Agenzia delle Entrate attinente alla sede del candidato beneficiario (TI2 per Trieste, Tl4 per Gorizia, Tl6 per Pordenone, Tl8 per Udine)
3) CAMPO 10: nel campo Anno scrivere "2019". Nel campo Numero scrivere "L.R. 13/2019 ART. 5"
4) CAMPO 11: indicare come codice tributo "456 T"
5) CAMPO 12: indicare come descrizione "Imposta di bollo per contributi accumulatori"
6) CAMPO 13: importo 16,00 euro

Una scansione del pagamento dell'imposta di bollo deve essere allegata alla domanda di contributo.

Ritorna all'indice

Informazioni e contatti

Orari per informazioni (telefoniche o di persona):
da lunedì a venerdì dalle 10.00 alle 12.00.

 NOME TELEFONO E-MAIL
Fabiana Tosolini 0432 555003 fabiana.tosolini@regione.fvg.it
Stefania Del Toso 0432 555048 stefania.deltoso@regione.fvg.it
Elisa Cristina Iacuzzi 0432 555397 elisacristina.iacuzzi@regione.fvg.it
Raffaella Milesi (pos.ne organizzativa)  0432 555095 raffaella.milesi@regione.fvg.it
  INDIRIZZO:  UDINE   Via Sabbadini, 31
 

Ritorna all'indice